Arezzo-Marina di Pisa, incazzature e brividi…

Spazio adibito all'organizzazione, alla segnalazione o descrizione di raduni, flash mob, incontri, viaggi ecc.
raffaeleforgione
Messaggi: 9
Iscritto il: 14/05/2018, 12:41

Arezzo-Marina di Pisa, incazzature e brividi…

Messaggioda raffaeleforgione » 13/08/2018, 19:20

Mi sono già presentato al gruppo, sono Raffaele di Arezzo e ho una Ioniq che uso ormai dal 10 Maggio con cui ho percorso oltre 7000Km.
Sabato 11 Agosto, dato che dovevo andare a prendere mio suocero che arrivava da Amsterdam a Pisa (mia moglie è olandese ed il padre, beato lui, vive a Curacao nelle Antille Olandesi) alle 20.00, ho deciso di portare la famiglia al mare.
Fatte le dovute verifiche ho visto che a Marina di Pisa ci sono delle spiagge e degli stabilimenti balneari, verifico se ci sono colonnine Enel per la ricarica e con mia sorpresa ce n’erano ben 3 sulla litoranea a pochi passi dal mare e dall'App risultavano disponibili e attive.
Partiamo con la famiglia e dato che i chilometri da percorrere erano circa 180 , pianifico una sosta a Firenze (Stazione EVA+ di viale Guidoni) per un rabbocco.
E arriviamo a Marina di Pisa senza intoppi con ancora 180Km di autonomia.
Mi metto alla ricerca di una delle colonnine e individuo la colonnina di Via Litoranea.
Il pareggio dedicato era occupato da un abusivo (mi sono arrabbiato) e armato di cellulare per farla rimuovere e poi ho visto che la macchina aveva il contrassegno degli invalidi. Guardando meglio c’era comunque uno spazio per parcheggiare comodo per poter collegare il cavo.
Attivo la colonnina con la card Enel X, inizia la ricarica e mi dice che la colonnina è scollegata dalla rete.
Chiamo il numero verde ed iniziano a fare tutte le verifiche e anche loro ammettono che la colonnina non è raggiungibile e che fanno la segnalazione.
Prima di spostare la macchina chiedo all’operatrice di verificare se anche le altre 2 (che risultavano regolarmente disponibili nell’App) erano anche loro scollegate…
Dopo qualche minuto di attesa l’operatrice sconsolata mi dice che anche le altre 2 sono irraggiungibili da loro e dunque non in grado di operare…
A quel punto la rabbia è montata in me, ma dopo qualche minuto di imprecazioni a tutti i santi (elettrici e no), ho verificato che presso l’aeroporto c’erano altre 2 colonnine Enel e avrei potuto collegarla li in attesa dell’arrivo di mio suocero.
A quello punto massimo una bellissima giornata al mare con i bambini e verso le 18.00 andiamo verso Pisa.
Alle 18.30 eravamo già nelle vicinanze dell’aeroporto (Via dell'Aeroporto, 70) e sempre con la card mi collego alla colonnina che apparentemente era funzionante.
Attivo la ricarica e vedo che funziona regolarmente, attendo fino che il contatore raggiunge i 300W e andiamo fare una passeggiata.
Dopo un oretta torno e mi accordo che la ricarica si era interrotta a neanche 500W…
Imprecando nuovamente riattivo la carica e aspetto che riprenda la carica e aspetto un poco per vedere che sia tutto OK e aspetto che superi i 500W e ci incamminiamo all’aeroporto…
Dopo 10 minuti, dato che la macchina era a pochi minuti a piedi dal termina decido di verificare che la carica sia ancora in funziona… (purtroppo se si attiva la carica da card non si può controllare dall’App)
E con mi massima sorpresa la carica si era interrotta di nuovo!!
La seconda colonnina nel frattempo si era liberata e ho deciso di spostarmi sull’altra colonnina e attivare la ricarica dall’App.
A quel punto la carica inizia e inizio a monitorarla dal telefonino in maniera maniacale fino all’arrivo di mio suocero dopo circa 1 ora, decidiamo di andare a mangiare qualcosa nelle vicinanze in modo da caricare il più possibile la macchina. Alla fine riesco a mettere nelle batterie solo 7,7 Kw che mi davano un autonomia di 180 Km.
Carica sufficiente per raggiungere (per cautela la ricarica Fast di viale Guidoni a Firenze…
I km da percorrere per raggiungerla erano 130, dunque un margine di 50Km…
Inizio il tratto Pisa-Firenze sull’autostrada con il Cruise Control a 110Km/h e vedo che l’autonomia crolla in maniera preoccupante, probabilmente dettato dal fatto che il tratto di strada non è pianeggiante ma ha numerose salite da affrontare…
La Ioniq mi indicava che l’autonomia superava di poco i 30Km, poi il margine di è ridotto drasticamente, fino ad arrivare a destinazione con solo 15Km di autonomia con la spia della batteria scarica (con lo stress di mia moglie a 1000!!).
Alla colonnina Fast EVA+ ho collegato la ricarica veloce e la ioni ha fatto il pieno in soli 20 minuti! Anche mio suocero è rimasto colpito dalla velocità di ricarica…
Siamo ripartiti da Firenze Nord con il “pieno” ed un autonomia di 240km.
A questo punto arriviamo ad Arezzo con un autonomia di meno di 100Km…

Dato che la distanza da Firenze Nord a casa mia è di circa 80 Km…mi è sembrata un anomalia abbastanza strana… La velocità anche in questo caso è stata di 110Km/h con cruise control e l’aria condizionata non era in funzione, dato che era sera e la temperatura esterna non era altissima…
Magari qualcuno del gruppo con maggior esperienza mi può illuminare su questa cosa…
E’ forse legato al fatto che le batterie erano ancora “calde” dalla ricarica fast? La loro efficienza era ridotta?

Fatemi sapere.
A parte tutto, l’avventura è stata positiva perché abbiamo percorso oltre 400Km in elettrico.

Considerazioni finali:
E’ capitato ad altri di trovare le colonnine funzionanti dall’app, scollegate a livello di dati e dunque inutilizzabili?
Non capisco perché Enel non fa in modo che la colonnina possa essere utilizzata dall’utente e poi (al momento che il collegamento sia ripristinato) possa scaricare i dati di consumo dell’utente…il massimo rischio per loro e di dover “regalare” una carica in caso di mancanza di credito. Ma come fanno tanti operatori (anche telefonici) anticipano il traffico e poi alla prossima ricarica recuperano il debito…
E’ capitato ad altri (magari utilizzatori di Ioniq) che la colonnina dopo un po’ di scollega?
Infine, per gli altri utilizzatori di Ioniq, vi è capitato che l’autonomia si sia abbassata in maniera clamorosa?
(Nella foto la seconda colonnina funzionante all'aeroporto di Pisa, purtroppo negli altri casi non avevo lo spirito di fare le foto!!!)

IMG_4039.jpg
IMG_4039.jpg (341.05 KiB) Visto 323 volte




Avatar utente
renatoponzzo
Messaggi: 235
Iscritto il: 28/04/2018, 14:18

Re: Arezzo-Marina di Pisa, incazzature e brividi…

Messaggioda renatoponzzo » 13/08/2018, 21:31

solidarietà...
grazie della condivisione!
nel malaugurato caso di fermo macchina per batteria esaurita hai la polizza che prevede il traino gratuito?
vale fino a destinazione od alla prima colonnina di ricarica GARANTITA funzionante?

Avatar utente
jasty1966
Messaggi: 41
Iscritto il: 02/08/2018, 22:11

Re: Arezzo-Marina di Pisa, incazzature e brividi…

Messaggioda jasty1966 » 13/08/2018, 22:15

Ciao, solidarietà e comunque complimenti per l'auto, ti comunico la mia esperienza in fatto di autonomia. Io ho una e-up e domenica l'ho provata in montagna, avevo una trentina di km di salita non tanto difficile da fare con un dislivello di 600 m. All'inizio della salita avevo circa 117 km di autonomia e sono arrivato che mi restavano 40 Km di autonomia. Come vedi i conti non tornano neanche a me, me ne sono data una ragione. La e-up come altre elettriche calcola l'autonomia in base agli ultimi km percorsi e mi sono detto se li ho fatti in salita i 40 indicati a fine salita significavano che ne potevo fare altri 40 in quelle condizzioni. Il brivido comunque di restare a secco mi è venuto (anche perchè dovevo fare strada per la prima colonnina utile). Tutto è passato però quando ho girato la macchina e sono sceso. L'autonomia aumentava ad ogni km percorso in discesa. Sono arrivato al punto di attacco della salita con un'autonomia di circa 80 km circa ben piu' alta dei 30+30 km fatti. Questa la mia prima esperienza di montagna-autonomia. Dobbiamo imparare a prenderci un po' la mano.Per quanto riguarda le colonnette io fino ad ora mi sono trovato bene, ma la mia esperienza è di neanche un mese e 1000 km fatti in elettrico.

pIONiere
Messaggi: 102
Iscritto il: 30/05/2018, 12:48

Re: Arezzo-Marina di Pisa, incazzature e brividi…

Messaggioda pIONiere » 13/08/2018, 23:02

Ricordo di aver letto di simili imprecisioni del calcolo dell'autonomia su un forum tedesco nella sezione Ioniq. Se ricordo bene c'è un' update software per la Ioniq che aumenta la precisione della stima del range rimasto (e lo rende meno nervoso, cioè dovrebbe evitare sbalzi improvvisi).
Magari fai un salto dal concessionario Hyundai e fagli aggiornare il software.
Peugeot ION del 2012 (comprata usata nel 2016)

Avatar utente
selidori
Messaggi: 3841
Iscritto il: 14/02/2016, 11:17
Località: Milano
Contatta:

Re: Arezzo-Marina di Pisa, incazzature e brividi…

Messaggioda selidori » 13/08/2018, 23:30

Innanzitutto grazie per la condivisione!

Poi dico i miei pensieri
raffaeleforgione ha scritto:Siamo ripartiti da Firenze Nord con il “pieno” ed un autonomia di 240km.
A questo punto arriviamo ad Arezzo con un autonomia di meno di 100Km…

Dato che la distanza da Firenze Nord a casa mia è di circa 80 Km…mi è sembrata un anomalia abbastanza strana…
Sei sicuro che la strada non fosse in salita?
Ti consiglio di tracciarla su JRT così ti dice il profilo altimetrico: http://www.jurassictest.ch/GR/
raffaeleforgione ha scritto:E’ capitato ad altri di trovare le colonnine funzionanti dall’app, scollegate a livello di dati e dunque inutilizzabili?
Si. ci sono 2 o 3 discussioni in corso anche ora.
Purtroppo da quando ENEL ha cambiato il sistema loro di gestione (in concomitanza del passaggio ad ENELX) sembra non abbia più il controllo in tempo reale delle colonnine.
Cioè prima aveva una sorta di check automatico ogni enne minuti e se rispondevano erano "vive", ora invece il controllo non è più proattivo, quindi se una va offline (ed a quanto pare non è cosa rara, e non mi spiego perchè visto oramai la stabilità delle reti 3G/4G/UMTS è evidente, forse è più una questione commerciale tipo un contratto scarso del tipo "interrompile") il sistema non se ne accorge.
Come cambiare in peggio...
(queste sono mie congetture dagli indizi raccolti in giro).
raffaeleforgione ha scritto:Non capisco perché Enel non fa in modo che la colonnina possa essere utilizzata dall’utente e poi (al momento che il collegamento sia ripristinato) possa scaricare i dati di consumo dell’utente…il massimo rischio per loro e di dover “regalare” una carica in caso di mancanza di credito. Ma come fanno tanti operatori (anche telefonici) anticipano il traffico e poi alla prossima ricarica recuperano il debito…
Questo avviene con la tessera. Le colonnine hanno una copia in locale delle whitelist e blacklist ed in caso di disconnessione usano quella per autenticare ma chiaramente quello è valido solo per la gestione colonnina con la RFID. Con la app il comando è per forza da remoto, quindi deve avere rete.
NOTA: non è che il database locale è infinito. Dopo qualche ora di non connettività si cancella. Quindi serve solo per backup momentanei di rete dati, non può una colonnina essere offline per oltre 6 ore! (un numero un po' così, di solito il tempo dei costruttori è quello, non so per l'hardware enel a quanto sia impostato).

Per mera curiosità segnalo che una volta addirittura c'era la totale fiducia delle rfid: se la colonnina era offline e se si passava qualsiasi tessere di qualsiasi circuito (quindi anche non enel) comunque si avviava la modalità RICARICA DI EMERGENZA che voleva dire 3.5kW per 15 minuti... in pratica 1kWh ovvero 7 km.
Oddio non è che era un grande regalo, ad ogni modo ora hanno tolto pure quello.

raffaeleforgione ha scritto:E’ capitato ad altri (magari utilizzatori di Ioniq) che la colonnina dopo un po’ di scollega?
Questo comportamento mi fa venire in mente le prime ricariche con ogni auto.
Agli inizi, appena le auto escono, è sempre stato così per tutti i modelli. Avviano la carica, durano una decina di minuti e poi si interrompono. Senza una logica e senza un tempo uguale. Poi i gestori studiano il problema e lo risolvono. Ma devono avere un'auto fra le mani, evidentemente lo 'standard' modo3 è molto poco standard.
La Hyundai Ioniq esiste da oltre un anno, ma evidentemente in enel non le hanno mica tanto provate...
C'e' poi il problema che di pole enel ne esistono almeno 4 versioni con hardware completamente differente (riconoscibili da dettagli come base color diverso, finestra di ispezione dietro di misura diversa, ecc ecc).
Io fossi in te mi metterei con calma e con il sito eneldrive a segnarmi tutti i seriali delle colonnine con distacco "automatico" (ma mi pare sia solo 1) e lo segnalerei ad enelx con una email.
Non faranno niente, ovviamente, ma devi provarci.
AUTO ELETTRICHE: Immatricolazioni | gamma | agevolazioni | circuiti
MOBILITA ELETTRICA: Eventi |



Torna a “Raduni e Viaggi”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 0 ospiti