Becharge fast Via Sammartini 21, Milano (200kW ?)

Colonnine elettriche Milano: recensioni stazioni di ricarica per veicoli elettrici e segnalazioni di nuove colonnine e/o aperture centri commerciali.
Deen
Messaggi: 2328
Iscritto il: 21/08/2017, 15:17

Re: Becharge fast Via Sammartini 21, Milano (200kW ?)

Messaggioda Deen » 04/12/2019, 10:00

selidori ha scritto:Mmmm...
Non mi trovi daccordo.
Una T2 ci vuole sempre per garantire almeno qualcosa riesci sempre a tirare su.
Se le DC sono entrambe occupate (o c'e' un solo raddrizzatore ed una è già usata) o se hai un'auto vecchia (zoe, kangoo) o con altre prese (fluence, alcune sfigatissime leaf senza chademo, varie altre, incluse alcune moto) devi sempre da una possibilità anche se castrata.
E non dimentichiamoci delle zoe....
Mi pare che la T2 sia pure obbligatoria per legge in EU, se metti un punto di ricarica pubblico.
Il problema della ricarica lenta ad oltranza lo si risolve in altro modo (ad esempio fatturando oltre un certo numero di ore, a discrezione del provider) non levando la presa!
Inoltre la T2 costa veramente così poco (non si fa niente sulla potenza, c'e' solo il circuito di controllo, che oramai perso sia un costo trascurabile, sopratutto per una fast) che sarebbe stupido non metterlo.

Però rischi ti tenere occupato per delle ore un posto che servirebbe per una ricarica veloce... Sarei più propenso anch’io per una colonnina AC separata, come stanno facendo sempre più spesso alcuni operatori




Avatar utente
selidori
Messaggi: 8327
Iscritto il: 14/02/2016, 11:17
Località: Milano
Veicolo: Leaf2018
Contatta:

Re: Becharge fast Via Sammartini 21, Milano (200kW ?)

Messaggioda selidori » 04/12/2019, 10:49

Deen ha scritto:Però rischi ti tenere occupato per delle ore un posto che servirebbe per una ricarica veloce... Sarei più propenso anch’io per una colonnina AC separata, come stanno facendo sempre più spesso alcuni operatori
L'ho scritto: fai pagare 20 euro all'ora, dalla terza ora in poi. Vedi tu se occupi ancora per ore quella colonnina... (ovviamente pure io preferirei colonnina separata e dedicata, ma allora si raddoppiano i posti, affitti, costi, allacci, ecc. Come detto nella fase attuale preferisco più colonnine distribuite alla concentrazione di 2 stazioni in 10 metri. Tesla fa storia a se, con i supercharger, non tanto per i supercharger ma per le autonomie da 300km base per ogni auto, dove appunto puoi permetterti di lasciare centinaia di km scoperti).
AUTO ELETTRICHE: Immatricolazioni | gamma | agevolazioni | circuiti
MOBILITA ELETTRICA: Eventi | FAQ

aventuri
Messaggi: 996
Iscritto il: 11/09/2018, 13:45
Veicolo: eGolf

Re: Becharge fast Via Sammartini 21, Milano (200kW ?)

Messaggioda aventuri » 04/12/2019, 10:56

selidori ha scritto:
Deen ha scritto:Però rischi ti tenere occupato per delle ore un posto che servirebbe per una ricarica veloce... Sarei più propenso anch’io per una colonnina AC separata, come stanno facendo sempre più spesso alcuni operatori
L'ho scritto: fai pagare 20 euro all'ora, dalla terza ora in poi. Vedi tu se occupi ancora per ore quella colonnina...

eheh, in effetti quello scontrino Lidl che hai fatto vedere ieri, la dice lunga sugli esperimenti e sul "percorso di consapevolezza" che sia operatori del settore sia consumatori, son chiamati a percorrere in questa fase di trasformazione del modello complessivo della mobilità.

quale sarà il punto di caduta.. è da vedere! ma in realtà N diverse tipologie di servizio (e fatturazione) potranno co-esistere, in futuro.

il problema è trovare l "usabilità" a prova di massaia di Voghera!

chi leggerà mai lo scontrino del Lidl! a parte noi "assatanati"?
.. specialmente se la stessa Lidl di ieri aveva una politica tariffaria diversa, o la Lidl di 10 km a sud.. od un altro supermercato di cui non ricordiamo neanche l'insegna
driving eGolf.. it was time! :-)

Avatar utente
selidori
Messaggi: 8327
Iscritto il: 14/02/2016, 11:17
Località: Milano
Veicolo: Leaf2018
Contatta:

Re: Becharge fast Via Sammartini 21, Milano (200kW ?)

Messaggioda selidori » 04/12/2019, 11:04

aventuri ha scritto:chi leggerà mai lo scontrino del Lidl! a parte noi "assatanati"?
Be', la legge non ammette ignoranza.
Ancora una volta, se non applichiamo sanzioni per paura di far infelici gli utenti non ne usciamo più.
Poi nel caso specifico del provider di fast, se l'utente è registrato si può dargli 1000 possibilità: avvisarlo via SMS (od app), condonargli la prima volta, fargli lo sconto, ecc.
Anche se io sarei per la linea dura: se non leggi lo scontrino, scusa, sono fatti tuoi. Paghi. La volta dopo vedrai lo scontrino lo leggi (comunque io lo leggo sempre, nel caso specifico, non so quanti avendolo preso all'ingresso e quindi ben sapendo si è monitorati possano permettersi il lusso di fregarsene).
AUTO ELETTRICHE: Immatricolazioni | gamma | agevolazioni | circuiti
MOBILITA ELETTRICA: Eventi | FAQ

Avatar utente
sasadj
Messaggi: 310
Iscritto il: 28/09/2017, 16:22
Località: Roma
Veicolo: Zoe Q90 Tesla M3 LR
Contatta:

Re: Becharge fast Via Sammartini 21, Milano (200kW ?)

Messaggioda sasadj » 05/12/2019, 9:23

aventuri ha scritto:Da quel che ricordo, ci son due tipi di forniture trifase dal distributore, con (4 fili) o senza neutro (tre fili):
* se c'e' il neutro, ognuna delle 3 tensioni 220v si prende tra fase e neutro (collegamento stella) e questa e' la trifase da 400v
* se non c'e' il filo di neutro, ognuna delle 3 tensioni da 220v si prende tra due fasi (collegamento a triangolo), questa si chiama trifase da 230v


Un unico appunto: la trifase 220V era quella dell'anteguerra che, purtroppo, è ancora distribuita in alcune parti d'Italia (vedi il centro di Roma).

Non c'entra nulla il neutro, cambia proprio la tensione per ogni fase che, misurata tramite neutro o tramite la terra, riporta 125V pertanto per avere la 230V canonica si prendeva la tensione tra due fasi.
Questo è quanto di più deleterio per le installazioni dei punti di ricarica poichè mancando il neutro alcuni sistemi "a norma CE" non fanno partire la ricarica (vedi Zoe, BMW i3 e Tesla).

La Trifase attuale è "nominata" 400V in quanto, se misurata tra 2 fasi, si ottiene tale valore, se misurata tra fase e neutro si ottiene il valore canonico della "monofase" di 230V.

Lo schema che hai postato sopra è per il collegamento dei motori (a stella o a triangolo) :geek:
http://www.mobilitaelettricaroma.it Comitato Promotore Mobilità Elettrica e Sostenibile - Renault Zoe Q90 - Tesla Model 3 LR AWD - Se vuoi ottenere 1.500 km gratuiti ai Supercharger: https://ts.la/salvatore66012


aventuri
Messaggi: 996
Iscritto il: 11/09/2018, 13:45
Veicolo: eGolf

Re: Becharge fast Via Sammartini 21, Milano (200kW ?)

Messaggioda aventuri » 05/12/2019, 10:30

sasadj ha scritto:
aventuri ha scritto:Da quel che ricordo, ci son due tipi di forniture trifase dal distributore, con (4 fili) o senza neutro (tre fili):
* se c'e' il neutro, ognuna delle 3 tensioni 220v si prende tra fase e neutro (collegamento stella) e questa e' la trifase da 400v
* se non c'e' il filo di neutro, ognuna delle 3 tensioni da 220v si prende tra due fasi (collegamento a triangolo), questa si chiama trifase da 230v


Un unico appunto: la trifase 220V era quella dell'anteguerra che, purtroppo, è ancora distribuita in alcune parti d'Italia (vedi il centro di Roma).

Non c'entra nulla il neutro, cambia proprio la tensione per ogni fase che, misurata tramite neutro o tramite la terra, riporta 125V pertanto per avere la 230V canonica si prendeva la tensione tra due fasi.
Questo è quanto di più deleterio per le installazioni dei punti di ricarica poichè mancando il neutro alcuni sistemi "a norma CE" non fanno partire la ricarica (vedi Zoe, BMW i3 e Tesla).

adesso cosa intendi per "norma CE" non mi è chiaro, perché è un po' generico e poi io 'ste norme, non le conosco per niente.. magari in futuro, se ci lavorerò per $$! :-)

..però voglio rimanere sul "pratico" che mi sembra utile ai nostri fini (di migliore comprensione..)

* SE alcune colonnine al centro di Roma sono configurate con la "trifase anteguerra" (per "necessità" presumo..), quindi immagino con il filo di Neutro non connesso e quidi "flottante") e..

* SE esistono delle EV che riescono a caricare alle suddette colonnine (ed altre, quelle menzionate, no..)

implica che le prime EV hanno un caricatore "furbo" che "capisce" la situazione e "automaGicamente" si riconfigura per prendere le tensioni a 220v tra le Fasi (modalità "a triangolo") invece che verso Neutro ("a stella"),

cosa che, nell'esempio del motore della pagina web che ho linkato prima, si faceva "a mano" con le spine.

è una spiegazione ragionevole della difformità di comportamento, secondo voi?

quello che mi domando è perché abbiano installato in Italia, colonnine (sono EnelX?) in questa modalità, a Neutro assente, se fosse una "tecnica" non consentita dalla norma CE.

mi sembra che quelli di Enel (od in genere i distributori di energia autorizzati), siano tutti dei professionisti.. no?

se invece fosse consentito, mi domando perché esistano degli EV con caricatori che non supportano quella modalità (a Neutro assente). sarebbero "parzialmente" fuori standard..

o mi manca qualche tassello? o non ho capito niente? :-)

La Trifase attuale è "nominata" 400V in quanto, se misurata tra 2 fasi, si ottiene tale valore, se misurata tra fase e neutro si ottiene il valore canonico della "monofase" di 230V.


infatti!.. peraltro, per trovare i "380v", basta fare il calcolo della base di un triangolo isoscele "spanciato", con angolo 120, e i due lati obliqui con angolo 30 rispetto la base
se i lati obliqui valgono 220(v), la semi-base vale 220*cos(30)=190(v)

moltiplicando le due semibasi, viene 190*2=380(v) la tensione misurata tra le due fasi..


Lo schema che hai postato sopra è per il collegamento dei motori (a stella o a triangolo) :geek:


difatti, nel testo originale è ben descritto a cosa si riferisce..

a me piace quel disegno dei tre segmenti angolati di 120 gradi l'uno con l'altro perché visualizza per me bene il senso di sfasamento angolare tra le tre tensioni alternate.. al passare del tempo (a 50/60Hz rotazioni all secondo) me lo immagino "rotolare" ( in senso orario per me ), rappresentando bene l'andamento della tensione (in ordinata) rispetto al tempo, in ascissa
driving eGolf.. it was time! :-)

Deen
Messaggi: 2328
Iscritto il: 21/08/2017, 15:17

Re: Becharge fast Via Sammartini 21, Milano (200kW ?)

Messaggioda Deen » 05/12/2019, 14:04

selidori ha scritto:
Deen ha scritto:Però rischi ti tenere occupato per delle ore un posto che servirebbe per una ricarica veloce... Sarei più propenso anch’io per una colonnina AC separata, come stanno facendo sempre più spesso alcuni operatori
L'ho scritto: fai pagare 20 euro all'ora, dalla terza ora in poi. Vedi tu se occupi ancora per ore quella colonnina... (ovviamente pure io preferirei colonnina separata e dedicata, ma allora si raddoppiano i posti, affitti, costi, allacci, ecc. Come detto nella fase attuale preferisco più colonnine distribuite alla concentrazione di 2 stazioni in 10 metri.

Però bisogna mettersi anche nei panni degli operatori e dei clienti, quando i primi sono costretti a dare multe di 20 euro e gli altri a subirla... :roll: Non oso immaginare le polemiche! :) Considerando che comunque si paga già la ricarica. È un po’ diverso rispetto al solo parcheggio.
Stare col fiato sul collo ad una ricarica lenta per me non è molto giusto, ci vuole una colonnina predisposta che carichi lento, costa un po’ di più, ma la direzione sembra quella (vedi Be Charge, Esselunga, e da un po’ di tempo anche Enel X), questo vale anche per le ricariche di emergenza secondo me, che sono più brevi ma comunque richiedono il loro tempo

Avatar utente
sasadj
Messaggi: 310
Iscritto il: 28/09/2017, 16:22
Località: Roma
Veicolo: Zoe Q90 Tesla M3 LR
Contatta:

Re: Becharge fast Via Sammartini 21, Milano (200kW ?)

Messaggioda sasadj » 05/12/2019, 17:53

aventuri ha scritto:adesso cosa intendi per "norma CE" non mi è chiaro, perché è un po' generico e poi io 'ste norme, non le conosco per niente.. magari in futuro, se ci lavorerò per $$! :-)


l'ho scritto tra virgolette proprio per evitare di inserire la norma.
sappi che esistono delle norme UNI e CE chiare che normano tutto ciò che riguarda il mondo tecnico ;)

aventuri ha scritto:implica che le prime EV hanno un caricatore "furbo" che "capisce" la situazione e "automaGicamente" si riconfigura per prendere le tensioni a 220v tra le Fasi (modalità "a triangolo") invece che verso Neutro ("a stella")
....
è una spiegazione ragionevole della difformità di comportamento, secondo voi?


No non si configura automaticamente un bel niente.
Alcuni veicoli che ricaricano monofase diciamo che, in parole semplici, "non fanno caso" alla presenza del neutro, verificano che ci sia tensione e che la messa a terra rientri in alcuni parametri. (di solito sono le vetture giapponesi che, caricando monofase anche a 120V non sono così "schizzinose" :lol: )

quello che mi domando è perché abbiano installato in Italia, colonnine (sono EnelX?) in questa modalità, a Neutro assente, se fosse una "tecnica" non consentita dalla norma CE.


Ce lo domandiamo in parecchi... ma "prima" funzionava cosi... diciamo... :roll:


se invece fosse consentito, mi domando perché esistano degli EV con caricatori che non supportano quella modalità (a Neutro assente). sarebbero "parzialmente" fuori standard..


vedi sopra... in alcuni casi, con certi EVSE "particolari" siamo riusciti a far caricare alcuni EV nipponici anche in mancanza di messa a terra... :shock:
http://www.mobilitaelettricaroma.it Comitato Promotore Mobilità Elettrica e Sostenibile - Renault Zoe Q90 - Tesla Model 3 LR AWD - Se vuoi ottenere 1.500 km gratuiti ai Supercharger: https://ts.la/salvatore66012

aventuri
Messaggi: 996
Iscritto il: 11/09/2018, 13:45
Veicolo: eGolf

Re: Becharge fast Via Sammartini 21, Milano (200kW ?)

Messaggioda aventuri » 05/12/2019, 18:59

sasadj ha scritto:
aventuri ha scritto:adesso cosa intendi per "norma CE" non mi è chiaro, perché è un po' generico e poi io 'ste norme, non le conosco per niente.. magari in futuro, se ci lavorerò per $$! :-)


l'ho scritto tra virgolette proprio per evitare di inserire la norma.
sappi che esistono delle norme UNI e CE chiare che normano tutto ciò che riguarda il mondo tecnico ;)

aventuri ha scritto:implica che le prime EV hanno un caricatore "furbo" che "capisce" la situazione e "automaGicamente" si riconfigura per prendere le tensioni a 220v tra le Fasi (modalità "a triangolo") invece che verso Neutro ("a stella")
....
è una spiegazione ragionevole della difformità di comportamento, secondo voi?


No non si configura automaticamente un bel niente...


il tema mi interessa, ma OT qua, per cui faccio qualche altra osservazione di qua

A chi piace il "genere".. ;-)
driving eGolf.. it was time! :-)

Avatar utente
marco
Amministratore
Messaggi: 14461
Iscritto il: 29/12/2015, 13:41
Località: Reggio Emilia
Veicolo: Nissan Leaf
Contatta:

Re: Becharge fast Via Sammartini 21, Milano (200kW ?)

Messaggioda marco » 06/12/2019, 8:55

Deen ha scritto:Però bisogna mettersi anche nei panni degli operatori e dei clienti, quando i primi sono costretti a dare multe di 20 euro e gli altri a subirla... :roll: Non oso immaginare le polemiche! :) Considerando che comunque si paga già la ricarica. È un po’ diverso rispetto al solo parcheggio.


Devi considerare però che le colonnine dei supermercati non sono lì per vendere energia, ma sono finalizzate a dare un servizio in più al cliente con lo scopo di fargli fare la spesa.
Per fare una spesa due ore sono più che sufficienti, ed ecco lo scopo di quel disincentivo ad occupare il parcheggio per oltre 2 ore.
Anche perché se il parcheggio è pieno, difficile che poi uno si fermi a fare la spesa, anzi si rischia poi nel lungo periodo di perdere clienti e quindi di fare più danno che utile.
Nissan Leaf 24 kWh ( waiting Opel Corsa-e) > Zero FX 7,2 kWh + Zero FX 5,7 kWh > Ninebot One E+ 320 Wh > FV 4,32 kWp



Torna a “Milano”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 0 ospiti