Come mantenere nel tempo il più possibile sana la batteria Leaf

L'autovettura a propulsione elettrica in configurazione di berlina a due volumi e 5 porte, introdotta dalla Nissan sui mercati di Giappone e Stati Uniti d'America nel dicembre 2010.
Avatar utente
selidori
Messaggi: 5540
Iscritto il: 14/02/2016, 11:17
Località: Milano
Veicolo: Leaf2018
Contatta:

Re: Come mantenere nel tempo il più possibile sana la batteria Leaf

Messaggioda selidori » 11/05/2019, 18:20

Sono stato troppo sbrigativo (volevo essere provocatorio) e confermo il mio pensiero: pensa a tutto lei.

I consigli (teoricamente sempre validi) della massima e minima carica oggi non sono più necessari: non abbiamo speso 6 anni invano.
Anzi le auto di oggi sono così conservative che è assurdo limitarle ulteriormente per farle felici, considerando che già sono felici da sole senza i nostri sacrifici (che sono meno significativi dei loro, visto che solo loro hanno i dati per conoscere seriamente i loro limiti).
Aggiungo anche che le loro limitazioni ce le paghiamo ed anche care: paghiamo ad esempio 42 kWh per non arrivare ad usarne 36, cioè per essere felici come dicevo sopra si bevono 6 kWh, che è di più di quanto aveva la mia prima auto plugin per andare a zonzo: è già abbastanza perchè noi non ce ne dobbiamo preoccupare!
E questi sono tutti limiti per non arrivare al 100% e non arrivare a 0%.

Quello invece secondo me da pensare nell'auto elettrica è purtroppo FUORI dall'abitacolo: ovvero l'infrastruttura (sopratutto affidabilità, abuso, capillarità).
Ultima modifica di selidori il 11/05/2019, 18:40, modificato 2 volte in totale.


AUTO ELETTRICHE: Immatricolazioni | gamma | agevolazioni | circuiti
MOBILITA ELETTRICA: Eventi |


#32
Messaggi: 102
Iscritto il: 08/03/2019, 17:01
Località: Roma
Veicolo: Leaf tekna 3.0

Re: Come mantenere nel tempo il più possibile sana la batteria Leaf

Messaggioda #32 » 11/05/2019, 18:32

selidori ha scritto:Sono stato troppo sbrigativo (volevo essere provocatorio) e confermo il mio pensiero: pensa a tutto lei.

I consigli (teoricamente sempre validi) della massima e minima carica oggi non sono più necessari: non abbiamo speso 6 anni invano.
Anzi le auto di oggi sono così conservative che è assurto limitarle ulteriormente per farle felici, considerando che già sono felici da sole senza i nostri sacrifici (che sono meno significativi dei loro, visto che solo loro hanno i dati per conoscere seriamente i loro limiti).
Aggiungo anche che le loro limitazioni ce le paghiamo ed anche care: paghiamo ad esempio 42 kWh per non arrivare ad usarne 36, cioè per essere felici come dicevo sopra si bevono 6 kWh, che di più di quanto aveva la mia prima auto plugin per andare a zonzo: è già abbastanza perchè noi non ce ne dobbiamo preoccupare!
E questi sono tutti limiti per non arrivare al 100% e non arrivare a 0%.

Quello invece secondo me da pensare nell'auto elettrica è purtroppo FUORI dall'abitacolo: ovvero l'infrastruttura (sopratutto affidabilità, abuso, capillarità).


Noto con dispiacere che volendo fare una gita e usando le autostrade vedo che non esistono se non solamente sulla roma-napoli colonnine per potersi ricaricare, ora speriamo che il ministro Toninelli si muova a riguardo perchè penso siamo indietro anni luce rispetto agli altri paesi.

ibxxx
Messaggi: 122
Iscritto il: 19/04/2019, 15:17
Località: OVARO

Re: Come mantenere nel tempo il più possibile sana la batteria Leaf

Messaggioda ibxxx » 11/05/2019, 18:39

selidori ha scritto:Sono stato troppo sbrigativo (volevo essere provocatorio) e confermo il mio pensiero: pensa a tutto lei.

I consigli (teoricamente sempre validi) della massima e minima carica oggi non sono più necessari: non abbiamo speso 6 anni invano.
Anzi le auto di oggi sono così conservative che è assurto limitarle ulteriormente per farle felici, considerando che già sono felici da sole senza i nostri sacrifici (che sono meno significativi dei loro, visto che solo loro hanno i dati per conoscere seriamente i loro limiti).
Aggiungo anche che le loro limitazioni ce le paghiamo ed anche care: paghiamo ad esempio 42 kWh per non arrivare ad usarne 36, cioè per essere felici come dicevo sopra si bevono 6 kWh, che di più di quanto aveva la mia prima auto plugin per andare a zonzo: è già abbastanza perchè noi non ce ne dobbiamo preoccupare!
E questi sono tutti limiti per non arrivare al 100% e non arrivare a 0%.

Quello invece secondo me da pensare nell'auto elettrica è purtroppo FUORI dall'abitacolo: ovvero l'infrastruttura (sopratutto affidabilità, abuso, capillarità).



concordo in pieno, le auto, come tutte le cose sono fatte per essere usate . e soprattutto loro devono adattarsi alle nostre esigenze... non il contrario

Avatar utente
selidori
Messaggi: 5540
Iscritto il: 14/02/2016, 11:17
Località: Milano
Veicolo: Leaf2018
Contatta:

Re: Come mantenere nel tempo il più possibile sana la batteria Leaf

Messaggioda selidori » 11/05/2019, 18:42

ibxxx ha scritto:concordo in pieno, le auto, come tutte le cose sono fatte per essere usate . e soprattutto loro devono adattarsi alle nostre esigenze... non il contrario
Una volta ho letto una frase che mi è rimasta impressa: "cambiamo il divano per far passare sotto il roomba". :o
Quello che è tragico è che personalmente ho fatto proprio così: non ho cambiato il divano, ma nell'arco di pochi anni la mia casa si è 'riconfigurata' per far fare le pulizie all'aspirapolvere automatico, senza che quasi me ne accorgessi (ad esempio, ora le scope sono tutte appese, perchè se semplicemente appoggiate al muro, quel coso se le prendeva e se le portava in giro per la casa!).
AUTO ELETTRICHE: Immatricolazioni | gamma | agevolazioni | circuiti
MOBILITA ELETTRICA: Eventi |



Torna a “Nissan Leaf”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 0 ospiti