Differenze di guida fra moto da enduro elettrica e termica

La Zero FX monta un telaio derivato dai modelli fuoristrada ed è dotata della tecnologia Z-Force® più all'avanguardia.
Avatar utente
marco
Amministratore
Messaggi: 18534
Iscritto il: 29/12/2015, 13:41
Località: Reggio Emilia
Veicolo: Opel Corsa-e
Contatta:

Differenze di guida fra moto da enduro elettrica e termica

Messaggioda marco » 10/08/2019, 17:09

Dopo 25 anni di enduro, passando da varie moto a benzina a 2 tempi, varie moto a benzina a 4 tempi e poi due moto elettriche che guido da 3 anni, provo a tirare le conclusioni sul diverso stile di guida da adottare nel guidare elettrico invece che termico.

Ciclisticamente la moto elettrica (parlo poi della Zero FX, che è l'unica che attualmente permette di fare quello che faccio) è un po' più povera ed anche leggermente più pesante, ma non è questo che da molta differenza nella guida rispetto alle cugine termiche: la differenza la fa il baricentro, che per via delle batteria porta la moto ad essere molto pesante davanti.

L'elettrica è praticamente agli antipodi rispetto ai 2 tempi, soprattutto verso le piccole cilindrate che permettono di essere guidate sui terreni scivolosi quasi come fossero delle moto da speedway: con la Zero FX bisogna guidare stando molto più dritti, inclinando meno la moto in quanto tende a portare fuori il davanti. Per lo stesso motivo fa un po' più fatica a passare l'ostacolo, per cui bisogna tenere una guida attenta e vedere bene dove si mettono le ruote.

Dove risulta vincente invece è in salita per via dell'enorme coppia e della prontezza del motore: se il percorso non è estremo, dove la ciclistica ed il peso potrebbero metterla in crisi, la moto va su per i muri con una facilità disarmante. A qualunque velocità, a qualunque regime, basta aprire l'acceleratore e la moto va su, senza rischio di impennamento o cappottamento per via del baricentro avanzato (ma sempre senza esagerare, parliamo di un percorso da enduro classico e NON estremo).

Riguardo l'autonomia non è più un problema: basta organizzarsi per censire qualche locale che fornisca la corrente in punti strategici nel mentre che ci si ristora (come sto facendo io per le montagne di Reggio Emilia, Parma e Modena qui > https://www.enduroelettrico.it/ ) e ci stanca prima fisicamente di quando si scarica la moto.

Giusto per fare un esempio, giovedì sono andato con un mio amico a pranzo a San Pellegrino in Alpe partendo da Reggio Emilia e passando per il Passo Radici, al confine fra Emilia Romagna e Toscana:

+2019-08-08-13h15m51.jpg
+2019-08-08-13h15m51.jpg (310.04 KiB) Visto 2247 volte


Inutile dire che i panorami incontrati lungo il percorso sono mozzafiato:

2019-08-08-15h50m10.jpg
2019-08-08-15h50m10.jpg (265.31 KiB) Visto 2247 volte


Abbiamo percorso in totale 200 km

2019-08-08-22h22m11.jpg
2019-08-08-22h22m11.jpg (249.04 KiB) Visto 2247 volte


Basta dire che non c'ero mani arrivato neanche con la moto termica :lol:

Abbiamo fatto 2 soste all'andata per ricaricare, più una a pranzo ma solo perché non eravamo sicuri che al ristorante tutto andasse liscio con la ricarica (nonostante avessi chiesto per telefono preventivamente, ma fino a quando non si prova non si è mai sicuri): al ritorno è bastato infatti una sosta a metà strada per arrivare agevolmente a casa con abbondante energia residua.

Le ricariche effettuate sono sempre state intorno dal 40+-60% di SOC, sia perché non voglio correre rischi di trovarmi scarico in mezzo al bosco (ci sono andato vicino una sola volta e mi è bastato), sia perché la velocità di ricarica non cambia a seconda del SOC, ma sopratutto perché dopo 1,5/2 ore di enduro si è sufficientemente stanchi per fermarsi volentieri un'oretta e dissetarsi.

Concludendo posso affermare che l'Enduro Elettrica è già adeguata per farne un uso di enduro classico/turistico, in cui non si cerca la prestazione a tutti i costi, ma a patto di sapersi organizzare con calma per recensirsi i punti di ricarica della propria zona.


Opel Corsa-e (ex Nissan Leaf 24 kWh) > Zero FX 7,2 kWh + Zero FX 5,7 kWh > Ninebot One E+ 320 Wh > FV 4,32 kWp


Avatar utente
marco
Amministratore
Messaggi: 18534
Iscritto il: 29/12/2015, 13:41
Località: Reggio Emilia
Veicolo: Opel Corsa-e
Contatta:

Re: Differenze di guida fra moto da enduro elettrica e termica

Messaggioda marco » 12/10/2020, 10:19

marco ha scritto:Giusto per fare un esempio, giovedì sono andato con un mio amico a pranzo a San Pellegrino in Alpe partendo da Reggio Emilia e passando per il Passo Radici, al confine fra Emilia Romagna e Toscana:


Ho postato il racconto della giornata con anche il video (poco alla volta li sto facendo montare e pubblicare tutti) qui :D > https://www.enduroelettrico.it/2020/10/ ... -del-8-19/
Opel Corsa-e (ex Nissan Leaf 24 kWh) > Zero FX 7,2 kWh + Zero FX 5,7 kWh > Ninebot One E+ 320 Wh > FV 4,32 kWp

LucaAmicone
Messaggi: 110
Iscritto il: 30/07/2018, 11:51
Località: Roma

Re: Differenze di guida fra moto da enduro elettrica e termica

Messaggioda LucaAmicone » 13/10/2020, 8:34

Fichissimo! :) :) :) :)
Sull'assenza di frizione, invece? Nessuna considerazione? Amici miei hanno espresso scetticismo sulla sua assenza.
In effetti per superare alcuni ostacoli forse sarebbe stata utile.
Inoltre, che mappa usi per l'enduro? :)
--
Luca Amicone

Avatar utente
marco
Amministratore
Messaggi: 18534
Iscritto il: 29/12/2015, 13:41
Località: Reggio Emilia
Veicolo: Opel Corsa-e
Contatta:

Re: Differenze di guida fra moto da enduro elettrica e termica

Messaggioda marco » 13/10/2020, 9:25

Eh, la frizione servirebbe per scavalcare l'ostacolo... per impennare da fermo diciamo, ma noi abbiamo smesso di fare enduro estremo da un po' per cui sono situazioni che raramente ci interessano.
Per l'enduro uso un GPS Garmin Oregon ed ho una mappa autocostruita con tutte le tracce, che aggiorno/modifico ad ogni giro in base ai pezzi fatti al giro prima.
Opel Corsa-e (ex Nissan Leaf 24 kWh) > Zero FX 7,2 kWh + Zero FX 5,7 kWh > Ninebot One E+ 320 Wh > FV 4,32 kWp

LucaAmicone
Messaggi: 110
Iscritto il: 30/07/2018, 11:51
Località: Roma

Re: Differenze di guida fra moto da enduro elettrica e termica

Messaggioda LucaAmicone » 13/10/2020, 9:35

Per l'enduro uso un GPS Garmin Oregon


Hem, mi sono espresso male :D
Intendevo dire che MAPPATURA, se Eco, Sport o Custom :) Suppongo la Custom in versione Full Power, ma magari in alcune situazioni la cambi.
--
Luca Amicone


Avatar utente
marco
Amministratore
Messaggi: 18534
Iscritto il: 29/12/2015, 13:41
Località: Reggio Emilia
Veicolo: Opel Corsa-e
Contatta:

Re: Differenze di guida fra moto da enduro elettrica e termica

Messaggioda marco » 13/10/2020, 13:06

Allora, quando esco con i miei amici termici uso praticamente sempre custom, cioè massima potenza e massima rigenerazione... consumo di più ma si guida meglio.

Settimana scorsa invece sono uscito per un tour guidato con un utente alle prime armi e li ho tenuto tutto in eco, sia perché non c'era bisogno di potenza maggiore ma anche perché dovevamo ricaricare due moto elettriche con un solo alimentatore (per cui era meglio limitare i consumi per non allungare troppo i tempi di ricarica visto che erano doppi rispetto a quando esco da solo)
Opel Corsa-e (ex Nissan Leaf 24 kWh) > Zero FX 7,2 kWh + Zero FX 5,7 kWh > Ninebot One E+ 320 Wh > FV 4,32 kWp



Torna a “Zero FX”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 2 ospiti