Dimensionare correttamente fotovoltaico con consumi futuri incerti

Sfruttare l'energia solare incidente per produrre energia elettrica mediante effetto fotovoltaico,
Avatar utente
marco
Amministratore
Messaggi: 6429
Iscritto il: 29/12/2015, 13:41
Località: Reggio Emilia
Contatta:

Dimensionare correttamente fotovoltaico con consumi futuri incerti

Messaggioda marco » 08/10/2018, 19:32

Il problema secondo me è anche prevedere il consumo futuro: io per esempio faccio fatica a capire come sarò messo da qui ai prossimi 20 anni, con un figlio quasi adolescente e quindi presto forse con un mezzo elettrico aggiuntivo, caldaia a condensazione che quando tirerà le cuoia la sostituiremo con pdc, fornelli che anche li appena capita l'occasione diventeranno ad induzione. Se dovessi mettere il fotovoltaico domani, che cavolo di potenza devo prevedere? Boh!
Se uno ci guadagnasse come ai tempi del conto energia, sfrutti tutto il tetto e passa la paura, ma in queste condizioni dove devi essere "appena abbondante" non è facile capire quando i consumi saranno stabili, e quindi calcolare anche l'impianto di conseguenza.


Nissan Leaf 24 kWh 2012 > Zero FX 5,7 kWh 2015 > Ninebot One 320 Wh 2017


Avatar utente
marco
Amministratore
Messaggi: 6429
Iscritto il: 29/12/2015, 13:41
Località: Reggio Emilia
Contatta:

Re: Dimensionare correttamente fotovoltaico con consumi futuri incerti

Messaggioda marco » 08/10/2018, 19:36

Era una riposta a questa discussione > impianto-sottodimensionato-t3560-30.html ma ho splittato perché ormai ero andato OT :-)
Nissan Leaf 24 kWh 2012 > Zero FX 5,7 kWh 2015 > Ninebot One 320 Wh 2017

marcober
Messaggi: 1829
Iscritto il: 17/05/2017, 10:59

Re: Dimensionare correttamente fotovoltaico con consumi futuri incerti

Messaggioda marcober » 08/10/2018, 19:54

Marco la scelta giusta è fare un 20% in più di quello che consumi oggi, lasciando spazio per incrementi futuri, sempre possibili, se uno posiziona in modo opportuno.

Avatar utente
marco
Amministratore
Messaggi: 6429
Iscritto il: 29/12/2015, 13:41
Località: Reggio Emilia
Contatta:

Re: Dimensionare correttamente fotovoltaico con consumi futuri incerti

Messaggioda marco » 08/10/2018, 20:09

Ottimo! Ma questo vale solo per i pannelli suppongo, e per inverter e compagnia bella invece? Oppure quelli vanno bene indifferentemente dalla potenza futura dell'impianto?
Nissan Leaf 24 kWh 2012 > Zero FX 5,7 kWh 2015 > Ninebot One 320 Wh 2017

Avatar utente
gianni.ga
Messaggi: 754
Iscritto il: 17/12/2017, 20:29
Contatta:

Re: Dimensionare correttamente fotovoltaico con consumi futuri incerti

Messaggioda gianni.ga » 08/10/2018, 20:40

Nel 2014 ho messo un impianto da 6 kwp e inverter da 6kw.
Nel 2016 visto che il picco non superava mai i 4,5kw ho installato altri 2kwp ora la produzione massima è 6kw.
Il problema di questa rincorsa è che ogni volta devi fare una pratica presso il gse e presso il gestore.
Per assurdo quando arrivi a 10 kwp devi aumentare il contratto col gestore fino a 10kw per avere una produzione che non supererà mai i 5kw.
Chiedo a marcober, che è un esperto: posso aumentare la potenza di picco, che è puramente teorica, senza aumentare la potenza del contratto col gestore?
Leaf 24 Kwh 2016, Evr 1, Fv 8 Kwp


Avatar utente
marco
Amministratore
Messaggi: 6429
Iscritto il: 29/12/2015, 13:41
Località: Reggio Emilia
Contatta:

Re: Dimensionare correttamente fotovoltaico con consumi futuri incerti

Messaggioda marco » 08/10/2018, 21:08

marcober ha scritto:lasciando spazio per incrementi futuri


Però anche qui si possono montare pannelli più o meno performanti, giusto? Quindi per via di lasciare più possibilità future, conviene partire con pannelli più performanti così da occupare meno spazio e più tetto libero già dall'inizio oppure no?
Nissan Leaf 24 kWh 2012 > Zero FX 5,7 kWh 2015 > Ninebot One 320 Wh 2017

Avatar utente
rob_nosfe
Messaggi: 92
Iscritto il: 20/02/2018, 11:22
Località: Vicenza provincia

Re: Dimensionare correttamente fotovoltaico con consumi futuri incerti

Messaggioda rob_nosfe » 08/10/2018, 21:36

Io quando lo facevo di lavoro seguivo questa sequenza:
  1. Determino la producibilità media in kWh/kWp/anno (ci sono configuratori che lo fanno in semi-automatico)
  2. Divido i consumi annui (kWh/anno) per la producibilità media: kWh si semplifica, anno si semplifica e rimane kWp: quella è la mia potenza impianto ideale
  3. Disegno il tetto, lo riempio di moduli e li conto
  4. La potenza nominale di modulo ideale è la potenza impianto ideale diviso il nr. di moduli contati, con arrotondamento a 5 Wp
  5. Verifico che esista quella taglia di moduli di un marchio di cui mi fido
  6. Trovo l'inverter e la stringatura elettrica ideale per quella macchina

Tutto questo lo facevo perché il modulo ideale era quello con la potenza più bassa possibile che raggiungesse comunque la potenza totale necessaria per produrre i miei kWh annui.
Più bassa possibile perché questo corrisponde ai moduli con le celle con efficienze più basse di ogni partita produttiva, che per motivi commerciali vengono venduti ad un prezzo/Wp più basso ma che in realtà hanno quasi sempre più della loro potenza nominale perché stanno sul fronte sinistro della gaussiana delle celle prodotte.
Ho visto tanti flash report e 'sta cosa qua si è sempre riconfermata vera.

Nel frattempo comunque il mercato si è evoluto parecchio, e oggi vedo che i distributori evitano di tenere tutte le potenze diverse di ogni singola famiglia di moduli, per limitare i costi di stoccaggio. Di solito tengono una o max due potenze diverse dello stesso modulo, e morta lì.

Scordatevi invece il calo di potenza: si è visto solo nei moduli scrausi prodotti a mano in era pre-boom. Sui grandi marchi post-2008 non se ne vede ancora l'ombra neanche oggi, dopo 10 anni.
Semmai la cella è sotto stress per PID, microfessurazioni o hotspot sui finger. E' lì che vedi la bontà del produttore, ma per chi non ha dati statistici abbondanti in mano è come trovare un ago in un pagliaio, e ovviamente nessun produttore lava i panni sporchi in pubblico.

Un consiglio che mi sento di darvi comunque è di prenderla alla leggera, perché dimensionare un fotovoltaico è molto più semplice che dimensionare un solare termico, perché nel FV non esiste la stagnazione. Al massimo comprate un po' di energia e amen. Oppure la scambierete e pace.

Diego
Messaggi: 313
Iscritto il: 30/11/2017, 3:17

Re: Dimensionare correttamente fotovoltaico con consumi futuri incerti

Messaggioda Diego » 09/10/2018, 0:26

gianni.ga ha scritto:Nel 2014 ho messo un impianto da 6 kwp e inverter da 6kw.
Nel 2016 visto che il picco non superava mai i 4,5kw ho installato altri 2kwp ora la produzione massima è 6kw.
Il problema di questa rincorsa è che ogni volta devi fare una pratica presso il gse e presso il gestore.
Per assurdo quando arrivi a 10 kwp devi aumentare il contratto col gestore fino a 10kw per avere una produzione che non supererà mai i 5kw.
Chiedo a marcober, che è un esperto: posso aumentare la potenza di picco, che è puramente teorica, senza aumentare la potenza del contratto col gestore?


cosa significa "devi aumentare il contratto col gestore fino a 10kw per avere una produzione che non supererà mai i 5kw" ???
intendi la potenza del contatore?
zoe 2013 + upgrade > FV 3.2 kwh + accumulo 6.6 kwh > twizy 2012 >

Avatar utente
gianni.ga
Messaggi: 754
Iscritto il: 17/12/2017, 20:29
Contatta:

Re: Dimensionare correttamente fotovoltaico con consumi futuri incerti

Messaggioda gianni.ga » 09/10/2018, 5:26

Si, ma non sono certo, per questo chiedo conferma.
Leaf 24 Kwh 2016, Evr 1, Fv 8 Kwp

Diego
Messaggi: 313
Iscritto il: 30/11/2017, 3:17

Re: Dimensionare correttamente fotovoltaico con consumi futuri incerti

Messaggioda Diego » 09/10/2018, 10:35

inoltre altra domanda...i 9000 kwh/anno sono di bilancio? quindi se ne immetto 12000 e ne prelevo 4000 = 8000 kwh/annuo?
ho capito bene?
zoe 2013 + upgrade > FV 3.2 kwh + accumulo 6.6 kwh > twizy 2012 >



Torna a “Impianti Fotovoltaici”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 0 ospiti