In quale momento storico ci troviamo con l'evoluzione EV?

Lo spazio giusto ove postare argomenti curiosi sul mondo della mobilità elettrica: passato, presente e futuro.
Omix
Messaggi: 18
Iscritto il: 24/10/2019, 7:40
Località: Padova
Veicolo: Berlingo

In quale momento storico ci troviamo con l'evoluzione EV?

Messaggioda Omix » 17/09/2020, 7:33

Considerando la nostra esperienza sull’utilizzo dei veicoli elettrici e considerando, oltre alle innovazioni tecnologiche, la parte fondamentale rappresentata dal pacco batterie, mi è venuto spontaneo riflettere sul percorso fatto dai telefoni cellulari.

Ho postato le foto dei miei primi acquisti, a memoria nel 1993...oltre che costosi mi garantivano 20 minuti di conversazione e se non ricordo male 6 ore in stand-by, in 27 anni l’evoluzione è stata impressionante.

È chiaro che non potevo aspettare vent’anni per acquistare un telefono performante ma dovevo “vivere” questa evoluzione ed accettare via via tutte le novità proposte, ma per curiosità con la tecnologia attuale degli EV in che momento storico ci troviamo?

Non ho competenze tecniche e chiedo a voi se avete una sensazione o delle certezze, ho distrattamente ascoltato su una radio nazionale un’esperto che parlava di batterie al litio con elettrolita allo stato solido, ma sinceramente la curiosità era quella di capire dove ci troviamo attualmente nell’evoluzione tecnologica, effettivamente capirlo potrebbe avere delle implicazioni anche sulle modalità di acquisto dei nostri veicoli, un’evoluzione rapida consiglierebbe le formule di acquisto “a rate” per permetterci di adeguarci velocemente alle novità proposte.
Buona giornata a tutti.
Roberto

1614889E-6E59-4582-96EE-9DA29715C855.jpeg
I miei primi cellulari....
1614889E-6E59-4582-96EE-9DA29715C855.jpeg (69.3 KiB) Visto 163 volte




Avatar utente
marco
Amministratore
Messaggi: 18404
Iscritto il: 29/12/2015, 13:41
Località: Reggio Emilia
Veicolo: Opel Corsa-e
Contatta:

Re: In quale momento storico ci troviamo con l'evoluzione EV?

Messaggioda marco » 17/09/2020, 7:56

Il settore corre e molte novità arriveranno presto secondo me, però allo stato attuale disponiamo già di auto a prezzi accessibili che permettono di coprire la maggior parte delle esigenze, considerato anche che colonnine di ogni tipo stanno spuntando come funghi tutti i giorni.
Opel Corsa-e (ex Nissan Leaf 24 kWh) > Zero FX 7,2 kWh + Zero FX 5,7 kWh > Ninebot One E+ 320 Wh > FV 4,32 kWp

aventuri
Messaggi: 1909
Iscritto il: 11/09/2018, 13:45
Veicolo: eGolf

Re: In quale momento storico ci troviamo con l'evoluzione EV?

Messaggioda aventuri » 17/09/2020, 9:24

Omix ha scritto:...ma per curiosità con la tecnologia attuale degli EV in che momento storico ci troviamo?


beh, qui ognuno si farà la sua idea.. ma per me:
* la transizione alla mobilità elettrica (o meglio, fuori dai combustibili fossili..) è inevitabile ed è già partita
* il mondo non è tutto allineato a questa transizione: Europa e Cina sono più avanti, gli US hanno "frenato", il resto del mondo sta (ancora) a guardare. questo per noi Europei è un vantaggio perché tutte le aziende guardano qua (il mercato cinese segue percorsi ed offerte differenti dalle nostre.. per ora)
* nell'hardware, solo la tecnologia delle batterie è critica ed in evoluzione, tutto il resto è "stra-maturo"
* nel SW, ci sono milioni di possibilità da esplorare (che finora l'automotive se ne era fregata..)
* Tesla guida, VW segue (in affanno) decisa, gli altri arrancano dietro meno "investiti"

nello specifico Europeo
* la politica (del nord-europa) ci impone tappe stringenti e comunque TINA ("there is no alternative");
* la popolazione europea ha differenti sensibilità (in Italia siamo MOOOLTO abitudinari/restii al cambiamento)
* i redditi "variabili" non consentono a tutti i cittadini di partecipare (in Italia bisogna avere "risorse" extra per adottare un EV)
* la carica a casa oggi è moolto indispensabile. per cui chi abita in provincia col box (ed ampi spazi) è facilitato. in città mancano le piazzole diffuse ma tanto mancano anche le citycar a costo accessibile (ora vediamo con la Twingo ZE che succede)
* nell'infrastruttura pubblica , gli investimenti "confusi" si stanno facendo, mediamente meno in Italia, ma gli attori son tanti (ci si chiede come possano rientrare dei costi, visto gli introiti relativi..) ma la strada è tracciata..
* cosa può fare un cittadino "curioso": informarsi bene, guardare il mercato e trovare l'occasione per partire, vedi sotto il discorso finanziamento..
* in sintesi, per me 2020-2025 stiamo per entrare nella verticale della famosa curva ad S di adozione di una tecnologia "dirompente". quella che quando la gente se ne accorge, la vogliono tutti (per vari motivi..).
...un’evoluzione rapida consiglierebbe le formule di acquisto “a rate” per permetterci di adeguarci velocemente alle novità proposte.


Ecco, sul discorso finanziario, vorrei dire che il finanziamento a rate, ma preferibilmente a "valore futuro garantito" (VFG) per me è utile perché permette di preservarci non tanto da una "incredibile" innovazione tecnologica (cioè non credo che in tre anni salta fuori la batteria da 1M KM "perfetta", al limite se c'è in laboratorio, la rimane per essere tirata fuori al momento opportuno) ma dalla "generale" riduzione dei prezzi "su strada" del nuovo grazie a:
* le economie di scala
dei processi produttivi che gente come VW ed altri automaker introdurranno
* le forti incentivazioni della PA per il cambiamento climatico etc etc.

che tanto le prestazioni degli EV di oggi sono più che sufficienti per le esigenze dei prossimi milioni di adottatori dell'EV.

La conseguenza di questa riduzione di prezzi del nuovo in ogni caso è che, con un numero di EV sempre maggiore sul mercato, il valore "usato" di un EV calerà in maniera rilevante, e quindi se uno ha un VFG "alto" probabilmente può fare interessanti "operazioni di speculazione" (da intendersi non con accezione negativa..) per attenuare l'impegno finanziario (maggiore) iniziale, del tipo: rendo la mia EV X alla finanziaria, e la compro lo stesso bene sul mercato a prezzo "molto minore di X" (magari accordandosi con la stessa finanziaria che tutto ha interesse tranne che riempirsi di veicoli invendibili a valore "teorico"..)
driving VW eGolf.. so happy and hopeful that i've got VWAG shares too!!
SO BEWARE my opinion on VW, i'm an interested party! :-)

Omix
Messaggi: 18
Iscritto il: 24/10/2019, 7:40
Località: Padova
Veicolo: Berlingo

Re: In quale momento storico ci troviamo con l'evoluzione EV?

Messaggioda Omix » 17/09/2020, 9:33

Grazie aventuri, bella disanima, interessante.
Ipotizzo autonomie decuplicate in 8 anni? Le infrastrutture per la ricarica riusciranno a seguire questo trend? Dal punto di vista della capacità e della sicurezza.

Oppure lo scenario che abbiamo davanti, con autonomie nell’ordine dei 4-8 mila km, sarà di “stazioni di servizio” in cui effettuiamo il cambio della batteria?

Certo che permetterebbe una ricarica del pacco batterie con tempistiche idonee al risparmio ed alla sostenibilità dei picchi di prelievo, sarà la chiusura del cerchio che permetterà di accumulare energia pulita nel momento in cui viene prodotta.

aventuri
Messaggi: 1909
Iscritto il: 11/09/2018, 13:45
Veicolo: eGolf

Re: In quale momento storico ci troviamo con l'evoluzione EV?

Messaggioda aventuri » 17/09/2020, 9:50

Omix ha scritto:Grazie aventuri, bella disanima, interessante.
Ipotizzo autonomie decuplicate in 8 anni? Le infrastrutture per la ricarica riusciranno a seguire questo trend?


Guarda, sbagli "bersaglio".. :-)

se le autonomie "raddoppiassero" o di più, si ridurrebbe similarmente la necessità di caricare, in quanto avremmo più frequentemente la batteria sufficiente per i nostri spostamenti.. (ovviamente a parità di numero di EV e di "abitudini d'uso"!). cioè le esigenze medie di "energia elettrica" sarebbero le stesse.

infatti, le dinamiche che possono cambiare "qualcosa" nelle esigenze della infrastruttura di ricarica son queste tre, a mio parere e faccio riferimento allo scenario italiano, per i "numeri":
* il numero di EV aumenta nel tempo di ordini di grandezza (sperabile!): 10K o circa adesso, cosa succede a 100K, a 1M, a 10M ? (ma si passa allo step successivo ogni 2 anni, per me.., quindi il tempo di adeguarsi c'è!)
* il numero di km medio che ogni EV fa "esplode" (dai 50km di media odierni..): perché è un piacere incommensurabile, il costo energetico è basso.., ovviamente per la parte d'uso "intrattenimento", che al lavoro come pendolari ci andremo sempre meno con lo smart-working (si spera); questo potrebbe essere un problema MA per me NON è realistico..
* cambia il numero di KM per kWh (il consumo..) che oggi per una macchina media è 7KM al kWh; non ho idea se ci sono margini di manovra.. già oggi le EV hanno motori efficentissimi.. potrebbe migliorare col CX ridotto (o con velocità medie ridotte per legge..), o aumentare per colpa di SUV e Pickup se prendiamo l'onda US! ma obiettivamente non credo che cambierà..

Ecco, per me, alle luce di queste osservazioni (e che più in generale aumenta la quota energie da fonti rinnovabili..) il problema "ricarica" da un punto di vista energetico NON c'è.. diverso il discorso di dove/come mettere piazzole per chi NON ha il box.. in Italia ci vuole "serietà" degli operatori e MENO burocrazia.. facile, no? :-)
driving VW eGolf.. so happy and hopeful that i've got VWAG shares too!!
SO BEWARE my opinion on VW, i'm an interested party! :-)



Torna a “Curiosità e Stranezze”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite