Funzionamento Intelligent Cruise Control (ICC) Nissan Leaf

L'autovettura a propulsione elettrica in configurazione di berlina a due volumi e 5 porte, introdotta dalla Nissan sui mercati di Giappone e Stati Uniti d'America nel dicembre 2010.
Avatar utente
selidori
Messaggi: 5557
Iscritto il: 14/02/2016, 11:17
Località: Milano
Veicolo: Leaf2018
Contatta:

Funzionamento Intelligent Cruise Control (ICC) Nissan Leaf

Messaggioda selidori » 29/03/2019, 12:03

Vorrei dire la mia, perchè molte volte sono stato 'risvegliato' nel leggere questa discussione, anche se non ne ho i titoli.
Infatti io NON POSSEGGO IL PRO-PILOT che come detto è disponibile solo dalla n-connecta in su e su tale versione è di serie (mentre non presente in quella che ho io, cioè la VISIA). La terza versione (Tekna) ovviamente ce l'ha di serie e come già detto può avere anche il parcheggio automatico che però è optional.
Alcuni dicono che non esiste più in commercio la VISIA e quindi le leaf di oggi hanno tutte il pro-pilot (a maggior ragione la 60kWh), tuttavia non trovo riscontri sul sito nissan che continua ad avere la VISIA.

La differenza fra VISIA e N-CONNECTA è di soli 1600 euro all'acquisto che secondo me andrebbero spesi tutti senza pensarci anche solo per PROVARE il pro-pilot.
Io purtroppo ce l'ho a noleggio lungo termine e per me l'aumento era di quasi 6000 euro: sinceramente non me la sentivo di spendere così tanto per un bene che dopo 3 anni rimane loro.

Detto questo ecco le mie impressioni sul cruise control adattivo.
Si, perchè io ho la VISIA e quindi non ho il pro-pilot ma solo il cruise control adattivo.
La differenza è che non gestisce il volante, il resto dovrebbe essere uguale.
Ovvero il pro-pilot sterza pure.

Ma il CC adattivo è spaziale, stupendo, incredibile eccezionale. Tanto bello e stupendo che ne diventi dipendente e non è un bene. Quindi spero non sia ingannabile il volante del propilot perchè diventeremmo dei pericoli pubblici: lo vedo con il semplice CC adattivo quando ne sono drogato.
Come detto gestisce tutto: dalla fermata totale alla ripresa in sosta. In verità se quello davanti si ferma per più di 2.5 secondi si disinserisce perchè vuole l'intervento umano per la ripartenza (e qua si differisce un po' da pro-pilot per quale basta un tasto alla mia che invece vuole l'accelerazione, chissà perchè questa differenza.... tanto è uguale...).
In generale il CC adattivo funziona benissimo in ogni situazione: dalla città, alla marcia in colonnina, al traffico, alla tangenziale, all'autostrada.
In curva va un po' in casino ma se ci entri in sintonia in breve tempo riesci a fare rampe di accelerazioni, decelerazioni, sorpassi, cambi corsie, ecc toccando il solo volante.
Anzi come detto è questo il rischio: ti fidi troppo.
Dove va in casino è in rotatorie molto strette oppure quando qualcuno nei dintorni fa qualche cazzata (ti taglia la strada, si immette, fa follie varie).
E' abbastanza insicuro anche con ciclisti e motociclisti, anzi anche per loro diciamo che se facessero una guida SANA li sa gestire, ma siccome nessuno di essi si degna di non zig-zagare e fare follie, solitamente non sa gestirli.
I pedoni invece non ho ancora capito. Il manuale dice sa gestirli ma a me non sembra proprio e non ho mai avuto il coraggio di farglielo fare fino alla fine.
Con essi c'e' il caso più pericoloso in assoluto quando fermo in colonna quello davanti riparte e in mezzo uno attraversa la strada: il sistema non sembra vederlo e vuole investirlo.
Quindi attenzione, attenzione, attenzione.
Altro grave problema che si riscontra (ma qua la colpa è dell'autista, non del propilot o CC adattivo, visto che non è una guida autonoma anche se dopo poco lo si considera tale) è quando quello davanti accelera a manetta per passare col giallo. Lei -ovviamente- fa lo stesso. Ma già quello davanti è a rischio scatto rosso, figurati te che inoltre impieghi un bel secondo a capire perchè l'auto sta accelerando così all'improvviso. A quel punto alla situazione già normalmente d'emergenza della decisione in pochi attimi del passaggio col giallo si aggiunte il fatto che tu devi intervenire per sovrascrivere il comando di folle accelerata o addirittura per incentivarlo con una ripresa ancora più sostanziosa. Il tutto ovviamente considerando quanto è pericoloso quel passaggio per quell'incrocio (gente che ai lati già sta sgasando) od ulteriori fattori di rischio (pavimento dissestato a diminuita aderenza perchè superi rotaie o pavè o condizioni di bagnato, ecc) e se ci metti pure il photored eventuale sei fatto.
Non è un caso che nel nuovo AP tesla ci sia proprio la voce "riconoscimento semafori", ma come detto questo è una reale colpa dell'utente che in brevissimo tempo ci si abitua e lo pretende. E non pensate che ne siate esenti: lo dicevo pure io.
Daltronde:
Donald Norman ha scritto:Se si costruisce un meccanismo [...], la gente finisce per farci affidamento, e allora è meglio che il meccanismo sia affidabile.

Donald Norman ha scritto:l’affidamento eccessivo sugli automatismi può annullare la capacità di cavarsela in loro assenza.

DA: la-caffettiera-del-masochista-psicopatologia-degli-oggetti-quotidiani-libro-di-donald-norman-t2272.html

Altre TOPPATE del cruise control adattivo è quando magari su un'altra corsia magari ad ore 2 (orologio) nello svoltare a destra invade anche di pochissimo la tua corsia: nonostante c'e' tutto lo spazio disponibile, il CC adattivo non solo perde l'automatismo ma addirittura FRENA e se non intervieni subito in accelerazione rischi il tamponamento da dietro (lo so, dovrebbero mantenere le distanze di sicurezza...).
Su questo che è un vero e proprio bug se ne parla qua: https://www.facebook.com/groups/1830697 ... 961318124/

Altro non ho da dire.
Come detto io ho purtroppo solo il CC adattivo, del volante non posso dire niente perchè è solo pro-pilot.


AUTO ELETTRICHE: Immatricolazioni | gamma | agevolazioni | circuiti
MOBILITA ELETTRICA: Eventi |


Avatar utente
selidori
Messaggi: 5557
Iscritto il: 14/02/2016, 11:17
Località: Milano
Veicolo: Leaf2018
Contatta:

Re: Funzionamento Intelligent Cruise Control (ICC) Nissan Leaf

Messaggioda selidori » 29/03/2019, 12:25

Dimenticavo: come detto io non ho la gestione sterzo (quello è appunto il propilot): mi avvisa solo ma non interviene.
Ma presumo che il rilevamento sia lo stesso (anzi, a dirla tutta, io sono convinto che tutto l'hardware sia lo stesso: da me semplicemente è disattivato).

Questo -a differenza del cc adattivo- non va benissimo. Lo tengo perchè tanto è solo alert e male non fa, ma se funziona così nell'invasivo non so se lo terrei.
Capita abbastanza spesso infatti che avvisi in situazioni in cui sinceramente non so cosa non gli piaccia: a volte non c'e' proprio da avvisare e non ci sono neppure linee. C'e' il ciglio della strada ma è ben lontano e non so cosa voglia a riguardo. Se mi sterzasse al centro in quelle situazioni sarebbe un bel pericolo.
Altro caso in cui toppa è quando la segnaletica orizzontale è vecchia od ambigua: secondo me dovrebbe ignorare, invece ti avvisa comunque per delle linee tratteggiate gialle (quindi segnaletica provvisoria) che oramai è stata cancellata, ma lui la vede e la interpreta. Boh.
Altro punto dove toppa è nelle brutte strade dove all'improvviso si cambia il numero di corsie. Ok, la strada è proprio brutta, ma cosa mi devi avvisare?
Insomma il KEEP LANE ASSISTANT passivo è pessimo, se è lo stesso rilevamento del pro-piltot, sarà una delusione....
AUTO ELETTRICHE: Immatricolazioni | gamma | agevolazioni | circuiti
MOBILITA ELETTRICA: Eventi |

Diego
Messaggi: 679
Iscritto il: 30/11/2017, 3:17

Re: Funzionamento Intelligent Cruise Control (ICC) Nissan Leaf

Messaggioda Diego » 29/03/2019, 15:42

grazie selidori per il tuo prezioso contributo. in realtà volevo "richiamarti" direttamente ma con calma sapevo saresti arrivato su questo post.
innanzitutto stamattina son riuscito a fare un test drive improvvisatissimo e lontano da casa perchè l ho vista nel parcheggio del conce (ha guidato il conce). bè visti i video recensioni ecc mi ha cmq stupito.
il tratto stradale era rettilineo con linee poco visibili, rotonda, rettilineo con linee ben visibili e con curvone molto lungo, rotonda, ritorno stesso percorso al contrario. ho chiesto di vedere solo il propilot in azione, del resto sinceramente mi importava poco (estetica colore interni), del motore sapevo già tutto eheh...
riscontro nella prova quello che hai/avete descritto, ovvero che con linee poco visibili, tipo davanti che svolta, il propilot si disattiva e basta. mentre in condizioni ideali e curve ampie e velocità adeguate gestisce "mi pare", il tutto molto bene. e-pedal poi non l ho provato ma ho una sensazione simile sulle auto tipo la c-zero dove il regen è molto forte e lo ritengo molto + adatto al mio stile di guida-strade rispetto a zoe.

io purtroppo o x fortuna non mi rispecchio in molti altri contesti da te descritti perchè son propri di città/città grandi. difficilmente guido in città, ancor meno in città grandi. autostrade poche, il 80% circa delle mie percorrenze sono tangenziali o extraubane secondarie. pochi semafori molte rotonde, con spesso tratte lunghe da rotonda a rotonda. purtroppo "mi tiro le orecchie da solo", ho sempre in mano il telefono per lavoro. su zoe a parte il vivavoce e il cruise tradizionale non adattivo non ho altro. ho il porta telefono davanti al volante per ridurre la distanza occhi da telefono a strada. utilizzo molto la dettatura ecc ma basta un attimo...e spesso basta una distrazione normale, non x forza il telefono. ecco, dopo il dovuto pippone, vedo/ho visto in tutti questi adas una manna dal cielo, per assistere (non abusare ovviamente), e avere un occhio in + sulla strada oltre ai miei.

allargando il discorso ma non troppo OT, kona secondo me non ha un rapporto qualità/prezzo adeguato per quello che offre, soprattutto il servizio di assistenza offerto da chi ha avuto problemi (x assurdo la mia zoe vecchia ha ricevuto + assistenza nell anno di garanzia usato che una kona nuova, auto sostitutiva gratuita per 1 mese ad esempio...)
tesla anche usata MS60 dall estero ecc rimane fuori budget e magari senza AP.
aspettare auto nuove non mi va e non acquisto per principio auto nuove. il taglio batterie per le mie abitudini/esigenze è 40 kwh (o 36-38 effettivi insomma...) ma leaf 30 kwh son pochi per me. e poi non dimentichiamoci che è già presente PCC eheh !!!

quindi tirate le somme ho visto in leaf40 una sostituta della mia zoe, stessa autonomia, + funzioni, + grande...a discapito della carica da 22...il rapidgate mi pare sia stato fixato con un aggiornamento ma a conti fatti se vai in ferie 3 volte l anno non è un disagio per oe ad oggi.

grazie ancora delle dritte !
FV 12.24 kWp + accumulo 6.6 kWh > Bici elettrica CMS-F16 (3.000 km/anno) > C-Zero del 2015 (15.000 km/anno) > Model 3 LR AWD (50.000 km/anno)

nicky
Messaggi: 134
Iscritto il: 09/04/2018, 16:43

Re: Funzionamento Intelligent Cruise Control (ICC) Nissan Leaf

Messaggioda nicky » 29/03/2019, 17:21

Selidori tu hai l'acenta non la visia, la visia non mi risulta avere il cc adattivo...

Avatar utente
marco
Amministratore
Messaggi: 10245
Iscritto il: 29/12/2015, 13:41
Località: Reggio Emilia
Veicolo: Nissan Leaf
Contatta:

Re: Funzionamento Intelligent Cruise Control (ICC) Nissan Leaf

Messaggioda marco » 29/03/2019, 18:56

selidori ha scritto:Come detto io ho purtroppo solo il CC adattivo, del volante non posso dire niente perchè è solo pro-pilot.


Appunto, e quindi io ho splittato :D (del pro pilot invece se ne parla qui > pro-pilot-t5167.html)
Nissan Leaf 24 kWh > Zero FX 7,2 kWh + Zero FX 5,7 kWh > Ninebot One E+ 320 Wh > FV 4,32 kWp


Avatar utente
selidori
Messaggi: 5557
Iscritto il: 14/02/2016, 11:17
Località: Milano
Veicolo: Leaf2018
Contatta:

Re: Funzionamento Intelligent Cruise Control (ICC) Nissan Leaf

Messaggioda selidori » 29/03/2019, 22:18

marco ha scritto:
selidori ha scritto:Come detto io ho purtroppo solo il CC adattivo, del volante non posso dire niente perchè è solo pro-pilot.


Appunto, e quindi io ho splittato :D (del pro pilot invece se ne parla qui > pro-pilot-t5167.html)
Secondo me sbagliando: il CC adattivo fa parte delle funzioni del propilot (che ha anche altro) ed infatti nella prima risposta (che ora è finita in un'altra discussione), si è parlato principalmente di quello.
Poi non capisco: non si fanno sezioni separate per le due versioni principali di leaf e si divide invece una discussione per due funzioni inclusi nello stesso pacchetto di un nome commerciale.
AUTO ELETTRICHE: Immatricolazioni | gamma | agevolazioni | circuiti
MOBILITA ELETTRICA: Eventi |

Avatar utente
selidori
Messaggi: 5557
Iscritto il: 14/02/2016, 11:17
Località: Milano
Veicolo: Leaf2018
Contatta:

Re: Funzionamento Intelligent Cruise Control (ICC) Nissan Leaf

Messaggioda selidori » 29/03/2019, 22:43

nicky ha scritto:Selidori tu hai l'acenta non la visia, la visia non mi risulta avere il cc adattivo...
Cavoli hai ragione.
Quindi esistono (o sono esistite) 4 versioni della leaf 2018?
VISIA, ACENTA, NCONNECTA e TECKNA?
AUTO ELETTRICHE: Immatricolazioni | gamma | agevolazioni | circuiti
MOBILITA ELETTRICA: Eventi |

Avatar utente
marco
Amministratore
Messaggi: 10245
Iscritto il: 29/12/2015, 13:41
Località: Reggio Emilia
Veicolo: Nissan Leaf
Contatta:

Re: Funzionamento Intelligent Cruise Control (ICC) Nissan Leaf

Messaggioda marco » 30/03/2019, 7:12

selidori ha scritto:Poi non capisco: non si fanno sezioni separate per le due versioni principali di leaf e si divide invece una discussione per due funzioni inclusi nello stesso pacchetto di un nome commerciale.


Perché sono due nomi diversi, e poi mi pare di capire che il cruise control adattivo non ce l'ha solo la Leaf ma anche altre macchine (ogni thread vive di vita propria sui motori di ricerca)
Nissan Leaf 24 kWh > Zero FX 7,2 kWh + Zero FX 5,7 kWh > Ninebot One E+ 320 Wh > FV 4,32 kWp

Avatar utente
selidori
Messaggi: 5557
Iscritto il: 14/02/2016, 11:17
Località: Milano
Veicolo: Leaf2018
Contatta:

Re: Funzionamento Intelligent Cruise Control (ICC) Nissan Leaf

Messaggioda selidori » 30/03/2019, 7:55

marco ha scritto:
selidori ha scritto:Poi non capisco: non si fanno sezioni separate per le due versioni principali di leaf e si divide invece una discussione per due funzioni inclusi nello stesso pacchetto di un nome commerciale.


Perché sono due nomi diversi, e poi mi pare di capire che il cruise control adattivo non ce l'ha solo la Leaf ma anche altre macchine (ogni thread vive di vita propria sui motori di ricerca)
Ma così si favorisce i motori di ricerca ma sfavorisce gli utenti (due discussioni sparpagliate per parlare della stessa cosa).
Il cruise control (anche adattivo) è un mondo e ci sono infinite implementazioni. Secondo me questo è più di un cruise control adattivo che (da definizione) "si limita a variare la velocità a seconda del mezzo che lo precede" ed infatti anche Nissan lo chiama in maniera differente "INTELLIGENT CRUISE CONTROL (ICC)" (ecco un nome per i motori di ricerca) proprio perchè fa cose che un normale cruise control adattivo non fa (come arrivare a fermarsi (qualche CCa lo fa) ma anche riprendere la marcia (nessuno lo fa).
icc.JPG
icc.JPG (223.08 KiB) Visto 267 volte

A proposito, anche sul CRUISE CONTROL c'e' un po' di nomeclatura varia che qua riporto sempre per le ricerche: ad esempio alcuni usano ancora la traduzione italiana di REGOLATORE DI VELOCITA' mentre gli svizzeri tutt'ora lo chiamano TEMPOMAT (anche se sta cadendo in disuso).
AUTO ELETTRICHE: Immatricolazioni | gamma | agevolazioni | circuiti
MOBILITA ELETTRICA: Eventi |

Avatar utente
marco
Amministratore
Messaggi: 10245
Iscritto il: 29/12/2015, 13:41
Località: Reggio Emilia
Veicolo: Nissan Leaf
Contatta:

Re: Funzionamento Intelligent Cruise Control (ICC) Nissan Leaf

Messaggioda marco » 30/03/2019, 8:12

Ho rinominato correttamente anche questo argomento, come da manuale: i due argomenti sono comunque linkati e collegati fra loro, così "in teoria" sono facilmente consultabili dagli utenti come ricercabili dai motori di ricerca.
Nissan Leaf 24 kWh > Zero FX 7,2 kWh + Zero FX 5,7 kWh > Ninebot One E+ 320 Wh > FV 4,32 kWp



Torna a “Nissan Leaf”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 0 ospiti