Gravità del problema range anxiety fra Teslari e restanti utenti

Per discutere di modelli di cui non esiste ancora una sezione o di problematiche comuni legate a tutte le marche e modelli di automobili elettriche.
Avatar utente
selidori
Messaggi: 5864
Iscritto il: 14/02/2016, 11:17
Località: Milano
Veicolo: Leaf2018
Contatta:

Re: Gravità del problema range anxiety fra Teslari e restanti utenti

Messaggioda selidori » 08/04/2019, 19:00

ivana ha scritto:Dal mio punto di vista il fatto dell'inadeguatezza tecnologica e di scarsa manutenzione della rete delle collonine di ricarica sono fattori di rilievo per chi deve decidere se acquistare o meno un EV, soprattutto per chi è solito fare lunghi viaggi, o mi sbaglio?
In realtà il problema dell'inusabilità delle colonnine sono dovuti non tanto alla scarsa manutenzione (inteso come rotture fisiche o vandalismi) ma a:
- impianti ostruiti da uno o più di queste categorie (in ordine crescente di casistica):
-- mezzi non ricaricabili posteggiati su posti riservati (di fatto in divieto ma che dunque ostruiscono il servizio) (pensa ad un fugoncino del cibo di strada parcheggiato nella pompa di benzina)
-- mezzi elettrici non in carica e neppure connessi (di fatto in divieto) che intendono il 'posto di ricarica' come parcheggio (pensa ad un mezzo a benzina parcheggiato e lasciato tutta notte davanti ad una pompa di benzina h24).
-- mezzi elettrici in carica perenne, a volte anche di società (di car sharing ma non solo) con mezzi appunto allacciati per giorni e giorni o che prendono un'auto carica e ci mettono subito la successiva (di fatto in uso improprio ma difficilmente dimostrabile) (pensa al mezzo a benzina allacciato alla pompa ma che non eroga niente).

Secondo motivo di inutilzzabilità è il fuori servizio per motivi di rete (vari motivi, ma non problemi locali o di vandalismo o di rotture: quindi disservizio rete dati, potenza locale disponibile, ecc).

Quindi se pensi alla colonnina (fisicamente) ROTTA questo è un caso molto molto raro.
La distinzione dei 3 casi (occupata (più o meno legittimamente), fuori servizio per motivi tecnici, rotte fisicamente) è in verità importante perchè hanno ripercussioni importanti nella realtà (ad esempio nel caso di occupazione abusiva, essa appare libera da app, nel caso di rottura fisica invece appare indisponibile (e quindi a priori si può scegliere di deviare per il piano B), del tutto casuale nel caso di fuori servizio tecnico (perchè di solito l'app ed il sito la visualizza come disponibile ma poi al momento non va)).
Ultima modifica di selidori il 08/04/2019, 22:30, modificato 1 volta in totale.


AUTO ELETTRICHE: Immatricolazioni | gamma | agevolazioni | circuiti
MOBILITA ELETTRICA: Eventi | FAQ


Mmeacci
Messaggi: 287
Iscritto il: 15/05/2018, 15:02
Località: Anzio (Rm)
Veicolo: Renault Zoe / Twizy

Re: Gravità del problema range anxiety fra Teslari e restanti utenti

Messaggioda Mmeacci » 08/04/2019, 19:07

selidori ha scritto:
ivana ha scritto:Dal mio punto di vista il fatto dell'inadeguatezza tecnologica e di scarsa manutenzione della rete delle collonine di ricarica sono fattori di rilievo per chi deve decidere se acquistare o meno un EV, soprattutto per chi è solito fare lunghi viaggi, o mi sbaglio?
In realtà il problema dell'inusabilità delle colonnine sono dovuti non tanto alla scarsa manutenzione (inteso come rotture fisiche o vandalismi) ma a:
- impianti ostruiti da uno o più di queste categorie (in ordine crescente di casistica):
-- mezzi non ricaricabili posteggiati su posti riservati (di fatto in divieto ma che dunque ostruiscono il servizio) ("pensa ad un fugoncino notturno del cibo di strada parcheggiato nella pompa di benzina")
-- mezzi elettrici non in carica e neppure connessi (di fatto in divieto) che intendono il 'posto di ricarica' come parcheggio (pensa ad un mezzo a benzina parcheggiato e lasciato tutta notte davanti ad una pompa di benzina h24).
-- mezzi elettrici in carica perenne, a volte anche di società (di car sharing ma non solo) con mezzi appunto allacciati per giorni e giorni o che prendono un'auto carica e ci mettono subito la successiva (di fatto in uso improprio ma difficilmente dimostrabile) (pensa al mezzo a benzina allacciato alla pompa ma che non eroga niente).

Secondo motivo di inutilzzabilità è il fuoriservizio per motivi di rete (vari motivi, ma non problemi locali o di vandalismo o di rotture: quindi disservizio rete dati, potenza locale disponibile, ecc).

Quindi se pensi alla colonnina (fisicamente) ROTTA questo è un caso molto molto raro.
La distinzione dei 3 casi (occupata (più o meno legittimamente), fuoriservizio per motivi tecnici, rotte fisicamente) è in verità importante perchè hanno ripercussioni nella realtà importanti (ad esempio nel caso di occupazione abusiva, essa appare libera da app, nel caso di rottura fisica invece appare indisponibile (e quindi a priori si può scegliere di deviare per il piano B), del tutto casuale nel caso di fuoriservizio tecnico (perchè di solito l'app ed il sito la visualizza come disponibile ma poi al momento non va)).



Come non essere d’accordo con te. Confermo tutto!!
Marco Meacci

Twizy 80- Zoe 40Kwh - Airwheell Q3- Monopattino Xiaomi Mi pro- FV 6kwp

ivana
Messaggi: 11
Iscritto il: 06/04/2019, 13:58
Località: trento
Veicolo: elettrico

Re: Gravità del problema range anxiety fra Teslari e restanti utenti

Messaggioda ivana » 08/04/2019, 19:09

io non voglio polemizzare, sto solo cercando di inquadrare il problema, sempre che ci sia, e trovare una soluzione alternativa/ innovativa, sempre che sia fattibile.
Non possedendo una macchina elettrica non ho esperienza diretta, quindi faccio domande e cerco di immedesimarmi nell'utilizzatore.
Per quanto riguarda i viaggi più o meno lunghi ne ho fatti spesso, tra ponti, festività o solo per weekend che vanno da 350 km circa Firenze o in Sicilia 1400 km :D

Avatar utente
gianni.ga
Messaggi: 2063
Iscritto il: 17/12/2017, 20:29
Veicolo: Leaf Acenta 24kwh
Contatta:

Re: Gravità del problema range anxiety fra Teslari e restanti utenti

Messaggioda gianni.ga » 08/04/2019, 21:13

Io invece voglio polemizzare. :)
Se fai 1.400 km di fila una volta al mese, non ci pensare neanche a comprare una ev.
Viceversa se lo fai una volta all'anno non puoi criticare un'auto che va bene per tutto il resto dell'anno.
Poi ci sono le situazioni intermedie per cui una Tesla o una Kona vanno più che bene.
Il bello delle EV è che ce ne sono per tutte le esigenze, i portafogli e le autonomie.
Di sicuro una termica non la puoi caricare con il fotovoltaico ed è dannosa per l'aria delle città.
Uso il tu all'inglese, come soggetto impersonale. :)
Ultima modifica di gianni.ga il 09/04/2019, 2:49, modificato 2 volte in totale.
Leaf 24 Kwh 2016, Evr 1, Fv 8 Kwp, caldaia ibrida Rotex 9kw, pdc acs 300 l schuco.

Angelo71
Messaggi: 148
Iscritto il: 04/10/2018, 10:48
Località: modena
Veicolo: prius plugin e i3 33

Re: Gravità del problema range anxiety fra Teslari e restanti utenti

Messaggioda Angelo71 » 08/04/2019, 22:28

vorrei ricordare che chi compra una tesla ha potenzialmente , come si dice in gergo , un bel po di soldi, una tesla base fino a 3 mesi fa costava 90.000 euro, con prezzi che salgono e scendono come tira il vento (la piu costosa ha subito un taglio di ben 40.000 da un giorno ad un altro , io non conosco nessuna casa costruttrice che abbia fatto variazioni cosi consistenti).
secondo me , il buon tesla ha dato una mossa al mercato e dato il via alla corsa (o rincorsa visto che c'era gia stato un periodo elettrico ,dal 1832, poi l'autonomia della benzina prevarlse ) , non dimentichiamo che la renault produce la zoe dal 2013, la nissan dal 2010, per non parlare di casi strani tipo la panda de 1998 con 13 cavalli e una velocità di 70 k/ora.
ora il mercato sta esplodendo , il merito è anche dei soldi dell'ex padrone di Paypal , speriamo non faccia la strada della apple , da leader con i primi telefoni senza tastiera ad occupare la terza posizione (mi pare, se non peggio).
I DC tra l'altro sono quasi tutti in posti importanti ( non mi piace dire costosi) , i super caricatori sono si sparsi , ma con grosse lacune in alcune regioni italiane , ma anche qua la concorrenza stà arrivando con i soliti tempi dell'Italia .
Un'altra trovata geniale è , o meglio erano i supercaricatori che all'inizio erano gratuiti ( ma mi sembra la storia dei 75 euro piu 5 di spedizione o 80 euro spedizione gratuita ?), hanno invogliato i macinatori di km ( ricordiamo che quasi tutti quelli che hanno una tesla macinano un sacco di chilometri all'anno con rispermi di carburante consistenti) , provate a cercare qualche taxi tesla olandese (anche 500.000 km in 6 anni)
ovvio che ci sarà sempre un po maretta( come diciamo qua a modena , tradotto in italiano battibecco ) tra teslari e gli altri , ma anche chi guida una ferrari guarda gli altri automobilisti come autisti di serie B,
Però sta nella testa delle persone confrontarsi con le buone maiere , sia da un lato che dall'altro.
Io vedo l'arrivo di tesla una cosa positiva , ha dato al via a molte case a darsi da fare per non rimanere indietro e non sedersi sugli allori, senza dimenticare la fiat che ha fatto la 5oo elettrica solo per poter vendere in california ,e , secondo voci di corridoi sta pensando ad un sistema ibrido a dir poco inusuale e curioso.

ma stanno arrivando i teslari con la porche diesel ,per cui , aspetto alla finestra il battibecco ( non è vero sto per acqusitare un'auto elettrica , ma non tesla )


Angelo71
Messaggi: 148
Iscritto il: 04/10/2018, 10:48
Località: modena
Veicolo: prius plugin e i3 33

Re: Gravità del problema range anxiety fra Teslari e restanti utenti

Messaggioda Angelo71 » 08/04/2019, 22:31

gianni.ga ha scritto:Io invece voglio polemizzare. :)
Se fai 1.400 km di fila una volta al mese, non ci pensare neanche a comprare una ev.


10 ore ai 140 io eviterei di farle , le regole per i camionisti sono ferree con multe salate , non vedo perche gli automobilisti possano guidare per giorni senza controlli.

luctun
Messaggi: 222
Iscritto il: 11/08/2017, 10:10

Re: Gravità del problema range anxiety fra Teslari e restanti utenti

Messaggioda luctun » 09/04/2019, 9:37

gianni.ga ha scritto:Perchè dovresti andare in sicilia in vacanza con la zoe?
In questi casi puoi usare la vecchia termica o prendere un'auto a noleggio o noleggiarla là dopo aver preso l'aereo.
Se vai in Sicilia in auto per lavoro da Trento, il problema è un altro. :)


Concordo.
Altrimenti dovrei pormi il problema per quando vado alle Canarie con la mia termica. Semplicemente non ha senso. Si prende l'aereo :D

Avatar utente
selidori
Messaggi: 5864
Iscritto il: 14/02/2016, 11:17
Località: Milano
Veicolo: Leaf2018
Contatta:

Re: Gravità del problema range anxiety fra Teslari e restanti utenti

Messaggioda selidori » 09/04/2019, 12:06

Secondo me però è sbagliato dare risposte come queste.
Uno potrebbe voler scendere con l'auto per altri motivi ad esempio portar giù roba o semplicemente "parenti". Scoccia dirlo ma se già si è in 3 o 4, l'auto costa meno che treno od areo, oltre poi ad avere sul loro un mezzo di trasporto (che magari non serve o magari si o magari si può noleggiare, ma sono tanti casi).
AUTO ELETTRICHE: Immatricolazioni | gamma | agevolazioni | circuiti
MOBILITA ELETTRICA: Eventi | FAQ

marcober
Messaggi: 3507
Iscritto il: 17/05/2017, 10:59
Veicolo: Zoe Q90
Contatta:

Re: Gravità del problema range anxiety fra Teslari e restanti utenti

Messaggioda marcober » 09/04/2019, 12:28

si ma anche noleggio costicchia---se fai pari col volo, poi ti trovi tua auto "gratis".
Inoltre noleggiare mezzo elettrico in piena stagione..impossibile..provato io a Ibiza
Senza contare che fare km in elettrico rispetto al volo aereo..quanto ad inquinare...
Ok, esiste treno..ma insomma..fino a che si trata dei freccia, ok..per il resto...lasciam perdere..
ZOE Q90
FV: 15 kW Sunpower
Riscaldamento: PDC

Avatar utente
selidori
Messaggi: 5864
Iscritto il: 14/02/2016, 11:17
Località: Milano
Veicolo: Leaf2018
Contatta:

Re: Gravità del problema range anxiety fra Teslari e restanti utenti

Messaggioda selidori » 09/04/2019, 12:42

marcober ha scritto:si ma anche noleggio costicchia---se fai pari col volo, poi ti trovi tua auto "gratis".
Inoltre noleggiare mezzo elettrico in piena stagione..impossibile..provato io a Ibiza
Senza contare che fare km in elettrico rispetto al volo aereo..quanto ad inquinare...
Ok, esiste treno..ma insomma..fino a che si trata dei freccia, ok..per il resto...lasciam perdere..
Esatto. Uccidere il discorso con PRENDI IL TRENO (od AEREO) per non ammettere che un viaggio da 1000km è possibile solo con termina è controproducente, secondo me.
C'e' qualcuno che pur nella follia, quei 1000km ha senso li faccia in auto privata (ho appunto fatto l'esempio tipico della famiglia di 3 o 4 persone, di cui due possono darsi cambio al volante, che se devono fare Milano-Ottaviano (NA) con passeggini, cani e balocchi diventa un incubo (costoso) in treno od aereo (che poi ti porta a Napoli, poi da Napoli a Ottaviano te la devi inventare tu).
AUTO ELETTRICHE: Immatricolazioni | gamma | agevolazioni | circuiti
MOBILITA ELETTRICA: Eventi | FAQ



Torna a “Auto Elettriche in Generale”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 3 ospiti