Installazione Wallbox box condominiale --> la mia esperienza!

Spazio in cui poter discutere di EVR, Wall Box, Cavi di Ricarica, Adattatori, Prese ecc.
Marco.Drosso
Messaggi: 17
Iscritto il: 22/12/2018, 19:21

Installazione Wallbox box condominiale --> la mia esperienza!

Messaggioda Marco.Drosso » 24/10/2019, 17:09

Ciao a tutti,
desidero condividere con voi quella che è stata la mia esperienza nel richiedere le autorizzazioni necessarie per installare un impianto di ricarica per vetture elettriche all'interno del mio box privato in condominio, sperando che la mia esperienza possa essere utile per chiunque altro voglia cimentarsi nell'ardua impresa...

Premessa: vivo in affitto in un condominio che ha due piani interrati di box auto ed il mio si trova al secondo piano. Il box è solamente dotato di impianto di illuminazione condominiale ma non è dotato di alcuna presa di corrente.

Ho iniziato a “sondare il terreno” circa un anno fa, iniziando a chiedere al proprietario di casa il permesso e l'eventuale partecipazione alle spese da affrontare, ottenendo un ok per la prima ed una pernacchia per la seconda :roll:

Il passo successivo è stato quello di interfacciarmi con l'amministratore, nella speranza che sarebbe solamente stata questione di “informarlo” a riguardo, prima di iniziare con i lavori.
Purtroppo però ho constatato che l'amministratore era totalmente a “digiuno” sull'argomento e mi ha detto che si sarebbe voluto confrontare con l'elettricista del condominio e con chi si occupa di emettere il “certificato di prevenzione incendi” dato che i box sono considerati “autorimessa” e devono appunto avere questo tipo di certificazione, che, a detta sua, sarebbe stata da rifare se io avessi voluto installare un'impianto elettrico dedicato per la ricarica di un'auto elettrica (questo mostro...).

Fortunatamente, proprio su questo forum, in quei giorni un utente aveva pubblicato le linee guida emesse dai VVFF relative all'installazione di sistemi per la ricarica per auto elettriche, che sostanzialmente permettono di non dover rifare la certificazione prevenzione incendi qualora fossero state rispettate le suddette.
Giro immediatamente la circolare all'amministratore e allo stesso tempo inizio a fare i conti con quello che sarebbe stata la maggiorazione dei costi a causa della necessità di rispettare queste linee guida.

L'idea iniziale era quella di far partire, direttamente dal mio contatore Enel, situato in un locale tecnico al piano -1, un cavo dedicato che raggiungesse direttamente il box auto (circa 60mt), terminando all'interno dello stesso con una presa di tipo schuko alla quale collegare l'alimentatore per la ricarica lenta dato in dotazione con la maggior parte delle vetture per un prezzo totale preventivato di circa 1500€ ma, per rispettare le linee guida VVFF ed ottenere il benestare da parte dell'amministratore ho dovuto modificare il mio progetto iniziale come segue:

Collegamento dell'impianto elettrico per la stazione di carica all'interruttore di emergenza generale dell'autorimessa: le autorimesse hanno per legge un interruttore generale che quando viene attivato stacca corrente a tutta l'autorimessa, secondo la circolare dei VVFF e a seguito della richiesta dell'amministratore, bisognava tassativamente far si che in caso di emergenza questo interruttore togliesse corrente anche al mio box. Questo ha creato ulteriori costi e complicazioni per la posa (altro cavo da stendere, altre collegamenti etc...)

Progettazione impianto elettrico: dovendo collegare il mio impianto di sgancio di emergenza a quello condominiale già esistente, ed essendo l'impianto elettrico posato su parti comuni, si è reso necessario coinvolgere un professionista che ha dovuto progettare il tutto.

Wallbox: la circolare dei VVFF parla chiaro, prese di tipo industriale e/o schuko NON sono considerate sicure, e l'unico sistema ammesso per caricare vetture elettriche in autorimesse condominiali è la wallbox. Decido quindi di far dimensionare il tutto per poter reggere i 32A monofase (7,4kw) in modo da poter avere la possibilità di aumentare la potenza di contratto quando si renderà necessario, portandolo a 6kw.

Ho letto molto il forum e alla fine ho optato per una Zappi con connettore tipo2 e cavo di 8m da 7.4kw , tra l'altro una delle poche, se non l'unica, dotata di pinza amperometrica in grado di modulare la potenza assorbita dalla vettura in carica in base ai carichi utilizzati in casa.
Avevo anche provato a contattare una famosa azienda italiana produttrice di wallbox con funzioni molto simili, ma ottenere un preventivo è risultato impossibile...bah... :shock:

A Gennaio 2019 sorge un'ulteriore complicazione: l'amministratore mi contatta dicendo che vorrebbe informare tutti i condomini del fatto che si sarebbe installata una stazione di ricarica in uno dei box auto, la riunione condominiale però si sarebbe tenuta a Maggio...
Mi è stato anche riferito che non sarebbe stato obbligatorio aspettare la riunione nel caso avessi avuto fretta, ma che per non far “indispettire” nessuno, il suo consiglio era di procedere a piccoli passi per evitare problemi in seguito.
Decido quindi di aspettare, anche perché il preventivo aveva ormai superato di slancio i 3000€ e sinceramente ero ormai sull'orlo di gettare la spugna, inoltre di spendere questi soldi in una casa non mia, per una vettura elettrica che ancora non ho, mi stava anche passando la voglia.

A Marzo si inizia a parlare di detraibilità fiscale per installazioni di questo tipo, e a Maggio ottengo in assemblea condominiale anche il nulla-osta a procedere, decido quindi di partire con i lavori, dando finalmente incarico al perito di iniziare a progettare l'impianto, iniziando a sborsare i primi soldi :-)

A Giugno contatto il rivenditore italiano Zappi, che purtroppo mi comunica che il vecchio modello non è più disponibile. Esiste solamente più il nuovo modello, ad un prezzo però molto più caro (quasi 1000€!!!).
Contatto allora direttamente la casa madre che mi comunica che il modello che cercavo io (tipo2 e cavo da 8m) non era disponibile neanche nei loro magazzini, mi suggeriscono allora di contattare i vari rivenditori europei per verificare se qualcuno di loro avesse ancora qualche Wallbox in giacenza, fornendomi tutti i contatti.
Dopo svariate mail negative, un rivenditore di Vienna mi comunica di averne una disponibile, e ironia della sorte, la settimana successiva sarei dovuto partire proprio per Vienna per lavoro, ho colto così l'occasione per incontrarlo di persona e toccare con mano la Wallbox che non ho potuto però portare via con me.
Il motivo è semplice: per usufruire delle detrazioni fiscali, la fattura di acquisto deve essere emessa da una P.IVA italiana, metto quindi in contatto il mio elettricista con il rivenditore austriaco in modo che possa comprarla lui per poi vendermela mettendola in fattura assieme al lavoro completo.


Finalmente la prossima settimana l'elettricista inizierà i lavori, speriamo fili tutto liscio! :lol:
Ora rimane l'incognita delle detrazioni, tanto decantate, ma ancora senza uno straccio di decreto attuativo...spero di non scoprire sorprese al momento della dichiarazione dei redditi di quest'anno.

Adesso che è, quasi, tutto pronto sto cercando di capire cosa prendere a Maggio 2020 quando conto di vendere la mia Audi A5 “ibrida” e rimpiazzarla con una BMW i3 (mi piacerebbe una S 94ah rex o una S 120ah, merce rara sul mercato dell'usato) o con la nuova Audi A3 PHEV che dovrebbero presentare verso fine di quest'anno...
Vedremo, nel frattempo se qualcuno volesse farsi offrire una ricarica nel mio garage ed un caffè mi farebbe piacere provare se tutto funziona correttamente, io sono di Torino :-)

Per tutti gli altri rimango a disposizione per qualsiasi dubbio, spero di essere stato d'aiuto! :mrgreen:

Marco




Deen
Messaggi: 1910
Iscritto il: 21/08/2017, 15:17

Re: Installazione Wallbox box condominiale --> la mia esperienza!

Messaggioda Deen » 24/10/2019, 17:41

Complimenti per la pazienza! Sarebbe un peccato però aver fatto tutto questo per caricare solo una ibrida plug-in :roll: Mio pensiero

Avatar utente
gianni.ga
Messaggi: 2674
Iscritto il: 17/12/2017, 20:29
Veicolo: Leaf Acenta 24kwh
Contatta:

Re: Installazione Wallbox box condominiale --> la mia esperienza!

Messaggioda gianni.ga » 24/10/2019, 18:01

Intanto può andare al lavoro senza inquinare e in vacanza senza pensieri.
Per non parlare del buon esempio per i condomini e per chi sul forum sta per gettare la spugna.
Leaf 24 Kwh 2016, Evr 1, Fv 8 Kwp, caldaia ibrida Rotex 9kw, pdc acs 300 l schuco.
XM 1998, C5 2008, C5 2013.

Avatar utente
carlo.marchesini
Messaggi: 154
Iscritto il: 23/05/2018, 18:34

Re: Installazione Wallbox box condominiale --> la mia esperienza!

Messaggioda carlo.marchesini » 24/10/2019, 18:54

Complimenti per la caparbietà.
La sua testimonianza mi convince però,!ancora di più,che il quadrato circolare, in grado di aritmetizzare tutte le variabili in ambito condiniale (e sono innumerevoli) , sia la colonnina "pubblica-condominiale".
Altrimenti il pubblico non ci pensa neanche lontanamente ad imbarcarsi in una vicenda come quella che ha dovuto gestire lei.
Non compra auto elettriche e non consuma corrente. La mobilità elettrica così non si diffonde.
Spero che i tecnici di Becharge possano trovare una soluzione sostenibile. Spero

Gieffe
Messaggi: 105
Iscritto il: 28/06/2019, 9:37
Località: Roma

Re: Installazione Wallbox box condominiale --> la mia esperienza!

Messaggioda Gieffe » 24/10/2019, 21:19

Grazie, io sto tentando la stessa impresa e speriamo bene. Certo 3mila euro sono un bel po' di soldi, speravo si trattasse di cifre inferiori


Avatar utente
gianni.ga
Messaggi: 2674
Iscritto il: 17/12/2017, 20:29
Veicolo: Leaf Acenta 24kwh
Contatta:

Re: Installazione Wallbox box condominiale --> la mia esperienza!

Messaggioda gianni.ga » 24/10/2019, 23:25

C'è sempre la detrazione fiscale per spendere 1500 euro.
Leaf 24 Kwh 2016, Evr 1, Fv 8 Kwp, caldaia ibrida Rotex 9kw, pdc acs 300 l schuco.
XM 1998, C5 2008, C5 2013.

Marco.Drosso
Messaggi: 17
Iscritto il: 22/12/2018, 19:21

Re: Installazione Wallbox box condominiale --> la mia esperienza!

Messaggioda Marco.Drosso » 26/10/2019, 15:19

Grazie a tutti per le risposte!
Abbiamo due macchine in casa, il mio obiettivo è quello nel medio termine di avere una BEV ed una plug-in per qualsiasi evenienza.

Riguardo il commento di carlo.marchesini: concordo, bisognerebbe semplificare il tutto!

Marco.Drosso
Messaggi: 17
Iscritto il: 22/12/2018, 19:21

Re: Installazione Wallbox box condominiale --> la mia esperienza!

Messaggioda Marco.Drosso » 30/10/2019, 15:37

Ecco finalmente la Zappi montata :D :D :D :D :D

IMG-8365.jpg
IMG-8365.jpg (612.55 KiB) Visto 674 volte
IMG-8368.jpg
IMG-8368.jpg (669.7 KiB) Visto 674 volte


Sono contentissimo, è filato tutto liscio!!

Kimera
Messaggi: 683
Iscritto il: 27/12/2018, 14:30

Re: Installazione Wallbox box condominiale --> la mia esperienza!

Messaggioda Kimera » 30/10/2019, 19:35

Che bella storia!!
E mi aggiungo ai complimenti fatti per la costanza nonostante le molteplici difficoltà :D
Certo che, trovare un rivenditore estero proprio là dove dovevi recarti per lavoro, era un segno del destino!
Renault Zoe R240 Intens anno 2016
(ex C-Zero AFFIDABILISSIMA)

Alemant
Messaggi: 72
Iscritto il: 03/07/2019, 10:57
Località: Bologna
Veicolo: BMW i3S 94Ah REX

Re: Installazione Wallbox box condominiale --> la mia esperienza!

Messaggioda Alemant » 02/11/2019, 20:17

Complimenti per la tenacia!
Anche io mi sto trasferendo in un appartamento che sto allestendo ora il tutto, alla fine opterò per una zappi anche io, purtroppo di modulanti Stand-Alone (indipendenti che funzionano senza Domotica) non c’è ne sono ancora...
Ps:
Ho una i3S Rex da Giugno è fantastica e 0 ansie con giri lunghi con il Rex



Torna a “Attrezzature e Accessori”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 2 ospiti