L'importanza di non affidarsi alle colonnine fast gratuite

Spazio dedicato alla segnalazione di occupazioni abusive delle stazioni di ricarica e/o malfunzionamenti.
Power_Leo
Messaggi: 66
Iscritto il: 08/05/2018, 17:47

Re: L'importanza di non affidarsi alle colonnine fast gratuite

Messaggioda Power_Leo » 28/03/2019, 10:51

Marco puoi fare una guida su come utilizzare PCC ;-) piano A, B e C ...
Power Cruise Control conosce lo stato dei connettori enelx quindi sappiamo in partenza quale è la situazione e la monitoriamo continuamente durante il viaggio segnalando tempestivamente i cambi di stato dei connettori: libero, occupato e guasto.
Personalmente non mi baso più sui connettori gratuiti perché non ne conosco lo Stato, circa i prezzi delle ricariche esistono ad oggi tariffe molto vantaggiose che rendono la ricarica su infrastruttura pubblica più economica di quella domestica.
_Ah, ma serve un abbonamento
Eccerto dovranno campare pure loro.

Quando usavo le auto a marce non mi è mai capitato di fare il pieno gratis e quando un distributore era molto più caro di un'altro mettevo meno carburante, giusto quello che serviva e ripartivo.

_ma come fai a sapere esattamente quanta energia imbarcare?
Usi PowerCruiseControl!
_ma è a pagamento !?!
e sti*****




Diego
Messaggi: 670
Iscritto il: 30/11/2017, 3:17

Re: L'importanza di non affidarsi alle colonnine fast gratuite

Messaggioda Diego » 28/03/2019, 10:54

AHAHAHAHAAH...santo subito!!!

Power_Leo ha scritto:Marco puoi fare una guida su come utilizzare PCC ;-) piano A, B e C ...
Power Cruise Control conosce lo stato dei connettori enelx quindi sappiamo in partenza quale è la situazione e la monitoriamo continuamente durante il viaggio segnalando tempestivamente i cambi di stato dei connettori: libero, occupato e guasto.
Personalmente non mi baso più sui connettori gratuiti perché non ne conosco lo Stato, circa i prezzi delle ricariche esistono ad oggi tariffe molto vantaggiose che rendono la ricarica su infrastruttura pubblica più economica di quella domestica.
_Ah, ma serve un abbonamento
Eccerto dovranno campare pure loro.

Quando usavo le auto a marce non mi è mai capitato di fare il pieno gratis e quando un distributore era molto più caro di un'altro mettevo meno carburante, giusto quello che serviva e ripartivo.

_ma come fai a sapere esattamente quanta energia imbarcare?
Usi PowerCruiseControl!
_ma è a pagamento !?!
e sti*****
da fine 2017 > zoe Q210 del 2013 + upgrade + PCC (40.000 km/anno) > FV 12.24 kWp + accumulo 6.6 kWh > twizy del 2012 (10.000 km/anno) > Monopattino Nilox DOC PRO > Bici elettrica CMS-F16 > C-Zero del 2015 (10.000 km/anno) >

Kimera
Messaggi: 98
Iscritto il: 27/12/2018, 14:30

Re: L'importanza di non affidarsi alle colonnine fast gratuite

Messaggioda Kimera » 28/03/2019, 11:17

Power_Leo ha scritto:i prezzi delle ricariche esistono ad oggi tariffe molto vantaggiose

Tipo? :oops: :D
Ne sto cercando una ma, con l'addio di "Hera" alla sua tariffa flat, non so dove sbattere la testa
Renault Zoe R240 anno 2016

Avatar utente
marco
Amministratore
Messaggi: 9338
Iscritto il: 29/12/2015, 13:41
Località: Reggio Emilia
Veicolo: Nissan Leaf
Contatta:

Re: L'importanza di non affidarsi alle colonnine fast gratuite

Messaggioda marco » 28/03/2019, 11:39

Power_Leo ha scritto:Personalmente non mi baso più sui connettori gratuiti perché non ne conosco lo Stato


Eh, ma in quel caso hai al casello, in ordine di distanza:
- 1 Affi (gratis)
- 2 Bussolengo (gratis)
- 3 Sommacampagna (Enel X)
- 4.5 Fast varie a Verona (gratis)

Cioè, non è questione di cercarle gratis o a pagamento, è questione che se sei lì ti fanno comodo quelle :D
Poi purtroppo c'è chi si va a cercare quelle gratuite facendo anche decine di km per risparmiare qualche euro, intasando quelle che invece servono a chi passa proprio di li, e questo aspetto della gratuità purtroppo rende il tutto più complesso.
Nissan Leaf 24 kWh > Zero FX 7,2 kWh + Zero FX 5,7 kWh > Ninebot One E+ 320 Wh > FV 4,32 kWp

marcober
Messaggi: 2984
Iscritto il: 17/05/2017, 10:59
Veicolo: Zoe Q90
Contatta:

Re: L'importanza di non affidarsi alle colonnine fast gratuite

Messaggioda marcober » 28/03/2019, 12:13

I TDC sono , per mia conoscenza, decisamente affidabili ..il che rende superfluo la conoscenza da remoto del "fuori servizio"
Resta sempre il rischio dell'"occupato"..ma quel rischio lo hai anche se vai verso una gratuita (e non l'hai prenotata o non è prenotabile)..o dell'occupata via App che Snobbi e vai "oltre" (facendo + strada) e che magari aveva quasi finito e che vedendoti arrivare avrebbe certamente "dato carica" (chi di noi non lascia spazio al nuovo arrivato, se sei in auto e sei gia attorno a 80%..)
ZOE Q90
FV: 15 kW Sunpower
Riscaldamento: PDC


Avatar utente
sasadj
Messaggi: 219
Iscritto il: 28/09/2017, 16:22
Località: Roma
Veicolo: Zoe Q90
Contatta:

Re: L'importanza di non affidarsi alle colonnine fast gratuite

Messaggioda sasadj » 29/03/2019, 14:05

Kimera ha scritto:Ne sto cercando una ma, con l'addio di "Hera" alla sua tariffa flat, non so dove sbattere la testa


Beh, prima tra tutte Duferco: 300 kWh/mese a €.15 per i primi 6 mesi e €. 25 per i successivi (+IVA) - Contratto di 2 anni rinnovabile tacitamente.
http://www.mobilitaelettricaroma.it Comitato Promotore Mobilità Elettrica e Sostenibile

pIONiere
Messaggi: 258
Iscritto il: 30/05/2018, 12:48

Re: L'importanza di non affidarsi alle colonnine fast gratuite

Messaggioda pIONiere » 29/03/2019, 15:34

Carlo ha scritto:Ok, intanto aspettando che si liberi una CCS non carica una CHAdeMO


Chademo e CCS non funzionano in contemporanea perché nelle colonnine di solito c'è solo un trasformatore.

Tipo2 e CCS, o Tipo2 e Chademo vanno bene perché la Tipo2 non utilizza il trasformatore.
Peugeot ION 16kWh del 2012 (comprata usata nel 2016)

Avatar utente
marco
Amministratore
Messaggi: 9338
Iscritto il: 29/12/2015, 13:41
Località: Reggio Emilia
Veicolo: Nissan Leaf
Contatta:

Re: L'importanza di non affidarsi alle colonnine fast gratuite

Messaggioda marco » 29/03/2019, 15:41

Infatti, per quello dicevo. L'unica auto che può avere interesse a ricaricare lì con una BMW i3 già in carica è una Zoe, ma solo se con caricatore da 43 kilowatt.
Nissan Leaf 24 kWh > Zero FX 7,2 kWh + Zero FX 5,7 kWh > Ninebot One E+ 320 Wh > FV 4,32 kWp

Deen
Messaggi: 1452
Iscritto il: 21/08/2017, 15:17

Re: L'importanza di non affidarsi alle colonnine fast gratuite

Messaggioda Deen » 29/03/2019, 15:42

Carlo ha scritto:
marco ha scritto:
Carlo ha scritto:Marco, la fila la fai in un altro stallo aspettando che si liberi


Eh, il problema è che poi rischi che ti passino davanti: credo che il giusto compromesso sia di parcheggiare li e stare lì fisicamente, pronto a spostarla in caso arrivi qualcuno bisognoso di AC, solo se fast (perché poi l'accelerata sta li di fianco, quindi solo per le poche Zoe con caricatore da 43)

Fra l'altro se fosse un connettore diverso, potresti pure attaccarlo e quando termina con l'uno parte con l'altro: in questo caso era invece lo stesso, per cui credo non ci fosse nulla di male che l'i3 fosse li, a patto che il tizio fosse li vicino rintracciabile (ma sinceramente non c'ho guardato). Comunque con questo ragionamento stiamo andando OT, in caso serva approfondiamo in una nuova discussione su cosa sia giusto fare in questi casi.


Ok, intanto aspettando che si liberi una CCS non carica una CHAdeMO, e alla Tipo2, se avessi bisogno e trovassi la CHAdeMO occupata e avessi urgenza, ci caricherei anche la mia.
Comunque ribadisco: SOSTA CONCESSA SOLO A VEICOLI IN CARICA, chiaro il concetto?
Se fosse collegata alla tipo2, anche se caricava più lento, l'avrei capito, ma così no

Infatti non capisco perché non si sia collegato alla tipo 2 nel frattempo...
Quando sono stato io ad Affi ho trovato subito una i3 in carica (azz..) poi ho guardato meglio è per fortuna stava caricando in tipo 2 (aveva solo quel connettore), quindi in CHAdeMO ho potuto caricare :)

Avatar utente
selidori
Messaggi: 5005
Iscritto il: 14/02/2016, 11:17
Località: Milano
Veicolo: Leaf2018
Contatta:

Re: L'importanza di non affidarsi alle colonnine fast gratuite

Messaggioda selidori » 29/03/2019, 22:37

La discussione è interessantissima, purtroppo troppe volte è andata deviando verso l'OT.
Così tante volte che ora mi esibisco pure io in quest'arte :D : secondo me il problema non sta nell'ultima parola ("gratuite") ma in generale nell'affidarsi alle fast.
Il problema infatti è l'abuso, la sosta eterna e le 1000 domande (che ho già posto) di netiquette che purtroppo non saranno mai con risposte esaustive*.
Premesso che sostare senza caricare (ed occupando spazio) è sempre sbagliato, poi possiamo inventarci milioni di casi in cui il comportamento ad una colonnina può essere tanto giusto quanto sbagliato.
Ma qua stiamo parlando del fatto che se trovi una fast occupata (legittimamente o no) o rotta ti rovina tutto il viaggio. Il fatto che siano gratuite non cambia visto che (sbagliando) i gestori delle pagamento non sanzionano e neppure richiamano l'utente abusivo (ed è strano: ne avrebbero tutto l'interesse, evidentemente non vogliono sollevare le solite italianate di denunce a programmi tv di scoop spettacolari): ancora una volta Tesla insegna visto che lei non ha paura di richiamare gli abusivi dei SuC, anche se sono suoi clienti paganti.

Sta di fatto che la garanzia di ricarica (fast o meno, gratuita o meno) oggi purtroppo non c'e'.
E non saprei neppure come risolvere il problema.
Si arginerebbe però appunto con sanzioni ad abusivi, con ridondanza colonnine e con un serio sistema di gestione remota, prenotazione, status impianto (di cui però sono abbastanza contrario). Tutte cose che si possono fare anche con la ricarica gratuita (che -ricordo- non per forza debba essere plug-and-play, anche se così indubbiamente è molto più comoda).

*= l'unica cosa che possiamo fare, è lasciare con l'auto in carica anche un numero di reperibilità sul cruscotto.
AUTO ELETTRICHE: Immatricolazioni | gamma | agevolazioni | circuiti
MOBILITA ELETTRICA: Eventi |



Torna a “Abusi e Malfunzionamenti”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 0 ospiti