Osservazioni sul Power Cruise Control per allargarne il bacino di utenza

Power Cruise Control è un ecosistema di applicazioni per veicoli elettrici con cui si è sempre sicuri di raggiungere la destinazione con l'energia che si ha a disposizione.
luctun
Messaggi: 222
Iscritto il: 11/08/2017, 10:10

Re: Osservazioni sul Power Cruise Control per allargarne il bacino di utenza

Messaggioda luctun » 07/05/2019, 12:17

Kimera ha scritto:
Diego ha scritto:io sono abituato (per lavoro) ad avere software da migliaia di euro

Permettimi di dissentire.
Chi progetta software per lavoro e, per chi li acquista sempre per la stessa finalità (spesso aziende), c'è una "trattativa" che esula completamente dalla logica nuova dell'e-commerce che regna sul Google Store.
Lì la media delle app a pagamento va dai 2 ai 15€ e c'è un motivo preciso: Perché potenzialmente l'app è acquistabile dall'intero mondo Android dell'intero pianeta ed ecco che gli utili di una singoola app a pagamento, potrebbero essere moltiplicati per milioni.
Invece i tuoi software da migliaia di euro, costano tanto proprio per avere una platea di potenziali acquirenti MOLTO ridotta rispetto allo store di Google e, altro aspetto da non sottovalutare, spesso chi c'è dietro ad un software così costoso, ci sono aziende grandi da molti dipendenti di cui, ognuno deve avere uno stipendio fisso da cui poter vivere.
Dietro alle app che ci sono sullo Store, spesso ci sono 1 o 2 persone.

Scusami ma, paragonare il vecchio mercato con quello globale di Google, mi sembra quantomeno forzato.

Io penso che molti utenti che si siano lamentati dei 37€, lo abbiano fatto in relazione alla media del costo di un app su una specifica piattaforma (in questo caso lo Store di Google).
Insomma, cerchiamo di tenere in considerazione SEMPRE il contesto altrimenti, la logica perde di senso.


Non mi pare ci siano milioni di Zoe e/o di Leaf in giro.
Quando ci saranno il prezzo probabilmente scenderà.
Poi va sempre valutato lo scopo. E se uno ritiene il prezzo per un determinato bene troppo alto.... non lo compra




Avatar utente
selidori
Messaggi: 5299
Iscritto il: 14/02/2016, 11:17
Località: Milano
Veicolo: Leaf2018
Contatta:

Re: Osservazioni sul Power Cruise Control per allargarne il bacino di utenza

Messaggioda selidori » 07/05/2019, 12:27

andbad ha scritto:Ovvio che se fai 40km al giorno e la sera puoi ricaricare, l'utilità è relativa, ma se devi fare un viaggio di 200km, con PCC puoi farlo riducendo al minimo il tempo di viaggio (perché ti dice minuto per minuto se aumentare o diminuire la velocità). Se invece il viaggio è oltre l'autonomia, ti consente parimenti di ottimizzare velocità e tempi di carica. Il tutto senza avere alcuna ansia, perché arrivato alla fine del viaggio (o della tappa) nella batteria avrai esattamente l'energia programmata prima di partire (se hai guidato seguendo le indicazioni, ovviamente).

C'è poco da dire, su questo, la logica che sta sotto all'app è insostituibile.

By(t)e
Mi stai quasi convincendo.
Tempo 10 giorni e la compero, anche se non per reale scopo ma per capire finalmente di cosa si parla ed anche (cosa non da poco) sostenere uno sviluppatore UNICO, ITALIANO, UMILE, PRESENTE (non solo qua) che ha fatto veramente qualcosa di originale e utile (nonchè FUNZIONANTE, che nel mondo della mobilità elettrica non è roba da poco :lol: ).
AUTO ELETTRICHE: Immatricolazioni | gamma | agevolazioni | circuiti
MOBILITA ELETTRICA: Eventi |

andbad
Messaggi: 1044
Iscritto il: 23/03/2018, 11:57

Re: Osservazioni sul Power Cruise Control per allargarne il bacino di utenza

Messaggioda andbad » 07/05/2019, 12:30

selidori ha scritto:Mi stai quasi convincendo.
Tempo 10 giorni e la compero, anche se non per reale scopo ma per capire finalmente di cosa si parla ed anche (cosa non da poco) sostenere uno sviluppatore UNICO, ITALIANO, UMILE, PRESENTE (non solo qua) che ha fatto veramente qualcosa di originale e utile (nonchè FUNZIONANTE, che nel mondo della mobilità elettrica non è roba da poco :lol: ).


Chiederò una percentuale a Leo :lol:
Scherzi a parte, trovi diversi video che ti mostrano come funziona, anche se l'esperienza di viaggio puoi testarla solo sulla tua pelle.

By(t)e
eVe: electric vehicle eVe
Leaf 30kWh 2016 powered by Power Cruise Control

Avatar utente
selidori
Messaggi: 5299
Iscritto il: 14/02/2016, 11:17
Località: Milano
Veicolo: Leaf2018
Contatta:

Re: Osservazioni sul Power Cruise Control per allargarne il bacino di utenza

Messaggioda selidori » 07/05/2019, 12:44

andbad ha scritto:Scherzi a parte, trovi diversi video che ti mostrano come funziona, anche se l'esperienza di viaggio puoi testarla solo sulla tua pelle.
No ma infatti.
A parte che io sono uno che si scoccia abbastanza a vedere video (la maggior parte sono di pessima qualità ed è gente che non ha voglia di scrivere) anche perchè se è un video di 15 minuti perdi 15 minuti (e non è detto che siano 15 minuti interessanti) ma poi ho 10.000 domande che un video chiaramente non può rispondere (o magari si, ma per trovare la risposta devo visionarne 300).
Ad ogni modo ci sono anche di blogger di riferimento, come il mitico Galeazzi (da 7.08):

https://youtu.be/-OFlbd0vC4k?t=428
Ultima modifica di selidori il 08/05/2019, 17:38, modificato 3 volte in totale.
AUTO ELETTRICHE: Immatricolazioni | gamma | agevolazioni | circuiti
MOBILITA ELETTRICA: Eventi |

Avatar utente
marco
Amministratore
Messaggi: 9762
Iscritto il: 29/12/2015, 13:41
Località: Reggio Emilia
Veicolo: Nissan Leaf
Contatta:

Re: Osservazioni sul Power Cruise Control per allargarne il bacino di utenza

Messaggioda marco » 07/05/2019, 15:52

selidori ha scritto:Mi stai quasi convincendo


In effetti mi stupisco che uso smanettone come te non ci si sia ancora buttato :lol:
Perché poi è anche divertente: l'unico svantaggio nel tuo caso è che devi fare un sacco di autostrada per portarla al limite, e se anche l'energia è spesso gratis e la manutenzione zero... l'autostrada si paga sempre, ed è anche caruccia (ma è appunto li che il PCC da il meglio di sé)
Nissan Leaf 24 kWh > Zero FX 7,2 kWh + Zero FX 5,7 kWh > Ninebot One E+ 320 Wh > FV 4,32 kWp


Avatar utente
sasadj
Messaggi: 229
Iscritto il: 28/09/2017, 16:22
Località: Roma
Veicolo: Zoe Q90
Contatta:

Re: Osservazioni sul Power Cruise Control per allargarne il bacino di utenza

Messaggioda sasadj » 09/05/2019, 13:11

Mi sono "quasi divertito" a leggere gli ultimi commenti, sopratutto da quello di Diego in poi...

Allora vi faccio un ragionamento che facevamo con alcuni tester qualche giorno fa.

Quanto "costa" girare in auto elettrica?!?

Parlo di costi complessivi: Costo della ricarica, costo del tempo che si perde ad andare a caricare, costo dello stress da Range Anxiety, costo delle perdite di tempo se una colonnina è occupata o indisponibile.

Beh, parte di questi costi vengono ripagati con l'acquisto di PCC.

Vi faccio un esempio "pratico": viaggio di qualche centinaio di km in Auto elettrica. A chi, prima del PCC, non è capitato di fermarsi più del dovuto? Una sosta in più oppure perdere tempo e spendere di più per una ricarica eccessiva od una ricarica inutile?!?

Con PCC questo non esiste, ve lo ripagate con 2 ricariche Fast non dovute.

Inoltre vi risparmiate anche tutte le altre complicazioni del caso, dalla programmazione delle soste (ormai lo decidete in semplicità col PCC) alla sicurezza di arrivare a destinazione e, cosa di non poco conto, grazie al monitoraggio dei connettori della rete pubblica, al sapere in ogni istante lo stato della colonnina a cui stiamo dirigendoci, decidendo, in caso di problematiche, di cambiare destinazione in un attimo e senza troppo stress o calcoli particolari.

il Tutto per €. 37,00 e cinque minuti di sbattimento per la registrazione dell'app.

Se per voi la serenità di un viaggio non vale €. 37,00 (che, ripeto, risparmierete in ricariche inutili) allora fatevi un esame di coscienza... ;)
Ultima modifica di sasadj il 09/05/2019, 13:14, modificato 1 volta in totale.
http://www.mobilitaelettricaroma.it Comitato Promotore Mobilità Elettrica e Sostenibile

Avatar utente
sasadj
Messaggi: 229
Iscritto il: 28/09/2017, 16:22
Località: Roma
Veicolo: Zoe Q90
Contatta:

Re: Osservazioni sul Power Cruise Control per allargarne il bacino di utenza

Messaggioda sasadj » 09/05/2019, 13:14

Aggiungo un post sull'utilizzo del PCC:

Io lo uso prettamente in utilizzo urbano e periurbano.

Sapere quando dover caricare ad una fast in pausa pranzo per riuscire a completare tutti i giri della giornata o anche quelli dei giorni a venire è una cosa impagabile secondo me.

Si ritorna al discorso del risparmio economico e di tempo.

Fate vobis :geek:
http://www.mobilitaelettricaroma.it Comitato Promotore Mobilità Elettrica e Sostenibile

Avatar utente
selidori
Messaggi: 5299
Iscritto il: 14/02/2016, 11:17
Località: Milano
Veicolo: Leaf2018
Contatta:

Re: Osservazioni sul Power Cruise Control per allargarne il bacino di utenza

Messaggioda selidori » 09/05/2019, 16:38

sasadj ha scritto:Se per voi la serenità di un viaggio non vale €. 37,00 (che, ripeto, risparmierete in ricariche inutili) allora fatevi un esame di coscienza... ;)
Premesso che le prediche te le puoi tenere, io con PCC non risparmio proprio 37 euro, visto che tale eventuale risparmio è solo se usi le fast pagandole, cosa che io non faccio (ovvero: non uso le fast perchè non faccio viaggi lunghi e quando le uso non le pago (a consumo) ma con la tariffa da raccomandati che abbiamo a milano e cioè FLAT da 5 euro al mese. Se PCC riesce a farmi risparmiare a casa sulla bolletta della luce, son ben contento.
Ma qua non si parla di 37 euro che è una cifra che tutti possiamo permetterci di spendere, ma di principio: se tutte le altre app costano massimo 9 euro e spesso esistono demo di adware di ogni tipo, perchè bisogna prendere a scatola chiusa questa trentasetteeuro senza sapere neppure se va e se fa il caso nostro?
Detto questo, chi vende un prodotto decide lui il modo e metodo di vendita e va bene, ma è il cliente finale a fare la scelta e se decide che per lui non va bene (e non è detto sia solo una questione di costo, se no nessuno di noi avrebbe preso un'auto elettrica) semplicemente non lo compera, senza farsi sentirsi dire che deve farsi un esame di coscienza.
E fra l'altro io sono coerente perchè da sempre dico che l'auto elettrica non serve per rispamiare e non la si compera per tale scopo, ed allora perchè dovrei prendere un PCC se l'unico scopo è rispamiare? (che nel mio caso, come detto, neppure c'e').
AUTO ELETTRICHE: Immatricolazioni | gamma | agevolazioni | circuiti
MOBILITA ELETTRICA: Eventi |

Kimera
Messaggi: 128
Iscritto il: 27/12/2018, 14:30

Re: Osservazioni sul Power Cruise Control per allargarne il bacino di utenza

Messaggioda Kimera » 09/05/2019, 16:59

sasadj ha scritto:Se per voi la serenità di un viaggio non vale €. 37,00 (che, ripeto, risparmierete in ricariche inutili) allora fatevi un esame di coscienza... ;)

Ciao ;)
Premetto che ho il PCC installato nello smartphone pagandolo ma, vorrei soltanto aggiungere un piccolo appunto:

Cerchiamo di non minimizzare il costo dell'app in rapporto a quello che offre perché, nella logica del nuovo mondo dell'e-commerce, questo non funziona.

Dire che "37€ vale la pena per avere un viaggio più sereno", in questo contesto è tranquillamente criticabile perché, quello che mi ha davvero cambiato la vita, è il navigatore satellitare Gps (tra l'altro, su cui si basa anche parte delle funzioni di PCC che altrimenti, senza, forse neanche esisterebbe) e, in questo mondo delle app, addirittura sono GRATUITI.
E il navigatore satellitare, questo sì che mi fa risparmiare tantissimo carburante (o elettricità con l'auto elettrica) dato che mi sugggerisce il percorso più veloce, meno trafficato e senza perdita di tempo prezioso.

Cioè, una cosa ormai fondamentale come l'aria che respiriamo come un navigatore Gps, addirittura vederlo gratuito, è come vedere un PCC direttamente installato sulla prorpia autovettura con le funzioni di autopilot installabile su tutte le auto senza il bisogno dei sensori di guida al costo di 10€.

Quindi ok, il PCC è sicuramente un valore aggiunto a chi possiede un auto elettrica con batteria piccolina ma, giustificare 37€, quanto meno qualche domandina me la faccio :D
P.s. a parte tutto, davvero complimenti per l'app!
Secondo me, da ex possessore della C-Zero, il PCC avrebbe il suo spazio di merito sopratutto per le sorelline C-zero, Ion e I-Miev
Renault Zoe R240 anno 2016

Avatar utente
selidori
Messaggi: 5299
Iscritto il: 14/02/2016, 11:17
Località: Milano
Veicolo: Leaf2018
Contatta:

Re: Osservazioni sul Power Cruise Control per allargarne il bacino di utenza

Messaggioda selidori » 11/05/2019, 18:35

andbad ha scritto:
selidori ha scritto:Mi stai quasi convincendo.
Tempo 10 giorni e la compero, anche se non per reale scopo ma per capire finalmente di cosa si parla ed anche (cosa non da poco) sostenere uno sviluppatore UNICO, ITALIANO, UMILE, PRESENTE (non solo qua) che ha fatto veramente qualcosa di originale e utile (nonchè FUNZIONANTE, che nel mondo della mobilità elettrica non è roba da poco :lol: ).
Chiederò una percentuale a Leo
Andato. :D
Untitled.jpg
Untitled.jpg (46.07 KiB) Visto 106 volte

Ed ho già fatto la prima cazzata (si fa per dire): non ho visto va solo con BT (io ho un terminale WIFI). Non che sia un problema, solo che ora ci vuole qualche giorno per comprare il BT e nel frattempo non riuscirò ad usare il PCC per il 19 (evento di Modena).
AUTO ELETTRICHE: Immatricolazioni | gamma | agevolazioni | circuiti
MOBILITA ELETTRICA: Eventi |



Torna a “Power Cruise Control”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 0 ospiti