Installare pensiline FV nei parcheggi e negli stalli delle IdR

Sezione creata per fare business ma allo stesso tempo imprimere slancio al settore dei veicoli elettrici, stazioni di ricarica ed energie rinnovabili.
Regole del forum
Parlare di un solo e singolo argomento per discussione, nella sezione più corretta e con un titolo chiaro e descrittivo, evitando i fuori tema | Evitare di citare tutto il testo di un precedente messaggio, ma lasciare solo il minimo indispensabile usando questo sistema | Utilizzare le unità di misura corrette, in particolare i kW per la potenza e i kWh per l'energia, di cui è spiegata la differenza qui | Leggere il regolamento completo che è visibile qui
Avatar utente
carlo-giuseppe.cason
★★★ Intenditore
Messaggi: 218
Iscritto il: 16/11/2018, 22:50
Veicolo: VW ID.3

Installare pensiline FV nei parcheggi e negli stalli delle IdR

Messaggioda carlo-giuseppe.cason » 06/11/2022, 23:51

Credo che sia il modo migliore di schierare pannelli PV, forse anche meglio dei tetti.

Il motivo principale a loro favore è che limitano il difetto intrinseco della tecnologia PV relativo al consumo di materiali (naturalmente in confronto ad altre tecnologie e in rapporto all'energia raccolta), perché svolgono la doppia funzione di copertura e appunto di raccogliere energia.

Rimuovono anche il secondo difetto, cioè il consumo di suolo.

Se abbinate a IdR, limitano anche il terzo difetto, la necessità di accumulo. Ovviamente, intendo parcheggi in uso durante il giorno tipo parcheggi aziendali.

Siccome però nessun impianto che fornisce energia è esente da difetti, scrivo anche quelli che vedo per questa tipologia.

Il primo è che forse sarebbe meglio avere degli alberi, anche nei parcheggi, i quali naturalmente fanno a pugni con i pannelli PV.

Il secondo è che per limitare il consumo di suolo e quindi per favorire la biodiversità (o anche semplicemente per mangiare cibi coltivati invece che sintetici) il metodo migliore è avere poche città densamente popolate e usare i trasporti pubblici (quindi avere pochi parcheggi, che limitano la densità e aumentano di per sé il consumo di suolo) ma così tutte le tecnologie di cattura diretta falliscono, almeno nella scala necessaria, a causa del quarto difetto intrinseco relativo alla bassa densità, che ovviamente fa a pugni con la densità di popolazione.

Ultima considerazione, più che una mia opinione una ovvietà che deriva semplicemente dalla costante solare (densità della radiazione solare alla distanza della Terra), dall'alternanza giorno notte, dal meteo e dalle stagioni.

Le IdR che si possono alimentare in questo modo sono le IdR slow (per questo ho citato i parcheggi aziendali). Chi carica ad una ipotetica HPC FreeToX sotto una pensilina PV e pensa di star viaggiando con il sole non ha capito la fisica. Anche il logo "100% rinnovabile" eventualmente scritto sulla colonnina deriva dall'artificio lessicale (o truffa) di dire: "qualcuno, in qualche momento, da qualche parte, ha prodotto o produrrà la stessa quantità di corrente che stai usando ora con tecnologie a cattura diretta", ben diverso da quello che si pensa: "la corrente che stai usando ora è prodotta in questo momento con tecnologie a cattura diretta", la seconda frase è fisicamente impossibile da provare e direi anche da realizzare in pratica (tranne casi o momenti particolari), per come è fatta la rete elettrica in scala (suggerisco il video YouTube col paragone tra elettricità e latte di GeoPop).

Politicamente inoltre questo metodo non soddisfa il mito Penta stellato del "mi faccio l'energia da solo" (neanche quello dei tetti, l'energia in realtà la fa la multinazionale statale cinese che ha prodotto il pannello PV, il proprietario del tetto fa solo affitto d'area...) perché anche il parcheggio aziendale di solito è di una multinazionale cattiva (o, quando va "bene", di Esselunga).




Avatar utente
marco
★★★★★ Amministratore
Messaggi: 31819
Iscritto il: 29/12/2015, 13:41
Località: Reggio Emilia
Veicolo: Opel Corsa-e
Contatta:

Re: Installare pensiline FV nei parcheggi e negli stalli delle IdR

Messaggioda marco » 07/11/2022, 6:13

Ok, questa è un'ottima idea, ma all'atto pratico come potrebbe investire uno di noi in questa direzione? Ci vorrebbe una qualche azienda che creasse una opportunità di investimento, una comunità energetica, oppure una cooperativa (anche se credo che l'iniziativa debba passare in un qualche modo dal gestore delle colonnine)
Opel Corsa-e - Citroën C-Zero - Zero FX 7,2 kWh - Zero FX 5,7 kWh - FV 4,32 kWp - bici elettrica Kalkhoff Agattu dal 2009 - Ninebot One E+ 320 Wh (ex Nissan Leaf 24 kWh)


Torna a “Investimenti Sostenibili”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 0 ospiti