Ricarica concessionario al 100% per sfruttare effetto memoria?

Per discutere di modelli di cui non esiste ancora una sezione o di problematiche comuni legate a tutte le marche e modelli di automobili elettriche.
E-Liuis
Messaggi: 68
Iscritto il: 19/10/2019, 5:00
Località: Milano
Veicolo: e-Up

Ricarica concessionario al 100% per sfruttare effetto memoria?

Messaggioda E-Liuis » 14/02/2020, 3:48

Settimana prossima andrò a ritirare la mia nuova auto elettrica prodotta nel 2020: avevo letto da qualche parte che alla prima ricarica ( a differenza delle successive in cui è consigliabile arrestarsi all'80%) , bisognava dire al concessionario di caricare al 100% per sfruttare l'effetto memoria delle batterie. qualcuno per caso sa qualcosa a riguardo? grazie in anticipo?




Avatar utente
gianni.ga
Messaggi: 3122
Iscritto il: 17/12/2017, 20:29
Veicolo: Leaf Acenta 24kwh
Contatta:

Re: Ricarica concessionario al 100% per sfruttare effetto memoria?

Messaggioda gianni.ga » 14/02/2020, 4:53

Direi di no.
Puoi farlo benissimo a casa.
La ricarica al 100% è una misura di cortesia.
Chiaro che se il concessionario verificasse lo stato di salute della batteria prima di ocnsegnare l'auto sarebbe una bella cosa, magari certificando il soh...ma sarebbe un mondo ideale. :)
Leaf 24 Kwh 2016, Evr 1, Fv 8 Kwp, caldaia ibrida Rotex 9kw, pdc acs 300 l schuco.
XM 1998, C5 2008, C5 2013.

Avatar utente
davide
Messaggi: 995
Iscritto il: 05/11/2016, 18:21
Località: Parma

Re: Ricarica concessionario al 100% per sfruttare effetto memoria?

Messaggioda davide » 14/02/2020, 7:48

gianni.ga ha scritto:…..., magari certificando il soh...ma sarebbe un mondo ideale. :)

il mondo ideale sarebbe che il SOH fosse VISIBILE DIRETTAMENTE da cruscotto in tutte le auto.
Evidentemente i costruttori da quell'orecchio NON ci sentono….Ma è così difficile ??
Kia Soul EV 110CV 27 kWh MY2015
Il benzinaio ed il meccanico, non vedendomi più, hanno scritto a "Chi l'ha visto"...... :lol: :)
Benedetto il giorno che son passato ad una e.v. !

Avatar utente
gianni.ga
Messaggi: 3122
Iscritto il: 17/12/2017, 20:29
Veicolo: Leaf Acenta 24kwh
Contatta:

Re: Ricarica concessionario al 100% per sfruttare effetto memoria?

Messaggioda gianni.ga » 14/02/2020, 8:16

Sono d'accordo.
Perchè costringere i clienti a dotarsi di un obd e di un'app per leggerlo?
Sono abituati alle termiche dove viene messa l'autonomia, anzichè i litri presenti nel serbatoio.
Hanno sostituito il livello del carburante con le tacche della Leaf.
Non so se le altre elettriche hanno un sistema analogo di misura.
Leaf 24 Kwh 2016, Evr 1, Fv 8 Kwp, caldaia ibrida Rotex 9kw, pdc acs 300 l schuco.
XM 1998, C5 2008, C5 2013.

Carlo
Messaggi: 1856
Iscritto il: 23/11/2016, 22:33

Re: Ricarica concessionario al 100% per sfruttare effetto memoria?

Messaggioda Carlo » 14/02/2020, 8:34

E-Liuis ha scritto:Settimana prossima andrò a ritirare la mia nuova auto elettrica prodotta nel 2020: avevo letto da qualche parte che alla prima ricarica ( a differenza delle successive in cui è consigliabile arrestarsi all'80%) , bisognava dire al concessionario di caricare al 100% per sfruttare l'effetto memoria delle batterie. qualcuno per caso sa qualcosa a riguardo? grazie in anticipo?


Ma le batterie al litio non soffrono di effetto memoria, quindi il problema non sussiste


Carlo
Messaggi: 1856
Iscritto il: 23/11/2016, 22:33

Re: Ricarica concessionario al 100% per sfruttare effetto memoria?

Messaggioda Carlo » 14/02/2020, 8:34

Da Wikipedia:

Effetto memoria
Alcuni tipi di batterie ricaricabili, se ripetutamente caricate prima che la loro carica sia completamente esaurita, "ricordano" la capacità energetica precedente alla ricarica, ovvero, se una batteria completamente carica si utilizza al 60% e successivamente si sottopone a ricarica, il 40% dell'energia somministrata non viene riconosciuta e risulta quindi inutilizzabile. Le batterie maggiormente soggette a questo fenomeno sono quelle al nichel-cadmio e, in misura minore, quelle al nichel-metallo idruro.

Nelle prime il fenomeno è dovuto alla crescita delle dimensioni dei cristalli di cadmio, diminuendo così la superficie interessata dalle reazioni elettrochimiche. In alcuni casi è possibile che i cristalli crescano tanto da penetrare il separatore e cortocircuitare i due elettrodi, rendendo la batteria inservibile. L'effetto della crescita delle dimensioni dei cristalli è più pronunciato se la batteria viene lasciata sotto carica per giorni, o viene ripetutamente scaricata in maniera incompleta. Per evitare quest'effetto bisogna effettuare dei cicli di carica e scarica del singolo elemento almeno una volta ogni due o tre settimane. È necessario che la procedura venga attuata sul singolo elemento e non su di una serie di essi (cosiddetto "pacco batteria") onde evitare il pericolo di una "inversione di polarità" che può comportare danni ben più gravi dell'effetto memoria. In ogni caso è bene che la tensione di ciascun elemento non scenda sotto il volt e, nel caso di una serie di elementi, non si tenti di scaricare oltre questo limite il pacco.
Nelle batterie NiMH l'abbassamento di potenziale di scarica si ha in seguito alla modificazione della struttura cristallina dell'idrossido di nichel, il quale passa dalla forma beta a quella gamma; quest'ultima ha un potenziale d'elettrodo di circa 50 mV inferiore alla forma beta e come risultato si ha una riduzione della capacità della batteria, questo effetto è detto anche lazy battery. Anche in questo caso il problema può essere risolto con cicli periodici di carica e scarica.
Nelle batterie al litio questo effetto non si verifica in quanto non si ha alcuna modifica delle dimensioni dei grani o della struttura cristallina dei materiali elettrodici.

Avatar utente
selidori
Messaggi: 8157
Iscritto il: 14/02/2016, 11:17
Località: Milano
Veicolo: Leaf2018
Contatta:

Re: Ricarica concessionario al 100% per sfruttare effetto memoria?

Messaggioda selidori » 14/02/2020, 8:58

davide ha scritto:
gianni.ga ha scritto:…..., magari certificando il soh...ma sarebbe un mondo ideale. :)

il mondo ideale sarebbe che il SOH fosse VISIBILE DIRETTAMENTE da cruscotto in tutte le auto.
Evidentemente i costruttori da quell'orecchio NON ci sentono….Ma è così difficile ??
Se vogliamo che le auto elettriche siano per tutti e non per tecnici, dobbiamo semplificare le indicazioni fornite agli utenti, non complicarle.
Praticamente tutte le info che gli strumenti ci danno (non solo i cruscotti delle auto) sono semplificate e riarrangiate per facilitare la vita, i dettagli precisi delle cose come stanno interessano solo i tecnici e renderebbero la vita troppo dura all'uomo della strada. O pensate forse che veramente le cartine delle metropolitane rappresentino la città?

Chi vuole ed è appassionato può approfondire la questione e prendersi tempi, studi e strumenti per sapere un po' di più come stanno le cose, ma obbligare chiunque a questi studi è sbagliato. Sarebbe molto meglio che impegnassero (coloro) il loro tempo a fare educazione stradale, pronto soccorso, sicurezza, uso cellulare, ecc
AUTO ELETTRICHE: Immatricolazioni | gamma | agevolazioni | circuiti
MOBILITA ELETTRICA: Eventi | FAQ

Avatar utente
andbad
Messaggi: 1774
Iscritto il: 23/03/2018, 11:57
Località: Massa (MS)
Veicolo: Nissan Leaf 30kWh

Re: Ricarica concessionario al 100% per sfruttare effetto memoria?

Messaggioda andbad » 14/02/2020, 9:14

selidori ha scritto:Se vogliamo che le auto elettriche siano per tutti e non per tecnici, dobbiamo semplificare le indicazioni fornite agli utenti, non complicarle.
Praticamente tutte le info che gli strumenti ci danno (non solo i cruscotti delle auto) sono semplificate e riarrangiate per facilitare la vita, i dettagli precisi delle cose come stanno interessano solo i tecnici e renderebbero la vita troppo dura all'uomo della strada. O pensate forse che veramente le cartine delle metropolitane rappresentino la città?


Sulle termiche ormai hanno tolto pure il termometro dell'acqua, sostituito da una semplice spia. Ma non è che bisogna scimmiottare le termiche in tutto e per tutto. Se una cosa è stupida, bisogna dirlo.
Poi è ovvio, non lo metteranno mai perché sarebbe terrorismo psicologico (sappiamo tutti che il 10% in meno di SOH non è che ti trasforma l'auto in un fermacarte) e non dico di metterlo in bella vista al centro del cruscotto, però magari renderlo leggibile da un menu delle impostazioni non sarebbe cosa così ingiusta.

By(t)e
eVe: electric vehicle eVe
Leaf 30kWh 2016 powered by Power Cruise Control

Avatar utente
Paul The Rock
Messaggi: 440
Iscritto il: 04/03/2019, 22:07
Località: Varese
Veicolo: Kona 64kWh XPrime

Re: Ricarica concessionario al 100% per sfruttare effetto memoria?

Messaggioda Paul The Rock » 14/02/2020, 10:23

Poi il fatto di non mettere in bella vista un dato che potenzialmente potrebbe ritorcersi contro il produttore stesso dell'auto come il SOH (se ci fossero problemi) secondo me è una scelta voluta...

Per quanto riguarda la carica iniziale dipende dal concessionario... a e l'hanno data con il 57% di batteria...
Bye Bye
Paul The Rock

Running on Hyundai Kona Electric 64kWh XPrime powered at home by MyEnergi Zappi 2 7,2kW 32A

E-Liuis
Messaggi: 68
Iscritto il: 19/10/2019, 5:00
Località: Milano
Veicolo: e-Up

Re: Ricarica concessionario al 100% per sfruttare effetto memoria?

Messaggioda E-Liuis » 14/02/2020, 19:11

Grazie delle competenti risposte! Da quello che ho capito la prima ricarica al 100% è solo una cortesia e non influisce sulla durata della batteria in futuro. Chiederò di farmi certificare lo stato di salute della batteria per iscritto dal concessionario. Io ho uno obd che uso con l'applicazione Obd Click: secondo voi mi potrà la percentuale dello stato di salute della batteria?



Torna a “Auto Elettriche in Generale”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 0 ospiti