Primi 620 km in e-Up! con soddisfazione assoluta

Un'auto compatta completamente elettrica di casa Volkswagen per muoverti senza limiti nelle zone ZTL.
Avatar utente
sergio.enrietta
Messaggi: 76
Iscritto il: 25/12/2019, 20:44

Primi 620 km in e-Up! con soddisfazione assoluta

Messaggioda sergio.enrietta » 29/02/2020, 14:21

:D
Primi 620 km con assoluta soddisfazione con e-UP.

Intanto ho scollegato il bluetooth dal telefonino, così la smette di scaricarsi mentre guido e delle sue informazioni di dialogo con l'auto non mi può interessare di meno.

Tengo d'occhio solo l'indicatore dello stato di carica a destra del quadro.
Ho guidato su strade ordinarie, un po' d'autostrada rispettando sostanzialmente i limiti.

Da calcoli sommari in base alle ricariche parziali mi pare poter affermare che sono oltre 300 km a pieno.
Ho sempre solo ricaricato col solare, che ho un po' ampliato anche grazie al contributo della e-UP che li ha portati a destino, collaudando le barre portatutto con un discreto sovraccarico. :mrgreen:

Grande auto, grande passo irreversibile verso una mobilità più solare, :twisted: almeno la mia. :lol:

IMG_20200221_132908.jpg
IMG_20200221_132908.jpg (425.94 KiB) Visto 974 volte




mirko2016
Messaggi: 2357
Iscritto il: 23/08/2018, 20:03
Località: Alba

Re: Primi 620 km in e-Up! con soddisfazione assoluta

Messaggioda mirko2016 » 29/02/2020, 14:25

sergio.enrietta ha scritto::D

Ho sempre solo ricaricato col solare, :


E siamo a febbraio...pensa da adesso in avanti che produzione aumenta...mi sa che ne preleverai da rete davvero poca nell'anno di corrente :-D
FV: 4,55 kW qcells G5 inverter zucchetti - https://www.solarmanpv.com/portal/Termi ... ?pid=71510 - PDC aria aria: 2 LG Quadro 1 LG wifi artcool

Avatar utente
carlo.marchesini
Messaggi: 412
Iscritto il: 23/05/2018, 18:34

Re: Primi 620 km in e-Up! con soddisfazione assoluta

Messaggioda carlo.marchesini » 29/02/2020, 14:59

Congratulazioni...complimenti...e grazie perchè con la sua macchina "solare" inquina 0 ed indica la strada del futuro per tutti noi...in versione autocarro è ancora più bella!! .. ;-)

Avatar utente
sergio.enrietta
Messaggi: 76
Iscritto il: 25/12/2019, 20:44

Re: Primi 620 km in e-Up! con soddisfazione assoluta

Messaggioda sergio.enrietta » 29/02/2020, 15:40

:mrgreen:
Più che di autocarro, sarebbe meglio furgonetto multiuso.
Infatti la scelta è andata al minimo spazio occupato per il più favorevole rapporto capacità di carico.

Quanto a succhiare dalla rete, ho finito, ho già dato la disdetta al servizio elettrico. :D
In foto in alto a sinistra l'interruttore staccato da un mesetto. :P
Tra parentesi, mentre prima ero sempre con tensione ballerina verso il basso, adesso che invece sta stabile tra 228 e 233v, oltre a miglior servizio in casa, anche la ricarica va più veloce di quanto l'indicazione del cruscotto prevede per la ricarica completa col dispositivo in dotazione.
Io poi abitando in montagna, non devo caricare oltre l'ultima riga, pena dover frenare senza recupero nella obbligata discesa verso valle. :D

IMG_20200227_113011.jpg
IMG_20200227_113011.jpg (163.35 KiB) Visto 920 volte

Avatar utente
gianni.ga
Messaggi: 3282
Iscritto il: 17/12/2017, 20:29
Veicolo: Leaf Acenta 24kwh
Contatta:

Re: Primi 620 km in e-Up! con soddisfazione assoluta

Messaggioda gianni.ga » 29/02/2020, 18:12

Come fai quando è nuvoloso e d'inverno senza la rete elettrica?
Leaf 24 Kwh 2016, Evr 1, Fv 8 Kwp, caldaia ibrida Rotex 9kw, pdc acs 300 l schuco.
XM 1998, C5 2008, C5 2013.


mandaro
Messaggi: 315
Iscritto il: 24/10/2019, 9:59

Re: Primi 620 km in e-Up! con soddisfazione assoluta

Messaggioda mandaro » 29/02/2020, 18:13

sergio.enrietta ha scritto:Quanto a succhiare dalla rete, ho finito, ho già dato la disdetta al servizio elettrico.

Presumo quindi tu disponga di un robusto sistema di accumulo.
Ti permette di affrontare anche dei "black out" prolungati in condizioni di maltempo?
Oppure disponi anche di un gruppo elettrogeno di emergenza?

Avatar utente
sergio.enrietta
Messaggi: 76
Iscritto il: 25/12/2019, 20:44

Re: Primi 620 km in e-Up! con soddisfazione assoluta

Messaggioda sergio.enrietta » 01/03/2020, 10:49

Le vostre sono domande legittime, e sagge, infatti il mio caso è particolare quindi non per tutti valido:

- Intanto sono pensionato quindi posso gestire i viaggi con una certa facilità di variazione o soppressione.
- I miei percorsi ordinari sono dell'ordine dei 50 km o meno con punte del centinaio.
- Quando come me si è "estremista" ecologico, la vita viene scandita dalle previsioni del tempo, e in base a quelle programmo i miei comportamenti sia di casa che agricoli, ecc.
Quindi quando c'è il sole largheggio, quando è molto coperto mi faccio attento.
Ho un impianto surdimensionato con 6930 kWp, rispetto all'inverter da 5000watt, quindi con giornate di sole molta energia non viene prodotta, ma nelle giornate nuvolose o coperte la elevata superficie dei pannelli sempre mi fa almeno l'energia per la ricarica della batteria tampone di casa.
Questa se serve, anche con tempo nuvoloso, nelle ore centrali del giorno aggiunge al solare l'energia necessaria a ricaricare parzialmente l'auto.

Ovviamente è meno costoso e vincolante caricare dalla rete quando serve e amen, ma almeno per me sarebbe mancata quella motivazione del produrre e consumare in proprio.
Almeno per ora consideriamolo un lusso che mi è venuto gratuito da 18 anni di riscaldamento solare termico casalingo, e dall'aver scelto un'auto meno costosa delle più blasonate concorrenti.

mirko2016
Messaggi: 2357
Iscritto il: 23/08/2018, 20:03
Località: Alba

Re: Primi 620 km in e-Up! con soddisfazione assoluta

Messaggioda mirko2016 » 01/03/2020, 11:01

Beh però se ne fai una questione ecologica staccare la rete è quanto di più sbagliato tu possa fare, sprecherai un botto di energia in estate in mancata produzione che sarebbe finita in rete, in pratica il tuo apporto con un quasi 7 kW più batteria incide con meno benefici di un normale 4 kW senza batteria e con collegamento alla rete.

Domanda: ma esposizione? Non è troppo sovradimensionato su inverter da 5? Non c'è rischio che parta l'inverter e resti al buio?
FV: 4,55 kW qcells G5 inverter zucchetti - https://www.solarmanpv.com/portal/Termi ... ?pid=71510 - PDC aria aria: 2 LG Quadro 1 LG wifi artcool

Avatar utente
carlo.marchesini
Messaggi: 412
Iscritto il: 23/05/2018, 18:34

Re: Primi 620 km in e-Up! con soddisfazione assoluta

Messaggioda carlo.marchesini » 01/03/2020, 11:05

Complimenti. Mi inchino a tale idealismo e coerenza. Ha tutta la mia stima e considerazione. Lei è il Gerhard Gundermann della mobilità elettrica...lo stakanovista del risparmio energetico fino all'ultimo watt... Ancora grazie per il suo contributo al nostro ambiente!

Avatar utente
sergio.enrietta
Messaggi: 76
Iscritto il: 25/12/2019, 20:44

Re: Primi 620 km in e-Up! con soddisfazione assoluta

Messaggioda sergio.enrietta » 01/03/2020, 12:28

:o
Signor Carlo Marchesini mi confonde, ma anche gratifica alquanto, è raro essere capiti, lei poi lo fa con ancora più entusiasmo di quanto merito. :)

Adesso cercherò di spiegare le ragioni di questa scelta ben contestate da Mirko:

Comincio con una battuta:
Parafrasando potenza dei pannelli e potenza del motore.

Ma perché chi ha un'auto da 220 kmh non va sempre a tale velocità, andare più piano è uno spreco inammissibile! :mrgreen:

Quando anni fa sullo stesso tetto avrei potuto installare il fotovoltaico redditizio economicamente per 20 anni, per una mia coerenza spesso non capita, e forse a ragione, decisi di non farlo perché ero contrario alla legge che premiava anche i consumi personali, insomma secondo me si sarebbe dovuto solo finanziare l'energia immessa in rete.
Quella consumata andava pagata, questo al fine di incoraggiare soluzioni meno energivore.
Giusto o sbagliato questo fu il ragionamento e solo installai il solare termico.

Veramente avrei voluto anche il fotovoltaico a isola, ma le batterie di allora non mi rassicurarono circa la sostenibilità ecologica e anche funzionale.

Oggi con la batteria a supercondensatori, con un'aspettativa di vita maggiore della mia ho deciso per quel passo che aspettavo da vent'anni almeno.

Quando regalando l'energia che i miei pannelli potrebbero produrre, in più, non sarà un costo, io la regalerò con grandissimo piacere.

Quanto ai rischi per l'impianto dipende dalla tecnologia utilizzata, nel mio caso l'inverter ibrido prende dal fotovoltaico cosa gli serve, se non basta dalla batteria, se non basta da rete o da gruppo elettrogeno, ovviamente se presenti.
Si potrebbe anche chiamare UPS per certi versi.



Torna a “Volkswagen e-Up!, Skoda Citigoe iV e Seat Mii electric”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite