Quello che non si farà mai più viaggiando in elettrico

Spazio per segnalare nuovi modelli, tecnologie e novità riguardanti il mondo della mobilità elettrica.
Avatar utente
Cesare
Messaggi: 651
Iscritto il: 02/01/2016, 11:48
Contatta:

Quello che non si farà mai più viaggiando in elettrico

Messaggioda Cesare » 16/04/2017, 13:11

Una semplice foto che fa' capire di abbandonare i motori a scoppio@@@@ ;) ;) ;)

FB_IMG_1492340470127.jpg
FB_IMG_1492340470127.jpg (182.07 KiB) Visto 549 volte




Avatar utente
marco
Amministratore
Messaggi: 11669
Iscritto il: 29/12/2015, 13:41
Località: Reggio Emilia
Veicolo: Nissan Leaf
Contatta:

Re: Quello che non si farà mai più viaggiando in elettrico

Messaggioda marco » 16/04/2017, 19:25

Leggo Zero Motorcycles: in effetti la Zero FX io l'ho presa anche per questo motivo ... non so negli anni quanti pistoni, cilindri, valvole, cambi olio e filtri ecc. ho fatto per le mie moto passate.
Soprattutto nelle moto da competizioni infatti, i motori si mangiano come il pane, essendo che sono molto tirati.
Mi ricordo un manuale Honda, che indicava di cambiare il pistone ogni 7,5h :-(
Ora il motore elettrico dovrebbe invece durare un paio di milioni di km... che fa circa 50'000h: trova la differenza :-)
Nissan Leaf 24 kWh > Zero FX 7,2 kWh + Zero FX 5,7 kWh > Ninebot One E+ 320 Wh > FV 4,32 kWp

Alessandro1973
Messaggi: 292
Iscritto il: 29/01/2017, 12:19

Re: Quello che non si farà mai più viaggiando in elettrico

Messaggioda Alessandro1973 » 16/04/2017, 22:57

marco ha scritto:Soprattutto nelle moto da competizioni infatti, i motori si mangiano come il pane, essendo che sono molto tirati.
Mi ricordo un manuale Honda, che indicava di cambiare il pistone ogni 7,5h :-(
Ora il motore elettrico dovrebbe invece durare un paio di milioni di km... che fa circa 50'000h: trova la differenza :-)

visto la butti sull' agonistico ti dico che quei motori nascevano per uso stagionale; che senso aveva che durassero visto che l' anno seguente ci sarebbe stato una versione più performante.
La verità é che fin ora le rotture sono state minime nei motori elettrici anche perché ancora un mercato si nicchia. Aspetta che comincino a consumarsi i cuscinetti e i semiassi, e la frizione?il cambio?trasmissione? Non sono soggetti ad usura? Cosa posteranno quelli che per primi dovranno sostituire la batteria perché esausta o danneggiata e non più in garanzia (e anche quelli che l' hanno a nolo dovranno anticipare una franchigia sulla sostituzione). Aspettiamo.a vantare di aver scoperto il.santo Graal .

Alessandro1973
Messaggi: 292
Iscritto il: 29/01/2017, 12:19

Re: Quello che non si farà mai più viaggiando in elettrico

Messaggioda Alessandro1973 » 16/04/2017, 23:14

Per non parlare della.parte elettrica: c'è un rotore, uno statore, condensatori, resistenze e cavetterie varie e circuiti stampati. Se si rovinano le bronzine che tengono up rotore sono guai. Hai mai visto scoppiare un condensatore elettrolitico? Un cavo che deve reggere 400 volt pensi veramente che durerà tanto tempo?

valca
Messaggi: 535
Iscritto il: 27/10/2016, 20:36

Re: Quello che non si farà mai più viaggiando in elettrico

Messaggioda valca » 17/04/2017, 8:12

devono solo diminuire i prezzi d'acquisto ed e' fatta


Alessandro1973
Messaggi: 292
Iscritto il: 29/01/2017, 12:19

Re: Quello che non si farà mai più viaggiando in elettrico

Messaggioda Alessandro1973 » 17/04/2017, 14:04

valca ha scritto:devono solo diminuire i prezzi d'acquisto ed e' fatta

la mia paura è che quando caleranno i prezzi calerà anche la qualità.

Alemant
Messaggi: 63
Iscritto il: 03/07/2019, 10:57
Località: Bologna
Veicolo: BMW i3S 94Ah REX

Re: Quello che non si farà mai più viaggiando in elettrico

Messaggioda Alemant » 10/09/2019, 12:30

Purtroppo in ambito industriale anche i Bruschless non sono eterni, nulla lo è... a partire dai condensatori elettrolitici ai cuscinetti del motore elettrico, e guasti dell'avvolgimento dovuto all'utilizzo ad alte temperature.

ibxxx
Messaggi: 218
Iscritto il: 19/04/2019, 15:17
Località: OVARO

Re: Quello che non si farà mai più viaggiando in elettrico

Messaggioda ibxxx » 17/09/2019, 19:03

Avendo un laboratorio dove uso diversi forni a convenzione per la cottura, negli anni ho sempre preso forni usati per l'affidabilita ( hanno poca o niente elettronica rispetto ai nuovi) ed il basso costo dei ricambi in caso di rotture, i forni a convenzione per ristorazione hanno motori elettrici trifase non raffreddati, normalmente, almeno quelli vecchi che ho sempre usato, Zanussi, alpeninox etcc... L'ultimo motore cambiato leggendo la targhetta era del 1992, cambiato proprio pochi mesi fa, i ricambi si trovano ancora perchè i motori dei forni attuali sono fatti esattamente come negli anni '90 e quelli leggermente diversi basta qualche flangia o accrocchio per adattarli meccanicamente... e l'altro anno, se non mi sbaglio, ho cambiato un altro motore che aveva un altra trentina di anni.... sono motori che girano in posti angusti, con poca aria e molto calore generato dal forno, accessi ogni giorno tutto il giorno... ne macinano milioni di chilometri i motori elettrici, i cuscinetti restano intatti, perfetti... probabilmente si "cuociono" gli avvolgimenti, i motori delle auto, sempre trifase a corrente alternata sono, dovrebbero essere simili se non uguali, naturalmente più potenti e grossi.. La maggior parte viene anche raffreddata, a liquido di solito, e quindi non hanno il problema delle temperature o non dovrebbero averlo. Sono pronto a scommettere che anche loro possono durare senza manutenzione per molti e molti decenni

IMG_20190103_123020.jpg
IMG_20190103_123020.jpg (205.06 KiB) Visto 117 volte



Torna a “Novità e Notizie”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite