Renault Australia scoraggia l'uso di caricatori portatili

La vettura utilitaria realizzata dalla Renault a partire dal 2013: in pratica la versione ad alimentazione elettrica della Renault Clio.
alesab75
Messaggi: 151
Iscritto il: 22/03/2019, 14:11
Veicolo: Zoe Intens R110

Renault Australia scoraggia l'uso di caricatori portatili

Messaggioda alesab75 » 21/11/2019, 20:12

i proprietari di veicoli elettrici Renault hanno ricevuto un'email in cui si sconsiglia di utilizzare caricatori portatili come mezzo di ricarica principale affermando che potrebbe essere danneggiata la batteria ed invalidata la garanzia.

https://www.drivezero.com.au/cars/renau ... v-charger/

Considerando che la stessa Renault vende (o vendeva) a caro prezzo il suo Flexicharger, sembra una mossa commerciale per privilegiare la vendita dei dispositivi Z.E. ready


Zoe Intens R110


Avatar utente
marco
Amministratore
Messaggi: 12568
Iscritto il: 29/12/2015, 13:41
Località: Reggio Emilia
Veicolo: Nissan Leaf
Contatta:

Re: Renault Australia scoraggia l'uso di caricatori portatili

Messaggioda marco » 22/11/2019, 15:22

A meno che non vogliano fare una lotta ai dispositivi cinesi, spesso privi di qualunque controllo o certificazione?
Nissan Leaf 24 kWh ( waiting Opel Corsa-e) > Zero FX 7,2 kWh + Zero FX 5,7 kWh > Ninebot One E+ 320 Wh > FV 4,32 kWp

Kimera
Messaggi: 800
Iscritto il: 27/12/2018, 14:30

Re: Renault Australia scoraggia l'uso di caricatori portatili

Messaggioda Kimera » 22/11/2019, 15:36

Bene, uno dei principali vantaggi di un auto elettrica, è quella di poter fare il pieno a casa; la Renault è riuscita a far cadere anche questo vantaggio :lol:

Ok, si potrebbe installare una wallbox ma, a che costi? Cambio di contratto di fornitura elettrica, maggiori costi per kWh, ecc...
Insomma, tante grane tranquillamente evitabili acquistando un'altra auto elettrica.
Renault Zoe R240 Intens anno 2016
(ex C-Zero AFFIDABILISSIMA)

cagnulein
Messaggi: 12
Iscritto il: 07/12/2018, 14:10

Re: Renault Australia scoraggia l'uso di caricatori portatili

Messaggioda cagnulein » 22/11/2019, 15:50

Kimera ha scritto:Ok, si potrebbe installare una wallbox ma, a che costi? Cambio di contratto di fornitura elettrica, maggiori costi per kWh, ecc...

Mi è sembrato di capire qui sul forum che l'aumento del contratto sia un falso mito.
Correggetemi se sto dicendo un'eresia (parlo di zappi & co.)

marcober
Messaggi: 4687
Iscritto il: 17/05/2017, 10:59
Veicolo: Zoe Q90
Contatta:

Re: Renault Australia scoraggia l'uso di caricatori portatili

Messaggioda marcober » 22/11/2019, 15:59

Kimera ha scritto:Bene, uno dei principali vantaggi di un auto elettrica, è quella di poter fare il pieno a casa; la Renault è riuscita a far cadere anche questo vantaggio :lol:


non mi pare dica nulla di quello che capisci tu..dice che vuole che usi dispositivi ZE READY anche in casa.Lo fa per ragioni commerciali? di certo anche..ma in primo luogo per motivi di sicurezza tua e della tua auto
Renault vende il suo caricatore domestico (ovviamente ZE READY) e su questo non mi pare esprima alcuna remora di uso..ci mancherebbe, lo vende lei!
Che un caricatore cinese o non di qualità possa rovinare l'elettronica di bordo o la batteria..non ci vedo nulla di strano..cosa che non puo capitare su colonnine pubbliche che al contrario devono gia rispondere ai requisiti ZE READY, e dunque anche Renault se li fa bastare.



Ok, si potrebbe installare una wallbox ma, a che costi? Cambio di contratto di fornitura elettrica, maggiori costi per kWh, ecc...
Insomma, tante grane tranquillamente evitabili acquistando un'altra auto elettrica.

Non serve wall box..basta una green up con schuko
WB non significa per forza caricare sopra 10 A..sono regolabili e alcune modulanti in continuo
Il costo al kwh NON cambia anche se aumenti potenza

Insomma..tanta voglia di trovare problemi dove non esistono
ZOE Q90
FV: 15 kW Sunpower
Riscaldamento: PDC


Kimera
Messaggi: 800
Iscritto il: 27/12/2018, 14:30

Re: Renault Australia scoraggia l'uso di caricatori portatili

Messaggioda Kimera » 22/11/2019, 16:14

marcober ha scritto:dice che vuole che usi dispositivi ZE READY anche in casa.

Allora non capisci...

Quello che dice
that portable chargers “should only be used in rare cases to enable you to continue your journey”
quindi si riferisce a tutti i portable chargers.
Ribadito che Reault raccomanda esplicitamente quelli a muro e, non qualsiasi caricatore da muro ma, solo quelli con certificazione Z.e.
Renault just want to increase sales of “Z.E. Ready certified” wallboxes with unnecessary fear mongering
quindi proprio wallbox Z.E. cioè, quelli da muro e che abbiano questa certificazione.

Insomma, un altro scivolone da parte della Renault.

Anche perché, come giustamente dice l'articolo, se ci fosse un'evidenza con questo problema di caricare le Zoe e i Kangoo con i caricatori portatili, sarebbe quantomeno onesto specificarlo e avvertire con ogni mezzo di comunicazione di questo rischio, sopratutto come avviso prima o durante un acquisto di una delle sue vetture elettriche, invece come sempre, si limita a nascondere la cosa, al massimo lo fa presente in email al malcapitato che si sarà visto la batteria danneggiata e la Renault che evita di sostenere i costi della riparazione.
Insomma, nulla di nuovo. La Renault si conferma per quella che è... :roll:
Renault Zoe R240 Intens anno 2016
(ex C-Zero AFFIDABILISSIMA)

aventuri
Messaggi: 547
Iscritto il: 11/09/2018, 13:45
Veicolo: eGolf

Re: Renault Australia scoraggia l'uso di caricatori portatili

Messaggioda aventuri » 22/11/2019, 16:18

marco ha scritto:A meno che non vogliano fare una lotta ai dispositivi cinesi, spesso privi di qualunque controllo o certificazione?


beh, dai, sul "carichino" cinese IC-CPD AC, il rischio pratico di "guai" elettrici è abbastanza ridotto!

il percorso di potenza è completamente trasparente/passante.. c'e' giusto da verificare che la sezione dei cavi sia sufficiente per gli Ampere che passano! e non è detto che sia facile, visto che son inguainati.. al limite si controlla la temperatura per la prima ora di erogazione..

I cinesi, poi, hanno più esperienza e numeri di noi, credo, per il numero di EV in circolazione (sempre che carichino in casa come possiamo fare qui in UE.. non ne ho a più pallida idea. qualcuno ne sa?)

oltre alla potenza, al limite può funzionare male la parte di "negoziazione" PWM, e negare/ridurre la prestazione possibile (con tutte le idiosincrasie della modalità con cui si gestisce la corrente tra rete-cavo-EV, che ben conosciamo..)

BTW ne ho preso anche uno io, lo scorso 11.11, per provare e capire la loro proposizione di valore (a 136€!) :-)

il pacco dalla Spagna, mi è già arrivato, l'ho acceso.. (si accende!) e lo sto controllando bene, prima di attaccarlo al veicolo, quando arriva la eGolf.

nota bene che lo danno per fino a 20A (selezionabile oltre a 10-13-16) su Schuko (cioe' 4.4KW), quando non esiste una Schuko omologata per questa corrente (che io sappia..) e sui cavi c'è scritto sezione di 2.5mm2!! voglio proprio vedere come reagisce il sistema, in azione! se la temperatura decolla, andrò a tirargli il codino, al venditore! :-)

Andrea


[*] se poi ci sono precise omologazioni di legge di questi caricatori a cui riferirsi, per il fatto formale.. indicatemele, che vorrei essere allineato. ed andrò a chiedere al cinese se loro hanno il "bollino".

Cosa c'è scritto sull'etichetta di un IC-CPD a corredo del EV? qualcuno può fotografarla?
waiting the eGolf..

Carlo
Messaggi: 1741
Iscritto il: 23/11/2016, 22:33

Re: Renault Australia scoraggia l'uso di caricatori portatili

Messaggioda Carlo » 22/11/2019, 16:44

aventuri ha scritto:
marco ha scritto:A meno che non vogliano fare una lotta ai dispositivi cinesi, spesso privi di qualunque controllo o certificazione?


beh, dai, sul "carichino" cinese IC-CPD AC, il rischio pratico di "guai" elettrici è abbastanza ridotto!

il percorso di potenza è completamente trasparente/passante.. c'e' giusto da verificare che la sezione dei cavi sia sufficiente per gli Ampere che passano! e non è detto che sia facile, visto che son inguainati.. al limite si controlla la temperatura per la prima ora di erogazione..

I cinesi, poi, hanno più esperienza e numeri di noi, credo, per il numero di EV in circolazione (sempre che carichino in casa come possiamo fare qui in UE.. non ne ho a più pallida idea. qualcuno ne sa?)

oltre alla potenza, al limite può funzionare male la parte di "negoziazione" PWM, e negare/ridurre la prestazione possibile (con tutte le idiosincrasie della modalità con cui si gestisce la corrente tra rete-cavo-EV, che ben conosciamo..)

BTW ne ho preso anche uno io, lo scorso 11.11, per provare e capire la loro proposizione di valore (a 136€!) :-)

il pacco dalla Spagna, mi è già arrivato, l'ho acceso.. (si accende!) e lo sto controllando bene, prima di attaccarlo al veicolo, quando arriva la eGolf.

nota bene che lo danno per fino a 20A (selezionabile oltre a 10-13-16) su Schuko (cioe' 4.4KW), quando non esiste una Schuko omologata per questa corrente (che io sappia..) e sui cavi c'è scritto sezione di 2.5mm2!! voglio proprio vedere come reagisce il sistema, in azione! se la temperatura decolla, andrò a tirargli il codino, al venditore! :-)

Andrea


[*] se poi ci sono precise omologazioni di legge di questi caricatori a cui riferirsi, per il fatto formale.. indicatemele, che vorrei essere allineato. ed andrò a chiedere al cinese se loro hanno il "bollino".

Cosa c'è scritto sull'etichetta di un IC-CPD a corredo del EV? qualcuno può fotografarla?


Guarda, per esperienza personale uso uno ZENCAR da credo 2 anni (c'è in giro il topic che ho aperto in merito) e funziona tutt'ora benissimo.
Quando la schuko o il caricatore stesso raggiunge una temperatura troppo elevata automaticamente riduce la potenza fino a sospendere la carica e
non ha creato nessunissimo problema alla macchina o batteria.
Quindi da questa mia esperienza posso solo dirti che non è necessario fare come consiglia Renault Australia 8-) 8-) 8-) :lol: :lol: :lol:

aZoenzo
Messaggi: 319
Iscritto il: 29/11/2018, 15:39
Veicolo: Renault Zoe Q210 41
Contatta:

Re: Renault Australia scoraggia l'uso di caricatori portatili

Messaggioda aZoenzo » 22/11/2019, 17:08

Comunque anche Renault Italia ha sempre considerato il Flexi-charger come caricatore occasionale.
Quindi non vedo nulla di strano nel messaggio australiano.
https://www.renault.it/veicoli/auto-elettriche-e-veicoli-elettrici/master-ze/batteria-e-ricarica/ricarica-in-dettaglio.html#gref
Renault Zoe Q210 2013 + batteria 41 kWh powered by Power Cruise Control
Buon azoenzo a tutti!
www.aZoenzo.com
Simulatore costo ricarica www.aZoenzo.com/ricarica-dove-conviene

Kimera
Messaggi: 800
Iscritto il: 27/12/2018, 14:30

Re: Renault Australia scoraggia l'uso di caricatori portatili

Messaggioda Kimera » 22/11/2019, 17:17

aZoenzo ha scritto:Comunque anche Renault Italia ha sempre considerato il Flexi-charger come caricatore occasionale.
Quindi non vedo nulla di strano nel messaggio australiano.
https://www.renault.it/veicoli/auto-elettriche-e-veicoli-elettrici/master-ze/batteria-e-ricarica/ricarica-in-dettaglio.html#gref

Permettimi di dissentire.

Il messaggio "strano" c'è perché, un conto è sconsigliarlo e lasciare libera scelta all'utente finale ma, è tutt'altro conto negare la garanzia sulla batteria solo perché si è usato il carichino!
Ma scherziamo?
Fanno un powrtrain e un caricabatterie così di bassa qualità che potrebbe danneggiare la batteria e in tutta risposta, non ricoonoscono neanche la garanzia per una bassa qualità loro?

Per me è abbastanza grave, non so voi...
Renault Zoe R240 Intens anno 2016
(ex C-Zero AFFIDABILISSIMA)



Torna a “Renault Zoe”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 0 ospiti