Statuto Automobile Club Elettrico Italiano da modificare/integrare

Sezione dove proporre, promuovere e discutere di Eventi e Congressi legati alla mobilità elettrica
E-Liuis
Messaggi: 16
Iscritto il: 19/10/2019, 5:00
Località: Milano
Veicolo: e-Up

Statuto Automobile Club Elettrico Italiano da modificare/integrare

Messaggioda E-Liuis » 20/10/2019, 3:42

Pensavo ad un'associazione che curi gli interessi dei proprietari (o dei semplici utilizzatori) di autoveicoli elettrici, un po' come l'Aci, "il cui scopo era quello di raggruppare i proprietari di automobili, a quei tempi poco numerosi, di rappresentarli nei confronti delle autorità" come recita wikipedia. Un esempio di diritto che questa associazione potrebbe aiutare a garantire è quello della diffusione capillare di colonnine di ricarica: se un privato cittadino fa una richiesta di installazione al proprio comune, difficilmente verrà ascoltato. Se invece la richiesta viene fatta da un'associazione che rappresenta migliaia di cittadini, avrà un impatto maggiore. Allo stesso modo, un comunicato stampa di denuncia o di proposta inviato ai giornali (locali o nazionali) da parte di una grande associazione, avrà maggiore risonanza rispetto ad una lettera di un singolo lettore, che probabilmente non verrà neanche pubblicata. Dalle mie ricerche in rete e dalle vostre risposte, mi sembra di capire che non vi sia ancora nessuna associazione di questo tipo: in effetti siamo in una fase pioneristica della diffusione delle auto elettriche in Italia e credo che anche sul versante dell'associazionismo siamo in tale fase. Per tale motivo ho pensato di cercare su questo forum se qualcuno fosse interessato a prendere parte a questa associazione, che provvisoriamente ho chiamato Automobile Club Elettrico Italiano, per ricollegarmi all'Aci che fu pioneristico come noi. Credo inoltre che questo nome possa far capire alle istituzioni quanto questa associazione sia destinata a diventare un organo fondamentale della nostra Repubblica, come il suo "progenitore" che nel 1927 passò da associazione ad ente pubblico. Comunque il nome e l'intera struttura dell'associazione sono ancora un foglio bianco che dovremo compilare insieme: ho pensato di iniziare a fare la mia parte stendendo una bozza di statuto che vi invito a leggere e modificare/integrare. L'unione fa la forza!

1)E’ istituita l’Associazione Automobile Club Elettrico Italiano (di seguito denominato “Il Club” o A.C.E.I. ) con sede a... Si tratta di un’associazione a carattere nazionale apolitica ed apartitica senza fine di lucro che ha come obiettivi principali:
- la tutela degli interessi dei proprietari e degli utlilizzatori di autoveicoli elettrici, nonchè la loro rappresentanza nei confronti delle autorità.
- lo sviluppo dei quadri normativi, delle infrastrutture e di tutti gli altri elementi che favoriscano la diffusione, la frubilità e la convenienenza della mobilità elettrica.
- la sensibilizzazione dell’opinione pubblica e la diffusione di una cultura di massa della mobilità elettrica.

2)Per raggiungere gli obiettivi di cui al punto 1, il Club si impegna, tra le altre cose, a:
- organizzare incontri e formalizzare richieste vincolanti a Comuni, Regioni e Governo.
- pubblicare articoli su giornali locali e nazionali, nonchè partecipare a trasmissioni radio-televisive.
- stipulare convenzioni economiche con i produttori di automoibili elettriche, wall box ed accessori vari che garantiscano ai propri associati condizioni vantaggiose.
- organizzare nelle scuole e nelle autoscuole incontri di educazione stradale e sensibilizzazione verso la mobilità elettrica.
- organizzare eventi di carattere culturale e/o sportivo.
- stipulare accordi con le equipollenti Associazioni straniere per agevolare la circolazione dei veicoli elettrici in tutto il mondo.
- collaborare con le Università ed altri Enti scientifico-culturali.

3)I principi che ispirano l’operato del Club sono il risparmio energetico e il rispetto dell’ambiente.

4)L’operato del Club è totalmente libero e indipendente da qualunque azienda, ente o altra istituzione.

5)Sono Soci coloro che sottoscrivono la tessera dell’Associazione, la quale deve essere rinnovata ogni anno. I Soci accettano senza riserve le norme statutarie e regolamenti e ne fanno proprie le finalità. L'ammissione a Socio è subordinata all'accoglimento della domanda da parte del Consiglio Direttivo, il cui giudizio è insindacabile e contro la cui decisione non è ammesso appello. La domanda a Socio da parte di un minorenne, dovrà essere controfirmata da chi ne esercita la potestà.

6)I mezzi finanziari sono costituiti dalle quote associative, determinate annualmente dal Consiglio Direttivo, dai contributi di Enti, di privati, di associazioni, da oblazioni, lasciti, donazioni e da occasionali attività aventi lo scopo indicizzato al conseguimento delle finalità associative.

7)Gli organi dell'Associazione sono: a) l'Assemblea Generale dei Soci (Ordinaria e Straordinaria); b) il Presidente; c) il Consiglio Direttivo.

8)L'Assemblea Generale dei Soci è il massimo organo deliberativo dell'Associazione ed è convocata in riunioni ordinarie e straordinarie. Potranno prendere parte alle Assemblee Ordinarie e Straordinarie dell'Associazione solo i Soci in regola con il versamento della quota annua. Nessun Socio potrà essere rappresentato da altri. Vale l'eleggibilità libera degli organi amministrativi e direttivi ed il principio del voto singolo. Disciplina uniforme del rapporto associativo e delle modalità associative, volte a garantire l'effettività del rapporto medesimo, senza limiti temporali e con diritto di voto.

9)La convocazione dell'Assemblea Ordinaria avverrà normalmente entro il ………………... di ogni anno per l'approvazione, in particolare, del rendiconto consuntivo dell'anno precedente e del rendiconto preventivo dell'anno in corso. La convocazione dell'Assemblea, oltre che dal Consiglio Direttivo a seguito di propria deliberazione, potrà essere richiesta dalla metà più uno dei Soci, che potranno proporre l'ordine del giorno. In tal caso, la stessa dovrà essere convocata entro 30 giorni dal ricevimento della richiesta da parte del Presidente del Consiglio Direttivo.

10)Spetta all'Assemblea dei Soci: a) decidere sulla relazione morale e finanziaria del Consiglio Direttivo; b) deliberare sul rendiconto consuntivo e preventivo predisposto dal Consiglio Direttivo; c) eleggere il Consiglio Direttivo d) discutere ed approvare ogni altro argomento proposto dal Consiglio Direttivo.

11)Le eventuali modifiche al presente statuto potranno essere discusse e deliberate solo dall'Assemblea Straordinaria dei Soci e solo se poste all'ordine del giorno. Per tali deliberazioni occorrerà il voto favorevole di almeno 4/5 dei votanti, i quali rappresentino la metà più uno dei Soci.

12)Il Consiglio Direttivo, all'elezione del quale partecipano tutti i Soci maggiorenni riuniti in Assemblea, senza possibilità di deleghe, è composto da ……… membri e, nel proprio ambito, nomina il Presidente, il Vice Presidente, il Segretario, il Tesoriere ed altri eventuali incaricati. Il Consiglio Direttivo rimane in carica ……… anni ed i suoi componenti sono rieleggibili. Il Consiglio Direttivo si riunisce ogni qualvolta il Presidente lo ritenga necessario o lo richiedano gli altri Consiglieri. Le deliberazioni verranno adottate a maggioranza

13)Al Consiglio Direttivo spetta di: a) deliberare sulle domande di ammissione dei Soci; b) proporre all'Assemblea l'esclusione dei soci per morosità o indegnità, in conformità a quanto stabilito nel presente Statuto; c) assumere deliberazioni in merito al comportamento durante l'attività sociale dei Soci aderenti; d) adottare gli eventuali provvedimenti disciplinari che si rendessero necessari verso i Soci; e) redigere il regolamento dell'Associazione; f) redigere il rendiconto preventivo e consuntivo da sottoporre all'Assemblea, curare l'ordinaria amministrazione, deliberare le quote associative annue; g) fissare le date delle Assemblee Ordinarie dei Soci (da svolgersi almeno una volta l'anno); h) programmare l'attività dell'Associazione rispettando le direttive dell'Assemblea e le finalità dell'Associazione; i) determinare la qutoa di iscrizione annuale.

14)Il Presidente è il Legale Rappresentante dell’Associazione. Il Vice Presidente sostituisce il Presidente in caso di sua assenza o impedimento temporaneo, ed in quelle mansioni nelle quali viene espressamente delegato dallo stesso. Il Segretario cura l'esecuzione delle deliberazioni del Presidente, del Consiglio Direttivo e dell'Assemblea, redige i verbali delle riunioni, attende alla corrispondenza. Provvede alla conservazione delle proprietà dell'Associazione ed esegue i vari mandati del Consiglio Direttivo. Il Tesoriere cura la tenuta della contabilità e dei relativi documenti, prepara il rendiconto preventivo e consuntivo, predispone la relazione finanziaria sullo stesso e sottopone il tutto al Consiglio Direttivo.




sl45h
Messaggi: 319
Iscritto il: 24/03/2018, 20:37
Località: Udine

Re: Statuto Automobile Club Elettrico Italiano da modificare/integrare

Messaggioda sl45h » 20/10/2019, 9:31

... e la probabile sede? :roll:

sl45h
Twizy 80 (3 anni - 18500km) -> Zoe Intens R90 Grigio Titanio 41kWh - Fv 3.3 kWp - e-bike Scott E-Aspect 720 Bosch 400Wh 14600km - e-bike Focus Thron2 6.8 Bosch 625Wh
--- emission impossible ---

aventuri
Messaggi: 289
Iscritto il: 11/09/2018, 13:45
Veicolo: eGolf

Re: Statuto Automobile Club Elettrico Italiano da modificare/integrare

Messaggioda aventuri » 20/10/2019, 11:06

E-Liuis ha scritto:Pensavo ad un'associazione che curi gli interessi dei proprietari (o dei semplici utilizzatori) di autoveicoli elettrici, un po' come l'Aci, "il cui scopo era quello di raggruppare i proprietari di automobili, a quei tempi poco numerosi, di rappresentarli nei confronti delle autorità" come recita wikipedia....


hai fatto bene ad aprire il tema.. ma la prima obiezione è "perché l'ACI non può evolvere a farsi portavoce anche delle istanze della mobilità elettrica?", vedi un "conflitto di interessi"?

lo chiedo senza pregiudizio e senza interesse alcuno nell'ACI, che ritengo oggi sostanzialmente un "carrozzone" (con tutti i costi nascosti legati alla sovrapposizione di obiettivi con altri Enti della PA), vedi cose di questo tipo, seppur datate

Ritengo quindi che sarebbe una delle prime obiezioni che verrebbero sollevate. Bisognerà dare risposte circostanziate, per far evolvere l'idea..
waiting the eGolf..

E-Liuis
Messaggi: 16
Iscritto il: 19/10/2019, 5:00
Località: Milano
Veicolo: e-Up

Re: Statuto Automobile Club Elettrico Italiano da modificare/integrare

Messaggioda E-Liuis » 20/10/2019, 15:09

Ho lasciato la sede in bianco perchè tutto deve essere ancora deciso. la mail provvisoria per raccogliere le prime adesioni è clubacei2020@gmail.com
Non so se l'aci ha intenzione di creare una divisione dedicata alle auto elettriche: puoi provare a chiederglielo

marcober
Messaggi: 4414
Iscritto il: 17/05/2017, 10:59
Veicolo: Zoe Q90
Contatta:

Re: Statuto Automobile Club Elettrico Italiano da modificare/integrare

Messaggioda marcober » 20/10/2019, 17:04

formalizzare richieste vincolanti a Comuni, Regioni e Governo.


e come fai a imporre vincoli agli enti Pubblici? :lol:
ZOE Q90
FV: 15 kW Sunpower
Riscaldamento: PDC


E-Liuis
Messaggi: 16
Iscritto il: 19/10/2019, 5:00
Località: Milano
Veicolo: e-Up

Re: Statuto Automobile Club Elettrico Italiano da modificare/integrare

Messaggioda E-Liuis » 20/10/2019, 18:57

Come da titolo, lo statuto deve essere modificato ed integrato, non deriso. Invito marcober a sottostare alle istruzioni e alle regole del forum, considerando per di più che egli ha dichiarato che non ha bisogno di un'associazione.

sl45h
Messaggi: 319
Iscritto il: 24/03/2018, 20:37
Località: Udine

Re: Statuto Automobile Club Elettrico Italiano da modificare/integrare

Messaggioda sl45h » 20/10/2019, 21:38

diciamo che il tuo, per il momento, è un sondaggio? Chiaramente non può essere un impegno vincolante in quanto non si conoscono ancora la quota di adesione e la sede (per essere più partecipi, ad esempio...) mentre per la parte meramente "burocratica" bisogna sottostare a quanto richiesto dagli atti costitutivi delle associazioni. Mi sembra che bastino 3 soci ed una domanda alla agenzia delle entrate per poterla fondare, sarà necessario un indirizzo e qualcuno che cominci a sbrigare tutte le carte necessarie, da come ti poni immagino saresti disponibile a svolgere tutte le incombenze del caso... giusto per capire un po' di più.
grazie

sl45h
Twizy 80 (3 anni - 18500km) -> Zoe Intens R90 Grigio Titanio 41kWh - Fv 3.3 kWp - e-bike Scott E-Aspect 720 Bosch 400Wh 14600km - e-bike Focus Thron2 6.8 Bosch 625Wh
--- emission impossible ---

E-Liuis
Messaggi: 16
Iscritto il: 19/10/2019, 5:00
Località: Milano
Veicolo: e-Up

Re: Statuto Automobile Club Elettrico Italiano da modificare/integrare

Messaggioda E-Liuis » 21/10/2019, 9:17

Sì, è proprio un sondaggio per capire se qualcuno è interessato a fare anziché digitare ;)

marcober
Messaggi: 4414
Iscritto il: 17/05/2017, 10:59
Veicolo: Zoe Q90
Contatta:

Re: Statuto Automobile Club Elettrico Italiano da modificare/integrare

Messaggioda marcober » 21/10/2019, 9:33

Ma quali campi di interesse non sono oggi sviluppati in modo appropriato da CLASSONLUS?

Ci lamentiamo che i vari gestori hanno sviluppato poco il roaming e interoperabilità...che dovrebbero unirsi e fare le cose insieme..e poi qualcuno ipotizza di fondare ennesima associazione invece di "unire gli sforzi"?
ZOE Q90
FV: 15 kW Sunpower
Riscaldamento: PDC

aventuri
Messaggi: 289
Iscritto il: 11/09/2018, 13:45
Veicolo: eGolf

Re: Statuto Automobile Club Elettrico Italiano da modificare/integrare

Messaggioda aventuri » 21/10/2019, 9:45

E-Liuis ha scritto:Sì, è proprio un sondaggio per capire se qualcuno è interessato a fare anziché digitare ;)


cavolo, ti sei iscritto il 19.10 e già hai capito che qui la gente passa il tempo giusto a "digitare"..

posso chiederti da quanto tempo frequenti il forum, precedentemente?

la mia impressione è che sei partito in una maniera piuttosto "aggressiva", per venderci il tuo "prodotto", poi vedi tu eh..
waiting the eGolf..



Torna a “Convegni e Meeting”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 0 ospiti