Storia dell'unica colonnina Enel X dell'Appennino Emiliano

Il più grande operatore elettrico d'Italia e la seconda utlity quotata d'Europa per capacità installata.
Avatar utente
marco
Amministratore
Messaggi: 11644
Iscritto il: 29/12/2015, 13:41
Località: Reggio Emilia
Veicolo: Nissan Leaf
Contatta:

Storia dell'unica colonnina Enel X dell'Appennino Emiliano

Messaggioda marco » 08/04/2019, 9:46

Volevo fare una piccola riflessione sulla nascita dell'unica colonnina a gestione Enel X attualmente presente sull'Appenino Emiliano... una vera "mosca bianca", come visibile da questo screenshot del sito Eneldrive:

colonnina appennino emiliano.jpg
colonnina appennino emiliano.jpg (247.24 KiB) Visto 864 volte


La storia parte circa due anni fa, quando di colonnine in circolazione ce n'erano molto meno e sopratutto mancavano le fast, e noi con la nostra Nissan Leaf provavamo a costruire dei percorsi per arrivare al di la delle montagne.

Avevamo da poco aperto la via per il passo del Cerreto > viaggio-in-leaf-da-reggio-emilia-a-cerreto-laghi-t321.html arrivando poi in seguito anche a La Spezia e paesi vicini, ma volevamo fare lo stesso anche nel territorio Parmense (il Cerreto è nel reggiano) approfittando anche del fatto che sulle basse colline di Parma vi era a suo tempo una strategica colonnina, ora non più funzionante > colonnina-carbognani-via-cascinapiano-25-langhirano-pr-t741.html

Partivamo quindi da casa, rabboccavamo a Langhirano e poi andavamo su per le montagne ad esplorare. In base all'esperienza fatta sul Cerreto, avevo circa idea di dove sarei potuto arrivare con il pieno (a suo tempo non c'era il Power Cruise Control) per cui una delle tante volte avevo battezzato Berceto e contattato i vari ristoranti in zona per sapere se mi avrebbero fatto ricaricare durante il pranzo.

Arrivammo così a Berceto, dove caricammo in un ristorante durante il pranzo: a fine pranzo chiesi anche se potevamo continuare un attimo la ricarica mentre facevamo un giro per il paese, ma al nostro ritorno la presa ci era stata scollegata. Poco importa, non tornammo più in quel ristorante ma quella breve esplorazione a piedi ci fu sufficiente per trovare queste prese di mercato che poi provammo in seguito con successo > prese-in-piazza-bosco-berceto-pr-t948.html

Dopo averle testate, scrissi poi al comune per chiedere se in seguito avremmo potuto ricaricare li, e ci fu risposto che non c'erano problemi. Tante altre volte andammo a Berceto a ricaricare, ed allo stesso tempo ad esplorare tutti i ristoranti vicino (tranne quello iniziale ovviamente) fino a quando un bel giorno comparve la colonnina > colonnina-enel-22-kw-berceto-pr-t3382-10.html

Sarà un caso? Non credo, anche perché il comune di Berceto è molto lungimirante e lo si capisce anche solo girando per il paese a piedi, ed avendo loro visto che c'era questo tipo di richiesta... quando c'è stata l'occasione avranno contattato Enel X (o saranno stati contattati?) ed ecco qui la colonnina, l'unica dell'appennino.

Ho voluto raccontato questa storia perché possa servire come spunto per far sorgere altre colonnine: esplorate se potete le vostre zone, cercate prese, contattate i comuni... e piano piano spunteranno colonnine come funghi, e l'ambiente ringrazia. Speriamo che possa avvenire la stessa cosa anche a Calestano > prese-calestano-pr-via-ugo-magri-t5239.html , come anche in tanti altri paesi d'Italia.


Nissan Leaf 24 kWh > Zero FX 7,2 kWh + Zero FX 5,7 kWh > Ninebot One E+ 320 Wh > FV 4,32 kWp


Torna a “Enel”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite