I miei primi 300 km con la Vespa Elettrica: recensione

Scooter elettrico di casa Piaggio dotato di una potenza di picco di 4kW ed un'autonomia di 100km
zampaz
Messaggi: 10
Iscritto il: 08/04/2019, 19:21
Località: Torino
Veicolo: Vespa

I miei primi 300 km con la Vespa Elettrica: recensione

Messaggioda zampaz » 15/06/2019, 15:59

Ciao a tutti ,
Colgo l'occasione di presentare la mia nuova Vespa elettrica dopo qualche centinaio di km...con le mie personalissime impressioni
qui alcune foto.
Immagine
Immagine
trequarti.jpg
trequarti.jpg (72.97 KiB) Visto 804 volte



Parto dalle conclusioni: Per il tipo di utilizzo che stavo cercando cioè esclusivamente urbano sono molto soddisfatto:
design e tecnologia all avanguardia, zero emissioni, comoda, agile, sicura, stabile e con buona autonomia , ottime prestazioni anche con passeggero e in salita. Ricarico praticamente 1 volta a settimana e saluto il benzinaio con l'altra mano.
15 km /h in più di velocità di punta e avrei avuto il mezzo urbano perfetto.

"Unpacking"
Oltre allo scooter nella "confezione" troviamo:
- un corposo manuale cartaceo multilingue, circa un 120 pagine per ogni lingua… Fatto bene con sezioni e illustrazioni chiare. indispensabile la lettura.

Immagine
- una scatolina in metallo con all interno una chiavetta usb elegante quanto inutile.
contiene le brochure in pdf ita e eng e 2 video stra visti su youtube…ma perchè qs gadget ? è assolutamente inutile…almeno ci fosse la versione pdf del manuale, qualcosa sull iniziativa benefica Vespa for Children, una bella presentazione tecnica, consigli e suggerimenti, un backstage sulla progettazione e assemblaggio ..invece ….nulla di tutto ciò…qui si poteva fare di meglio.

- una chiave per regolare ammortizzatore posteriore. Utile

- Adattatore per presa shuko. Indispensabile se si vuole ricaricare a casa o con prese domestiche.

Avendo preso il bauletto la maniglia posteriore è sostituita con una versione ad hoc e mi hanno lasciato quella originale. Bene.

Display Funzioni, connettività
una lunga sezione del manuale è dedicata alle spiegazione degli indicatori presenti sul cruscotto e delle funzionalità del display. da leggere perché sono molti e non tutti immediati.
Il display è comunque ben organizzato, chiaro e di semplice gestione tramite menu azionabile da tastierino ad hoc sul lato dx del manubrio
Oltre ai ben noti settaggi per le mappature di guida power, eco e reverse, l'unica funzione di rilievo gestibile dall utente è quella del KERS che determina il livello del freno motore e conseguente ricarica in decelerazione. Settabile su 2 step.
Inoltre è possibile settare un avvisatore acustico ( non il clacson ma una sorta di "cicalino" stile furgoncino della raccolta rifiuti in retro… :lol: ) che automaticamente suona al disotto di una determinata velocità o attivabile manualmente. Da tenere presente.
Immagine
Comunque un bel display, leggibile giorno e notte e ben organizzato. Ha la modalità dark…oggi di gran moda vedi IOS Apple…..automatica col calare della luce oppure settabile manualmente. Ottimo

Nel cassettino c'è una presa usb che può essere usata per ricaricare il cell. Utile.
Immagine


Collegamento smartphone.
Dal menu è possibile accoppiare il proprio cellulare con la vespa . Occorre scaricare app ios o android dagli store , registrarsi ( ormai tutti raccolgono tutti i dati…) e procedere collegando via Bluetooth il cellulare alla Vespa….stesso sistema di paring di qualsiasi apparato BT o automatico.
Se utilizzato con casco BT o con una cuffia BT le chiamate possono essere gestite direttamente con un tasto sul manubrio così come pure la musica. Numeri e e messaggi compaiono sul display.…Funzionale e utile.
Occhio che se il telefono è collegato alla vespa e non avete cuffie o casco collegato l'audio delle vostre telefonate dovrà essere manualmente settato in vivavoce …dal telefono…sennò non si sente nulla..resta infatti dirottato nel nulla…forse unico problema nel sistema o incentivo a comprare casco con BT.


Vespa App: invece non mi ha completamente soddisfatto… raccoglie alcune informazioni sulla velocità, i consumi, la distanza percorsa, cicli di ricarica effettuati e fornisce ultima posizione del veicolo dopo che vi siete scollegati o avete spento lo scooter.
Immagine

I grafici hanno forse una scala più adatta alla vespa termica e alla sua autonomia …e sono quindi poco "leggibili" per le distanze tipiche dell utilizzo della vespa elettrica.
Immagine
Credo, come al solito, che tutte le informazioni saranno inviate e analizzate da Piaggio…i dati sono la nuova moneta.( Felice di essere smentito)
Ha una modalità realtime in cui vengono visualizzati dati e consumi in tempo reale: una sorta di telemetria. Onestamente…non ne capisco bene la sua utilità: o guido e uso display vespa, o uso display del telefono e sono fermo….Meh.
Immagine
il resto è tutto abbastanza inutile paccottiglia marketing con link al sito vespa o sticker per abbellire le foto per i social… e altre amenità ormai onnipresenti ... Forse sono solo troppo vecchio per il target.
Immagine
Salvo i numeri di telefono e la mappa di rivenditori e assistenza…ma si poteva fare molto meglio….credo e spero che ci saranno aggiornamenti..tipo navigazione turn by turn sul display della vespa come per la versione supertech.
Immagine
Aggiungo che inserire un vero gps decente sfruttando la carrozzeria come antenna poteva fornire dei servizi di localizzazione interessanti e utili e credo non ad un costo eccessivo.

il manuale dell app è in inglese..per me ok…ma localizzarlo potrebbe aiutare chi non conosce inglese. Cmq dettagli.
Immagine

Impressioni di guida.

Arrivo da una Vespe ET4 150 ma devo dire che le impressioni sono più che positive. Utilizzata pressoché sempre in modalità power. è agile, ben equilibrata, con sospensioni e freni adeguati anche se manca ABS. Trasmette sicurezza e tranquillità. Per i miei spostamenti esclusivamente urbani è veramente un gran bel mezzo di trasporto.
Accelerazione è molto controllata, nessuna partenza fulminea, no strappi o partenze brucianti…tutto molto omogeneo, controllato da una lunga corsa della manopola dell acceleratore. In breve si raggiungono cmq i 45/50 kmh ed entra il limitatore.
Da subito ci si rende conto che il motore potrebbe spingere ancora ma i limiti di omologazione sono il vero limite…passatemi la ripetizione…quindi si va piano. :roll:
In città nel traffico si svicola con piacere anche se nei corsi più scorrevoli il limitatore si fa sentire…e quindi si sta a DX tranquilli.
La gestione del motore è sempre molto fluida, morbida, nei primi metri e a basse velocità 25,30 km/h è davvero ottimale; oltre invece manca un pò di carattere e rapidità…manca un pò di "vesposità"...
Un pò più di brio e velocità sarebbero state il massimo ma si è deciso un posizionamento nei imiti dell'omologazione del ciclomotore; scelta forse discutibile ma credo in ultima analisi sensata per l'utilizzo per cui qs mezzo è pensato.
Percorsi brevi 7/8 km in città congestionate o super congestionate sono il terreno ideale per qs mezzo che è da considerare, ripeto, esclusivamente per uso urbano. Quindi valutate se può fare per voi.
Le altre mappature: Modalità Eco…onestamente l'ho provata per 15 min. e poi mai più. Modalità Revese , la retromarcia: provata più per gioco che per reale necessità..qui il cicalino tipico dei furgoncini della raccolta rifiuti è sempre attivo. :lol: Non è un mezzo così pesante ma male non fa.
Con passeggero i consumi aumentano ma le prestazioni restano molto simili, quasi invariate. il che è positivo. Il motore c'è.
Differenze di guida rispetto al termico:
In breve si impara a sfruttare il KERS usando meno i freni e più il freno motore, con una guida attenta si può migliorare autonomia.
Quando la batteria è al 100% il KERS non entra, dal momento che la batteria è già completamente carica, per cui se la sera si è ricaricato occhio che al mattino l'effetto del freno motore sembra scomparire…almeno fino a quando la batteria non cala un pò.
Da non sottovalutare la silenziosità. I pedoni non vi sentono arrivare…quindi occorre particolare prudenza ai passaggi pedonali senza semaforo e ovunque vi siano pedoni. Non sembra ma il livello di attenzione dei pedoni è veramente molto basso. :shock: Siamo infatti abituati da decenni a reagire esclusivamente al rumore del veicolo in avvicinamento…quindi una differenza rispetto al rumoroso motore termico da tenere in considerazione nell' utilizzo di un mezzo elettrico.
Da valutare utilizzo "cicalino" per segnalare vs presenza..meno cafone del clacson. In ogni caso ho notato che serve più di attenzione ai pedoni rispetto al termico.
Non ho trovato invece particolari differenze nella guida nel traffico: Chi non vi vedeva prima non vi vede nemmeno adesso…Occorre avere sempre 4 occhi e gli automobilisti rincoglioniti e distratti da cellulari sono sempre di più…ma questo purtroppo è un problema che chiunque utilizzi un due ruote nel traffico già conosce. Quindi prudenza sempre.

Batterie
sono presenti 2 batterie, quella di trazione e quella di " servizio". tutto ben spiegato nel manuale…la batteria di servizio, inserita nel tunnel della pedana poggiapiedi, ha una dimensione e capacità limitata e quindi tra display, luci sempre accese ecc, è opportuno non caxxeggiare troppo a lungo sui menù per evitare che si scarichi….quindi sempre meglio dopo aver acceso il veicolo inserire la batteria di trazione ( quella principale per intenderci) che provvederà a caricare anche quella di servizio. Nel manuale sono spiegate chiaramente modalità per partire anche se batteria di servizio è scarica…quindi RTFM...leggete il manuale.
Autonomia buona circa 75 - 80 km in città senza particolari accorgimenti nella guida. Ottimo.
Non si avverte nessun calo di prestazioni fino a quando non si arriva intorno al 15% - 10% della capacità della batteria…da qui si avverte una minore prontezza…nulla di importante ma si sente…credo sia voluto per evitare di prosciugare e danneggiare le costose batterie.


Ricarica
Bisogna ammettere che qui è stato fatto un ottimo lavoro : 4 ore se la batteria è a zero. Un tempo davvero buono che si riduce tranquillamente a 3 se ricaricate prudenzialmente dal 20%. Super.
Quando sono sotto carica partono ventole per raffreddare le batterie..il display si accende segnalando il tempo necessario alla ricarica.
…tutto pare ben gestito e controllato. Addio benzinaio…
A cercare il difetto posso dire di aver trovato il cavo di ricarica forse un pò troppo rigido, è cmq ben alloggiato nel sottosella anche se il tappo e la relativa chiusura potevano forse essere studiati meglio: è presente infatti un piccolo micro interruttore che ne verifica il corretto inserimento che ha l'aria di essere abbastanza delicato quindi occorre prestare attenzione al corretto e cauto inserimento del tappo per evitare di danneggiarle questo piccolo interruttore.
Immagine


Design
Super, 100% Vespa, 100% made in italy, stilosa, classico intramontabile ma moderno. Ero e sono vespista per cui il mio giudizio non è obiettivo... ma scooter cinesi sono mediocri o brutte copie, Askolll peserà poco ma…insomma inguardabile. Poi se potete spendere di più, molto di più ...ci sono altre categorie di moto.

Sono solo ai primi 300 km ma sono decisamente soddisfatto, il prezzo con incentivo statale per la rottamazione la rende equiparabile al termico senza incentivo. Cara certo, abbastanza… ma è un ottimo mezzo, moderno e per il mio tipo di utilizzo esclusivamente urbano è ideale.
Nella regione in cui vivo i veicoli full electric sono esentati dal bollo e l' assicurazione RC è contenuta, quindi altra nota positiva.
Per cui se avete da rottamare e pensate ad un mezzo urbano…fateci un pensiero.

è verosimile che in futuro presenteranno modelli più performanti che insieme ad un miglioramento di tutto il ciclo di produzione e smaltimento delle batterie porteranno ad un progressivo abbassamento dei prezzi con probabile aumento della diffusione dell' elettrico.

Sta a noi crederci e cambiare abitudini e anche un pò alla politica agevolare questa trasformazione.
Siamo tutti sullo stesso caxxo di pianeta…e non è messo molto bene.

Per ora è tutto.
Grazie di essere arrivati fin qui.
Se avete domande o curiosità ...proverò a rispondere.




Avatar utente
marco
Amministratore
Messaggi: 10193
Iscritto il: 29/12/2015, 13:41
Località: Reggio Emilia
Veicolo: Nissan Leaf
Contatta:

Re: I miei primi 300 km con la Vespa Elettrica: recensione

Messaggioda marco » 15/06/2019, 17:50

zampaz ha scritto:Modalità Revese , la retromarcia: provata più per gioco che per reale necessità..qui il cicalino tipico dei furgoncini della raccolta rifiuti è sempre attivo. :lol: Non è un mezzo così pesante ma male non fa.


Io non capisco perché non implementino questa funzione in tutti i veicoli elettrici, anche perché è questione di un pulsante o poco più ed in alcune situazioni farebbe molto comodo.

L'anno scorso per esempio mi sono piantato con la Zero in una discesa stretta in mezzo ai rovi, un sentiero in cui una volta si passava ma poi c'è cascato un grosso albero e nessuno lo ha più riaperto. Nonostante fossimo in due persone con due moto è stato un casino tornare su perché non c'era abbastanza spazio per girare le moto, ma se avessi avuto la retromarcia...

Tornando però alla Vespa, come la attivi? Mi pare che con il Vectrix si girasse la manopola al contrario. Poi magari divido il thread così teniamo bello ordinato e cominciamo a popolare la sezione.
Nissan Leaf 24 kWh > Zero FX 7,2 kWh + Zero FX 5,7 kWh > Ninebot One E+ 320 Wh > FV 4,32 kWp

tonyelle
Messaggi: 764
Iscritto il: 30/01/2017, 11:36

Re: I miei primi 300 km con la Vespa Elettrica: recensione

Messaggioda tonyelle » 15/06/2019, 17:56

Bellissima finalmente uno scooter elettrico che non sembri una “cinesata”....tralasciando bmw c evolution...
|Ex Zoe 22kwh-41kwh>Tesla Ms100kwh-twizy 80-Smart ED<|

Avatar utente
selidori
Messaggi: 5525
Iscritto il: 14/02/2016, 11:17
Località: Milano
Veicolo: Leaf2018
Contatta:

Re: I miei primi 300 km con la Vespa Elettrica: recensione

Messaggioda selidori » 16/06/2019, 20:43

Che bello leggere di un utente e possessore e di un prodotto elettrico italiano!!!

Due osservazioni:
- accidenti cadono sul software e sui 'gadget'. Sembra che nessuno curi questi particolari. Come dici, se regalano una USB sarebbe bello ci mettessero qualcosa di utile. L'app poi dici è bella ma di fatto non ha senso in tempo reale ed ha un fondoscala scemo...
- non me ne intendo di scooter/moto ecc ma spesso citi la cosa dei 45km/h. Ma non c'e' una omologazione superiore? Ed esiste una vespa elettrica od è prevista per quelle superiori velocità? che poi magari (come dici) basta 60km/h....

Una domanda:
ma esiste anche un sito web dove consultare e magari esportare/conservare i dati storici? O tutto via telefono? Questo eccessivo uso del cellulare per tutto non mi sta piacendo: va bene per 2 dati al volo letti in mobilità, ma uno storage pieno, completo, eterno devi averlo su un computer!
Anche perchè ho tantissimo paura che domani esce android 16 o iphone 96 e se non te lo comperi non vedi nessun dato (sempre che, ovviamente loro comunque facciano al versione per android16/ios96). Vero che anche pure il pc tende ad aggiornarsi, ma insomma un browser dura un po' di più e se poi puoi esportarti i dati (almeno nel grezzissimo CSV) ti rimane qualcosa seppur ostico da guardare.
AUTO ELETTRICHE: Immatricolazioni | gamma | agevolazioni | circuiti
MOBILITA ELETTRICA: Eventi |

Avatar utente
marco
Amministratore
Messaggi: 10193
Iscritto il: 29/12/2015, 13:41
Località: Reggio Emilia
Veicolo: Nissan Leaf
Contatta:

Re: I miei primi 300 km con la Vespa Elettrica: recensione

Messaggioda marco » 16/06/2019, 21:59

selidori ha scritto:citi la cosa dei 45km/h. Ma non c'e' una omologazione superiore? Ed esiste una vespa elettrica od è prevista per quelle superiori velocità? che poi magari (come dici) basta 60km/h....


La Vespa Elettrica equivale al vecchio cinquantino: il salto successivo è l'equivalente del 125, tipo il NIU NGT. Il cinquantino credo che sia adatto giusto ai quattordicenni perchè sono alle prime armi, ma già in città può avere delle limitazioni, solo che vai in circonvallazione.

Spero che esca presto una Vespa che non abbia quella limitazione: sarebbe secondo me in grande successo commerciale.
Nissan Leaf 24 kWh > Zero FX 7,2 kWh + Zero FX 5,7 kWh > Ninebot One E+ 320 Wh > FV 4,32 kWp


zampaz
Messaggi: 10
Iscritto il: 08/04/2019, 19:21
Località: Torino
Veicolo: Vespa

Re: I miei primi 300 km con la Vespa Elettrica: recensione

Messaggioda zampaz » 16/06/2019, 22:47

selidori ha scritto:Che bello leggere di un utente e possessore e di un prodotto elettrico italiano!!!

Pochi ma buoni :D
selidori ha scritto:Due osservazioni:
- accidenti cadono sul software e sui 'gadget'. Sembra che nessuno curi questi particolari. Come dici, se regalano una USB sarebbe bello ci mettessero qualcosa di utile. L'app poi dici è bella ma di fatto non ha senso in tempo reale ed ha un fondoscala scemo....

per quel che riguarda le tue osservazioni:
Molto spesso con il software e le app si utilizzano gli utenti come beta tester: quindi escono premature...poi con il tempo migliorano...speriamo sia così anche per quella di vespa. Anche se non è così "acerba"..

selidori ha scritto:- non me ne intendo di scooter/moto ecc ma spesso citi la cosa dei 45km/h. Ma non c'e' una omologazione superiore? Ed esiste una vespa elettrica od è prevista per quelle superiori velocità? che poi magari (come dici) basta 60km/h....

La vespa elettrica esiste sia in versione 45 km/h ,omologata quindi come ciclomotore, sia in versione 52 km/h omologata come motociclo.
Qs ultima costa qualcosa di più, ma sostanzialmente da quel che mi è stato detto dal dealer, è identica alla versione omologata come ciclomotore semplicemente con mappature leggermente diverse.
Il motivo, almeno da quel che ho capito, era legato al fatto che inizialmente gli incentivi per la rottamazione erano possibili solo tra stesse categorie di omologazione, quindi per non perdersi le possibile vendite di chi avrebbe rottamato motociclo Piaggio ha tirato fuori qs versione.
Poi dopo veementi proteste qs vincolo è stato eliminato quindi ora è possibile usufruire dell' incentivo indipendentemente dal tipo di termico che si rottama. vedi FAQ n 22 >https://ecobonus.mise.gov.it/faq/contributi-e-modalita-di-accesso

Per farla breve: Non so se vale la pena ...qs è una decisone personale...già è abbastanza cara di suo e spendere altre centinaia di ero tra costo del veicolo e immatricolazione per pochi km/h in più...se fossero 60/70...ci potrei pensare...52 cambia poco...proprio perché la vespa elettrica è la stessa.

selidori ha scritto:Una domanda:
ma esiste anche un sito web dove consultare e magari esportare/conservare i dati storici? O tutto via telefono? Questo eccessivo uso del cellulare per tutto non mi sta piacendo: va bene per 2 dati al volo letti in mobilità, ma uno storage pieno, completo, eterno devi averlo su un computer!
Anche perchè ho tantissimo paura che domani esce android 16 o iphone 96 e se non te lo comperi non vedi nessun dato (sempre che, ovviamente loro comunque facciano al versione per android16/ios96). Vero che anche pure il pc tende ad aggiornarsi, ma insomma un browser dura un po' di più e se poi puoi esportarti i dati (almeno nel grezzissimo CSV) ti rimane qualcosa seppur ostico da guardare.

Dati:
Non mi pare esista modo di esportare e conservare i dati: le statistiche fanno riferimento agli ultimi 30 viaggi, mentre le attività sono tutte memorizzate.
Tutto è sul cellulare..e sempre di più lo sarà. il pc ormai lo usiamo noi vecchi....sarebbe interessante cmq avere qs possibilità magari avere i dati in cloud legati ad un'utenza su un sito...potrebbero innestarsi anche interessati attività di marketing....classifica di "consuma" meno ...cmq non è detto che non implementino qs possibilità. Ma per ora nulla di tutto ciò...forse smanettando e cercando tra le cartelle del dispositivo si può tirare fuori qualcosa ma non saprei.

A presto

Avatar utente
marco
Amministratore
Messaggi: 10193
Iscritto il: 29/12/2015, 13:41
Località: Reggio Emilia
Veicolo: Nissan Leaf
Contatta:

Re: I miei primi 300 km con la Vespa Elettrica: recensione

Messaggioda marco » 16/06/2019, 23:04

zampaz ha scritto:il pc ormai lo usiamo noi vecchi


Voglio poi vedere come faranno i giovani a progettare macchinari o edifici, usare fogli di calcolo, scrivere programmi, montare video, fare grafica... con il cellulare :shock:
Nissan Leaf 24 kWh > Zero FX 7,2 kWh + Zero FX 5,7 kWh > Ninebot One E+ 320 Wh > FV 4,32 kWp

Avatar utente
selidori
Messaggi: 5525
Iscritto il: 14/02/2016, 11:17
Località: Milano
Veicolo: Leaf2018
Contatta:

Re: I miei primi 300 km con la Vespa Elettrica: recensione

Messaggioda selidori » 17/06/2019, 8:05

marco ha scritto:
zampaz ha scritto:il pc ormai lo usiamo noi vecchi


Voglio poi vedere come faranno i giovani a progettare macchinari o edifici, usare fogli di calcolo, scrivere programmi, montare video, fare grafica... con il cellulare :shock:
Dir la verità la mia paura è proprio quella: si separi il mondo in PROFESSIONISTI e UTENTI e se non sei professionista puoi fare un uso passivo dell'informatica facendo solo quello che vogliono loro, che hanno possibilità di manipolare e farti vedere solo quello che vogliono.
Non sono uno degli ossessionati da privacy, anzi usino tutti i miei dati e facciano quello che vogliono ma mi piacerebbe pure a me sapere se guido bene e tanto e poco e nel traffico giusto, oltre che a loro, perchè potrebbe migliorarmi la vita del prossimo anno, oltre che il loro prodotto fra 10.
Un'esempio è proprio dell'inesportabilità sempre più frequente: i dati sono nel cloud e solo loro: tu li puoi solo consultare, come e quando vogliono loro.
Altra cosa gravissima di questa strategia è che sei vincolato alle loro voglie ed alla loro esistenza. Mi è già capitato più di una volta (e capiterà ancora) che dall'oggi al domani cambiassero versione software e non andasse più sul mio hardware perdendo lo storico, oppure che dismettessero tale funzione o semplicemente l'azienda fallisse e con lei sparissero tutti i miei dati cloud (che erano, ovviamente, inscaricabili). Tutto questo lavoro e la mia vita, persa in un attimo.
AUTO ELETTRICHE: Immatricolazioni | gamma | agevolazioni | circuiti
MOBILITA ELETTRICA: Eventi |

felix
Messaggi: 11
Iscritto il: 23/06/2019, 12:19
Veicolo: vespa elettrica

Re: I miei primi 300 km con la Vespa Elettrica: recensione

Messaggioda felix » 24/06/2019, 18:49

Complimenti per la tua perfetta Prova dei 300 km.anche io nel mio piccolo contribuirò a promuovere qui in Germania dove vivo a pubblicizzare la vespa elettrica anche se trovo la velocità un punto in meno(10 km in più non erano male).cosa mi fa essere perplesso quando vendono accessori e non si riesce a farli funzionare parlo del casco non sono riuscito a collegarlo con il sistema (anche il concessionario mi ha fatto capire che sono cavoli miei) non so a chi rivolgermi!Aiuto

Avatar utente
selidori
Messaggi: 5525
Iscritto il: 14/02/2016, 11:17
Località: Milano
Veicolo: Leaf2018
Contatta:

Re: I miei primi 300 km con la Vespa Elettrica: recensione

Messaggioda selidori » 07/07/2019, 9:43

zampaz ha scritto:il manuale dell app è in inglese..per me ok…ma localizzarlo potrebbe aiutare chi non conosce inglese. Cmq dettagli.
Immagine
Forse qua si può anche avere il PDF:
http://manuals.vespa.com/
(chiedono il numero di telaio)
AUTO ELETTRICHE: Immatricolazioni | gamma | agevolazioni | circuiti
MOBILITA ELETTRICA: Eventi |



Torna a “Vespa Elettrica”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 0 ospiti