Pagina 1 di 1

Area sosta gratis per le auto elettriche si o no?

Inviato: 04/12/2018, 22:00
da Eugenio
Avevo capito che le auto elettriche potevano sostare gratis nelle strisce blu ma forse ho capito male, in alcune città si e i altre no?
Non si poteva fare una legge uguale per tutte le regioni? Possibile che un automobilista elettrico debba chiamare il comune della citta3che intende attraversare per sspere se la sosta è a pagamento oppure no?
A Roma le ibride non pagano ma l'ho scoperto dopo aver esposto sul parabrezza lo scontrino della sosta poiché un controllore gentile e onesto mi ha messo a conoscenza..

Re: Area sosta gratis per le auto elettriche si o no?

Inviato: 04/12/2018, 23:40
da AndreaBertani
La regolamentazione della sosta (disco orario, parcheggi a pagamento, ecc..) così come le ZTL, sono di competenza comunale. Pertanto sono i comuni a decidere in quali parti della città puoi sostare col disco orario, e per quanto, o a pagamento, e quanto paghi all'ora.
Allo stesso modo sono i comuni a decidere, nel proprio territorio, se certi mezzi tipo gli ibridi, gli elettrici, i veicoli a metano, ecc. possono entrare o meno in ZTL o possono parcheggiare gratuitamente (o a tariffe ridotte) nei parcheggi a pagamento.
E putroppo questo significa anche che ogni comune decide come organizzarsi per gestire i controlli, per cui il tagliando che ti viene rilasciato in un comune non vale in quello vicino, anche se in entrambi sei esentato.

Re: Area sosta gratis per le auto elettriche si o no?

Inviato: 05/12/2018, 8:45
da marco
Eugenio ha scritto:Non si poteva fare una legge uguale per tutte le regioni?


Magari, ma putroppo non è così: infatti questa sezione è nata proprio per questo motivo, per cercare da districarsi fra i regolamenti comunali di diverse città.

Re: Area sosta gratis per le auto elettriche si o no?

Inviato: 05/12/2018, 9:40
da selidori
Come ti hanno già detto ogni comune fa come vuole, purtroppo però sono d'accordo con questa frammentazione.
Ad esempio se un comune ha tantissimi parcheggi che avanzano fa bene a darli a tutti gratis, se ne ha pochi fa bene a farli pagare e magari non far pagare le elettriche ma se poi l'anno dopo tutti cambiano in elettrico ecco che bisogna reintrodurre il costo per poter creare un filtro.
Il ragionamento si capisce meglio con il discorso inquinamento che è uguale (ogni paese fa a se): se una città è superinquinata (pianura padana, ad esempio) è corretto blocchi le termiche e lasci passare le ibride ed elettriche (e dal settembre 2019 solo le elettriche).
Ma se hai buona aria, è accanimento bloccare magari 3 auto in croce di quel paese anche se sono tutte e 3 a benzina "pura" e sono usate con coscienza per limitazione dei trasporti locali o per reali esigenze.
(poi aggiungerei ci sono anche restrizioni stagionali, giornaliere, fasce di orario, al superamento di certi limiti, ecc).

Semmai quel che almeno bisognerebbe fare è l'unificazione di un bollino: preso una volta con chiaramente indicato una CLASSE (perchè non basta la dizione ELETTRICO SI/ELETTRICO NO, visto ci sono vari elettriche, plugin, erex, ecc) e apposto sull'auto, poi almeno la registrazione è unica.
A quel punto su un bel sito unico istituzionale si pubblica paese per paese una tabella semplice e diretta con le restrizioni (e magari pure in formato XML utilizzabile da app, siti di terze parti eccetera, mentre ora bisogna impazzire a cercarsi la direttiva sul singolo sito del singolo paesello).
Certo, questo ha un costo e c'e' dietro tanto lavoro, per ma quello si paga il bollo, no? (chi lo paga, in alcune regioni è esente a vita per le elettriche). Oppure volete dire che l'ex ACI non fa neppure questo?

mio riassunto: https://goo.gl/xumF2e