Pagina 1 di 2

Consigli su quale scaldabagno boiler elettrico installare

Inviato: 05/01/2019, 15:17
da Diego
ciao a tutti,
in previsione del potenziamento del FV, a conti fatti (sperando siano giusti...), dovrei avere un eccesso di 1000-2000 kwh/anno
ho una taverna di circa 50 mq attualmente servita da un camino a legna idro (sistema artigianale), con puffer di 200 lt, che fa acs e serve 2 fancoil.
per svariati motivi (economici/coibentazione/culturali/religiosi ecc...) abbiamo deciso di non mettere una pdc aria aria. quindi "devo" consumare l'eccedenza.

si pensava quindi di complicare ulteriormente l impianto esistente aggiungendo un bollitore elettrico che smaltisse i kwh di troppo e allo stesso tempo riducesse l'uso della legna.

accetto consigli sia del bollitore tipo
sia alternative...ovviamente con costi "adeguati"

grazie

Re: Consigli su quale scaldabagno boiler elettrico installare

Inviato: 05/01/2019, 16:05
da gianni.ga
Io ho montato questo:
https://www.climacasashop.it/en/pompa-d ... -300l.html
Fra le varie opzioni si può connettere al monitoraggio del fv per aumentare la temperatura di base fino a 20 gradi in più sulla base dell'eccesso di produzione.
Non avendo lo scambiatore esterno è molto rumoroso e andrebbe montato in un locale insonorizzato.
Ci vorrebbe qualcosa di analogo ma con l'unità esterna come le pompe degli split.

Re: Consigli su quale scaldabagno boiler elettrico installare

Inviato: 05/01/2019, 16:44
da marcober
O metti come ti hanno consigliato un termoboiler a pdc (esistono anche con unita esterna), oppure metti una resistenza nel puffer che hai (se hai una flangia libera, costa pochissimo).
Però non capisco come si possa accetare una pdc che fa acqua calda e non volerneuna che fa aria calda...

Re: Consigli su quale scaldabagno boiler elettrico installare

Inviato: 05/01/2019, 17:03
da Diego
grazie per le risposte. mi son spiegato male probabilmente. intendo un boiler elettrico (quelli da 50-80-100 l per intenderci ma senza pdc integrata) (la resistenza nel puffer di cui ignoravo l esistenza e ti chiederei qualche riferimento (puffer 200 litri))
vorrei spendere meno di 500 €

Re: Consigli su quale scaldabagno boiler elettrico installare

Inviato: 05/01/2019, 17:12
da marcober
Diego..se hai un accumulo esistente e lui ha una "flangia"..esistono delle resistenze elettriche flangiate da montare .
Levi il "tappo" attuale e metti la resistenza gia flangiata...coleghi 2 fili ..metti orologio per regolarla..metti termostato per farla accendere (usando sonda esistente, magari..) ed è fatta. Batti "resistenza flangiata"...

Re: Consigli su quale scaldabagno boiler elettrico installare

Inviato: 05/01/2019, 17:17
da Diego
ottimo...grazie mille!!!

Re: Consigli su quale scaldabagno boiler elettrico installare

Inviato: 05/01/2019, 18:20
da gianni.ga
Se prendi una resistenza il sistema di monitoraggio elios 4 u prevede questo accessorio:
https://www.4-noks.com/shop/accessori-e ... r-reducer/
Che regola la potenza collegata alla resistenza fino a un massimo di 3 kw, sulla base del surplus istanttaneo di energia.
Purtroppo non funzione con l'evr1.

Re: Consigli su quale scaldabagno boiler elettrico installare

Inviato: 05/01/2019, 18:57
da marcober
Però attenzione che il,Delta valore fra Autoconsumo e Scambio GSE non è elevato dunque spese aggiuntive fanno fatica a ripararsi...

Re: Consigli su quale scaldabagno boiler elettrico installare

Inviato: 05/01/2019, 19:09
da gianni.ga
Per recuperare 500 euro devi aumentare l'autoconsumo di 10.000 kwh.

Re: Consigli su quale scaldabagno boiler elettrico installare

Inviato: 05/01/2019, 20:08
da valbui
Diego ha scritto:ciao a tutti,
in previsione del potenziamento del FV, a conti fatti (sperando siano giusti...), dovrei avere un eccesso di 1000-2000 kwh/anno
...
quindi "devo" consumare l'eccedenza.

si pensava quindi di complicare ulteriormente l impianto esistente aggiungendo un bollitore elettrico che smaltisse i kwh di troppo e allo stesso tempo riducesse l'uso della legna.


Ciao Diego,
scusa ma ... non fai prima a ridurre l'impianto fotovoltaico? Ti costa di meno e non hai il problema di "dover" consumare la produzione.
Che fra l'altro ti costringe a comprare una resistenza (inefficientissima dal punto di vista elettrico).

So di non averti dato la risposta però secondo me hai sbagliato l'approccio.

Un saluto