Viaggio in Tesla alla scoperta della Bosnia ed Erzegovina

Spazio adibito all'organizzazione, alla segnalazione o descrizione di raduni, flash mob, incontri, viaggi ecc.
Regole del forum
Parlare di un solo e singolo argomento per discussione, nella sezione più corretta e con un titolo chiaro e descrittivo, evitando i fuori tema | Evitare di citare tutto il testo di un precedente messaggio, ma lasciare solo il minimo indispensabile usando questo sistema | Utilizzare le unità di misura corrette, in particolare i kW per la potenza e i kWh per l'energia, di cui è spiegata la differenza qui | Leggere il regolamento completo che è visibile qui
Rispondi
Avatar utente
Quell'Italiano Li
★★ Apprendista
Messaggi: 21
Iscritto il: 29/07/2019, 11:13
Località: Gorizia
Veicolo: Tesla Model 3 LR AWD
Contatta:

Viaggio in Tesla alla scoperta della Bosnia ed Erzegovina

Messaggio da Quell'Italiano Li »

Quarto lungo viaggio del 2023, dopo Finlandia, Portogallo e Ungheria. Per la prima volta usciamo con la Tesla dall'EU e andiamo a visitare la Bosnia ed Herzegovina.
La BiH è un paese che offre una miscela unica di culture e tradizioni. Sebbene il paese abbia sofferto a causa della guerra sta però cercando di ricostruirsi. Viaggiando per il paese si notano molto le differenze tra le aree principalmente abitate dalle tre etnie che lo popolano (bosgnacchi, serbi e croati in ordine di percentuale) pur vivendo tutti assieme nelle stesse città o villaggi.
Non voglio entrare nel discorso guerra ma, se state pensando di visitarla, consiglio di studiarvi gli avvenimenti sia della seconda guerra mondiale che della guerra di Bosnia perchè solo così potrete capire tante cose durante la vostra permanenza, anche se le guerre non dovrebbero essere mai giustificate a parer mio.
Dal punto di vista naturalistico il paese offre diverse attrazioni: dal parco nazionale della Una alle molte cascate sparse lungo i loro splendidi fiumi con le loro acque cristalline.
Come città da visitare tra le più grandi vi consiglio, in ordine di bellezza Sarajevo, Mostar e Bihac. Tra le piccole invece Travnik, Trebinje e Konjic.
Come in Ungheria ho riscontrato un basso costo nei bar (bibite 0,75-1,50; al max 2 euro nelle zone turistiche) e nei ristoranti (si può anche cenare spendendo al massimo 5 euro, bevanda inclusa). Come birre devo dire che mi sono piaciute la Mostarsko e la Sarajevsko.
Al contrario invece al supermercato è tutto abbastanza caro, almeno per quegli alimenti che interessavano a me e di cui solitamente faccio scorta. Infatti la gran spesa l'ho fatta poi al rientro come da consuetudine al Lidl a Zagabria
Una menzione a parte per le Pekara (pannetterie) dove quotidianamente mi fermavo per comperare il pane, qualche dolce o trancio di pizza.
Prima di affrontare il discorso elettrico vorrei segnalarvi alcune curiosità che però mi sono rimaste impresse.
In tutto il paese ci sono cani randagi, magari anche controllati però li trovate dappertutto e la notte le città, i paesi, le strade sono cosa loro. Corse, ululati, lotte...un far west.
Il paese (non che il nostro non lo sia) è molto sporco. Magari non in tutte le zone ma in gran parte del paese troverete rifiuti gettati dappertutto.
Si fuma ancora nei ristoranti e bar. Era una cosa che avevo rimosso e mi ha fatto tornare indietro col tempo.
Nelle città, nonostante le belle giornate che mi hanno accompagnato per praticamente tutto il viaggio, l'aria a causa dei mezzi di trasporto è irrespirabile. Diesel lasciati accesi e a volte anche senza conducente. Un vecchio parco auto che lascia molto spesso nuvoloni dietro di sè. Alcuni giorni ho avuto perfino nausea e sentivo la necessità assoluta di scappare in mezzo alla natura.
Lungo le strade e nei centri abitati ci sono autovelox dappertutto. Mai vista una così alta frequenza. Sembra di essere braccati e quando si lascia il paese si ha una strana sensazione di libertà.
Durante il viaggio mi sono ritrovato spesso a passare dalla Federazione di Bosnia ed Erzegovina alla Repubblica Srpska e la prima cosa che ve lo fa notare, oltre al cartello di benvenuto quando entrate in quest'ultima, sono i cartelli stradali principalmente scritti in cirillico e bandiere serbe ovunque.
In tutto il paese poi il ricordo della guerra è sempre lì presente. Memoriali grandi e piccoli a bordo strada e nelle città. Se ci si sofferma a guardare si potranno vedere molti edifici danneggiati e reduci di guerra un po' ovunque.
Passando invece alle cose più belle mi rimarrà sempre impressa la colonna sonora diffusa dagli altoparlanti delle moschee che richiamano i fedeli alla preghiera e che mi ha accompagnato per tutto il viaggio.
Parliamo ora del viaggio elettrico. Fuori dall'EU sia l'auto che i cellulari sono fuori roaming like at home (RLAM) per cui appena entrato nel paese ho dovuto procurarmi una SIM dati locale (consiglio quella della BH Telecom; trovate il post qui: https://shorturl.at/hP268). Con questa in hotspot ho potuto continuare ad utilizzare il navigatore dell'auto. Per lo smartphone in linea di massima si trovano comunque molti wifi liberi in tutto il paese, anche se le velocità sono proprio il minimo per un utilizzo normale. Soprattutto l'upload è molto basso.
Guidare una Tesla in BiH non si passa inosservati. In tutto il viaggio ne ho incrociate solo tre, delle quali solo una era targata BiH.
Ovunque potevo sentire la gente esclamare "Tesla"; i ragazzini (ma anche bambini) addirittura facevano i salti di gioia al mio passaggio. Alcuni, anche con un discreto inglese, si sono soffermati a farsi le foto e fare domande. Mi ha fatto piacere vederli felici.
Per le ricariche mi sono appoggiato ai vari Lidl in Slovenia e Croazia giusto durante le piccole pause per raggiungere il paese. In BiH invece non ci sono supercharger (Tesla non ha nemmeno i service) e quelle poche ricariche che trovate sono tutte al massimo a 22kW. L'unica da 50kW è quella sull'autostrada Mostar-Sarajevo della JP Elektroprivreda BiH d.d. Sarajevo con la quale ho preso contatti prima di partire e che mi ha inviato gratuitamente a casa la loro card per attivare le altre sette stazioni gratuite e in fase sperimentale sparse nel paese. Qui trovate il post con tutte le info per richiedere la card: https://shorturl.at/oAHL3
Questo mi ha permesso di avere una sicurezza certa sulle ricariche e quindi di poter anche testare e recensire quelle poche altre gratuite e che devo dire hanno sempre funzionato perfettamente, anche in zone remote del paese.
Se vi interessa le trovate nel mio gruppo Telegram dove come sempre approfondisco le varie stazioni dove mi fermo a ricaricare durante i miei viaggi, metodi di attivazione e loro coordinate gps: https://t.me/+Qf9jY39g7-M3Yjlk
Lato camping è stata una bella e rilassante vacanza vista la stagione e il buon meteo dell'ultimo mese. Purtroppo il paese non offre molte aree attrezzate o parcheggi puliti in prossimità di laghi o fiumi per cui ho dovuto spesso ripiegare nei centri abitati. Il consumo notturno con solo congelatore collegato è stato mediamente del 4% in modalità CAMP. Alcune notti più fresche le ho passate collegato alla colonnina e con un minimo di riscaldamento acceso (ho trovato un'escusione termica molto alta).
Il consumo in viaggio invece si è attestato sui 112Wh/km addirittura più basso rispetto ai 116Wh/km del viaggio in Ungheria (faceva più caldo). Efficienza pazzesca! (merito anche degli autovelox)
Come sempre ringrazio tutti voi che mi avete seguito durante il viaggio. Siete sempre di più e la pagina ha superato i 1000. Spero vi siano piaciuti sia quanto ho condiviso con voi che il resoconto del viaggio e ora pensiamo al prossimo
P.S. Costo totale per le ricariche elettriche: come sempre ZERO
P.P.S. Costo per tutto il viaggio: € 208,00 (di cui 28,00 di ristoranti (6), 33,00 di musei (7), 26,00 di SIM dati (2) e 121,00 tra alimenti e spese extra; questa volta durante le passeggiate mi sono concesso qualche sfizio in più) Avanti così....

Qui l'album con i post e tutte le foto:
https://www.facebook.com/media/set/?van ... 0244680648


Tutti i miei contatti e social: https://beacons.ai/mauriziofabbroni - Utilizza il mio referral https://ts.la/maurizio57534 per avere uno sconto immediato sull'acquisto di una Tesla o per effettuare un test drive gratuito.

robertocr
★★★★ Esperto
Messaggi: 2530
Iscritto il: 31/08/2019, 13:17
Località: Ferrara

Re: Viaggio in Tesla alla scoperta della Bosnia ed Erzegovina

Messaggio da robertocr »

se ben ricordo le strade sono un disastro (salvo le poche autostrade)
FV 5.2 kW + batteria LGChem + Ebike - Tesla Model Y LR "Gigetta" total black + casa full elettric con pdc,etc.etc. (prossimamente)
Avatar utente
Quell'Italiano Li
★★ Apprendista
Messaggi: 21
Iscritto il: 29/07/2019, 11:13
Località: Gorizia
Veicolo: Tesla Model 3 LR AWD
Contatta:

Re: Viaggio in Tesla alla scoperta della Bosnia ed Erzegovina

Messaggio da Quell'Italiano Li »

@robertocr Mah, dipende. In linea di massima non sono male. E' come da noi tra nord e centro/sud. Se rimani sulle statali blu sono perfette. Le gialle possono essere buone come in alcuni casi ti ritrovi tratti di strada bianca. Ma dopo tutto il viaggio posso dire che superano abbondantemente la sufficienza.
Tutti i miei contatti e social: https://beacons.ai/mauriziofabbroni - Utilizza il mio referral https://ts.la/maurizio57534 per avere uno sconto immediato sull'acquisto di una Tesla o per effettuare un test drive gratuito.
Avatar utente
giuglio nasi
★★★ Intenditore
Messaggi: 372
Iscritto il: 16/06/2021, 20:02
Località: narni
Veicolo: seat arona metano

Re: Viaggio in Tesla alla scoperta della Bosnia ed Erzegovina

Messaggio da giuglio nasi »

grazie della condivisione,molto interessante.
Ricordo che quando andai a Međugorje chiesi al ristorante la loro specialità...carne alla brace,non ci vuole molto comunque era effettivamente buona!
maxcooper18
★★ Apprendista
Messaggi: 27
Iscritto il: 10/12/2023, 23:09
Località: Torino
Veicolo: Smart #1 Premium

Re: Viaggio in Tesla alla scoperta della Bosnia ed Erzegovina

Messaggio da maxcooper18 »

Grazie della condivisione. Mi ritrovo in tante delle osservazioni fatte da @Quell'Italiano Li avendo vissuto per più di un anno in BiH. Ho intenzione di provare anche io questa tratta essendo mia moglie bosniaca.

Rispondi

Torna a “Raduni e Viaggi”